Home > Attualità > Pomigliano, Distretto 51: aggiudicata la gara per l’inizio dei (...)

Pomigliano, Distretto 51: aggiudicata la gara per l’inizio dei lavori

venerdì 4 febbraio 2011, di Isabella Esposito


Pomigliano d’Arco: Si aprono le buste e il nome della ditta appaltante finalmente si trova per dare inizio ai lavori nel distretto 51 di Piazza Sant’Agnese. Dopo ben quattro tavoli slittati tra i sindacati e l’Amministrazione dell’Asl nella persona dell’Ingegnere Walter Tiani, in qualità di responsabile del settore logistico, si inizia a muovere qualche tassello. E iniziano ad essere fissate anche le date per incontri successivi. “Ci hanno detto che i lavori partiranno mercoledì prossimo” ha dichiarato il sindacalista Cisl Felice Di Marzo, “ma d’ora in poi così come abbiamo sempre richiesto, ogni ulteriore risposta in merito da parte dell’Asl, dovrà essere ufficializzata nero su bianco, solo così potremo essere sicuri di ogni scelta ed informare al meglio gli utenti del servizio cittadino sulle successive novità in merito”. Intanto lunedì 7 i sindacati e l’ingegner Tiani incontreranno il primo cittadino Lello Russo per stabilire anche il termine finale dei lavori. La situazione sembra davvero essere arrivata ad un punto di svolta, ma nell’attesa tutto resta invariato. L’esenzione ticket e gli altri uffici ancora a Via Nazionale delle Puglie, raggiungibili con il servizio navetta messo a disposizione del comune. Tutti gli altri servizi per visite specialistiche invece, sono in appoggio presso il distretto di Somma Vesuviana e Sant’Anastasia. Il tutto accompagnato dalle proteste dei più anziani. Si ricorda che i lavori ai quali sarà sottoposto l’edificio, sono lavori strutturali su 300 metri quadrati per danni causati in seguito alla rottura di un tubo nell’impianto di riscaldamento. Questo avrebbe provocato infiltrazioni di acqua in tutta la struttura. In più ci sarebbe da risolvere il problema di rilevazione di amianto, che seppur in minime quantità rispetto ai limiti consentiti, è stato comunque ritrovato. Ancora non si è capito però, come d’improvviso ci sia stata una riunione o meglio come si siano riuscite ad aprire velocemente le buste dopo ben quattro tavoli saltati e la disperazione psicologica di chi a quel tavolo si presentava, ma senza interlocutore. “Lo addebitiamo unicamente ad una inefficienza dell’ingegner Tiani, perché non può essere spiegato in alcun modo l’evento” afferma Di Marzo “e dunque la richiesta di dimissioni non viene in alcun modo ritirata”. “Per il momento sembra davvero essersi aperto un po’ il cielo con un raggio di sole” continuano dalla Cisl, “ ma aspettiamo di vedere il tutto sottoscritto”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.