Home > Attualità > Comunicati Stampa > Napoli, "Per la dignità delle donne", Sel scende in campo contro la (...)

Napoli, "Per la dignità delle donne", Sel scende in campo contro la mercificazione dei corpi femminili

mercoledì 9 febbraio 2011, di Comunicato Stampa


Napoli. “Per la dignità delle donne” è il titolo dell’iniziativa messa in campo da Sinistra Ecologia e Libertà lancia in vista della mobilitazione nazionale “Se non ora quando?”. Appuntamento giovedì 10 febbraio alle ore 18 presso il caffè letterario “Intramoenia” di piazza Bellini.
Intervengono Enrica Amaturo, preside Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, Teresa Potenza segretaria Camera del lavoro di Napoli, Anna Riccardi componente direzione provinciale Sel e Celeste Costantino componente della presidenza nazionale di Sel. Il dibattito sarà intervallata da letture dell’attrice Elena Cepollaro.

Un’altra storia italiana è possibile, c’è un’Italia migliore per cui le donne non sono carne da macello, corpi da mercimonio, protagoniste solo in un establishment da escort. Per questo domenica 13 febbraio saremo in piazza e aderiremo alla mobilitazione promossa dalle donne a difesa della loro dignità. Non esiste la possibilità del cambiamento se non si parte dalla voce della libertà delle donne e se non ci si accorge che la violenza, la brutalità nei confronti delle donne si annida nella grammatica e nella sintassi delle ordinarie relazioni tra maschile e femminile, nei costumi sessuali, nella loro gerarchizzazione. Nel senso comune. La politica ha una grossa responsabilità: davanti a un Paese smarrito che vive al di sotto dei propri sogni e delle proprie possibilità la mobilitazione del 13 febbraio è sicuramente un tassello importante per la costruzione di un’Italia migliore.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.