Home > Politica > Ottaviano. Udc, scontro tra Langella e Mocerino per la leadership (...)

Ottaviano. Udc, scontro tra Langella e Mocerino per la leadership locale

martedì 1 febbraio 2011, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Continua il braccio di ferro tra gli udiccini demitiani pro Giorgio Marigliano al vertice del gruppo Udc nella cittadina ottavianese.Una polemica che non accenna a fermarsi viceversa sembra incalzarsi sempre di più, il tutto in attesa del vertice provinciale che vedrà il Coordinatore Provinciale dell’Udc Ciro Alfano incontrare i due contenenti al trono. Parliamo di Biagio Simonetti battezzato tra le fila dell’Udc meno di un mese fa, in una dichiarazione ufficiale all’interno della seduta di assise pubblica e il rinomato rappresentante, uno dei primi, dell’Udc ad Ottaviano, Giorgio Marigliano, che nonostante la sconfitta alle provinciali, continua a battere con lo scudo. Ad intervenire e mantenere calda la discussione è stato il consigliere provinciale dell’Udc Pietro Langella che proprio sabato sera ha presenziato all’incontro tenuto con l’on. Ciriaco De Mita nel Salone Regina Margherita di Ottaviano. “La nostra presenza, di un intera compagine udiccina penso che abbia ampiamente premesso il nostro pieno appoggio a Giorgio Marigliano, ma quello che voglio sottolineare è che non si può continuare a fare un tipo di politica che promuova individualismi e non progetti. Il nostro impegno - incalza Langella - da sempre è quello di riunire, costruire e cercare di migliorare il nostro territorio non distruggere. Siamo una leadership nazionale, seguiamo tutti dei principi di autorevolezza e non di autorità e solo con il dialogo potremmo mettere fine a questa polemica. Marigliano è un uomo di politica che non è nato ieri, - conclude il consigliere Provinciale - ma ha dimostrato da sempre un impegno concreto per il suo territorio e non può essere accantonato, e non verrà assolutamente baipassato da nessuno. Ben vengano le adesioni da parte di altri membri, perché il gruppo deve crescere”. Ma la rottura sembra ormai evidente, testimoniata dall’assenza del consigliere regionale Carmine Mocerino, padrino politico dell’altro contendente al titolo, ovvero Biagio Simonetti. Il gruppo demitiano, che ha dimostrato la vicinanza a Marigliano anche ieri durante un incontro in Provincia con gli assessori Palumbo e Sagristani, non sembra mollare la presa, viceversa continua a mantenere caldo il confronto che dovrà culminare in una scelta. “Non ho mai professato una politica distruttiva e imperativa – ha commentato il consigliere provinciale Gianni Giugliano - gli allontanamenti non servono a nulla ed un chiarimento potrà solo portare ad una costruttività oggettiva, per un partito che forma alla collaborazione e assolutamente abolisce ogni forma di diatriba. Sono sicura che ambedue converranno ad una decisione che li vedrà operare insieme in progetti costruttivi”. A cavalcare la cresta della polemica e promulgare in un impegno chiarificatore anche il consigliere regionale Biagio Iacolare “il nostro gruppo Udc prima di tutto rispetta e condivide, si confronta e progetta, se tutti questi ingredienti sono presenti sullo scenario politico ottavianese, allora stiamo solo perdendo tempo, è tempo di rimboccarsi le maniche e lavorare per il territorio”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.