Home > Speciali > Facimm Ammuin! > Celebrazione della Virgo Fidelis, Patrona dei carabinieri

Celebrazione della Virgo Fidelis, Patrona dei carabinieri

Nella nostra rubrica poca "ammuin" per questa settimana ma uno speciale per ricordare chi ci difende quotidianamente

giovedì 22 novembre 2007, di Giovanna Salvati


POMPEI - L’impegno di chi ogni giorno combatte la criminalità, degli uomini e delle donne che con il loro lavoro diventano un esempio di vita.

Questa la sintesi della figura dei carabinieri che è stata sottolineata durante la celebrazione di ieri sera nell’Istituto Bartolo Longo di Pompei dal sacerdote don Antonio. La celebrazione della Virgo Fidelis risale al 1949, quando Sua Santità Pio XII proclamò ufficialmente Maria "Virgo Fidelis Patrona dei carabinieri", fissandone la ricorrenza al 21 novembre: data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al tempio ed anniversario della "Battaglia di Culqualber".
Il 21 novembre del 1941 un intero Battaglione di carabinieri si sacrificò, in una delle ultime cruente battaglie in Africa a Culqualber. Per quell’esempio di eroismo alla bandiera dell’Arma dei carabinieri fu conferita la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare.

CELEBRAZIONE
CELEBRAZIONE

"Il carabiniere è un uomo che si impegna nella quotidianità e viene guidato da uno spirito di umilità e fedeltà, quello stesso spirito che rispecchia a pieno la Virgo Fidelis, la donna della fede. Una madre che ascolta, che soffre, che con carità e forza diventa il modello di vita e lo specchio dell’impegno per il bene che può sempre prevalere". Alla celebrazione erano presenti le autorità locali, politiche e militari del territorio vesuviano, i rappresentanti dell’associazione nazionale carabinieri e i sindaci dell’area vesuviana e torrese.

intervista iervolino

Attimi di commozione durante la lettura della preghiera dei caduti, quando al suono della tromba il ricordo è andato a quanti sono morti difendendo con fede l’eterno impegno dell’Arma. Anche qui la Provincia non poteva mancare e anche se poca è stata l’ammuina fondamentale era lasciare il segno. Prima di lasciarvi ai nostri video e foto vi ricordiamo per qualsiasi evento potete contattarci e l’ ammuin è garantita.

servizio virgo fidelis

Messaggi

  • Sempre più fan dell’Arma vero collega??E vabè...da oggi condivideremo questa tua passione anche perchè ci siamo accorti che sei proprio una bella carabiniera...ciao dal tuo fan club gigi e tony!!!

    • Carissima Dott.ssa Salvati, il suo amore e la sua stima per la Benemerita
      ha qualcosa di speciale: difficilmente si trova un giornalista o qualsiasi
      altra persona che dedica a questa istituzuine così tanto tempo e
      soprattutto così tanta gloria.!!!
      Prendendo spunto dalla celebrazione della Virgo Fidelis (a proposito, il
      95% dei militari non sa nè cosa voglia dire nè in che lingua sia
      scritto)viene messo in evidenza la predisosizioni degli uomini in divisa al
      sacrificio, al senso e dovere e civico e a quello spirito di abnegazione
      tipico in chi offre la propria vita per il prossimo.Belle parole
      effettivamente, mi sembra un ritratto da libro Cuore, dove la giustizia
      trionfa sempre contro ogni supruso; ma la realtà è differente, dietro
      ogni forma di celebrazione qualcuno cerca di nascondere la sconfitta
      dell’Istituzione con la I maiuscola, legata a facili trionfalismi e
      campagne di marketing publicitario come se L’Arma fosse un prodotto da
      lanciare in un supermercato.
      Cara dott.ssa, provi a chiedere ai Militari cosa vuol dire essere
      Carabinieri(sempre con la C maiuscola, se lo ricordi nei suoi prossimi
      articoli)sempre più spesso maltrattati dai loro stessi superiori, bramanti
      della loro carriera e farsi belli davanti alle TV o hai giornali a mostrare
      le loro faccie di bronzo nel commentare dati o eventi criminosi.
      La soddisfazione del Carabiniere viene dalla gente comune, quella che non
      ha la possibilità di avere una rubrica on-line o di partecipare ai galà
      sempre più selezionati e nello stesso tempo ipocriti.
      Ha compreso Dott.ssa Salvati..? non ne faccio una colpa, lei non puo’
      sapere alcune cose e anche se le sapesse, non le converebbe scrivere a
      riguardo.
      In fondo, a chi interessa se un Carabiniere stia bene o meno, l’importante
      che indosso con fierezza la sua cara divisa.
      Quindi per concludere, Cara Dott.ssa, meno muine e più sostanza, in
      quanto così facendo continua a fare il gioco dei più forti, coloro che
      che considerano e classificano un semplice Carabiniere un numero.

    • Ciao sono una figlia dell’Arma e volevo far sapere che ho partecipato alla messa per la celebrazione della Virgo Fidelis. Io sono cresciuta con l’amore per l’Arma e per tutti quei Carabinieri (compreso mio padre) che giorno dopo giorno con grande DEDIZIONE operano per e con la gente. Mio padre sfortunatamente è venuto a mancare lo scorso anno. E’ stato investito da un auto. Era stato congedato per motivi di salute ma ha continuato amorevolmente ad essere un Carabiniere come Presidente dell’ANC del nostro paese e creando il gruppo di volontariato LA BENEMERITA. A me ha lasciato oltre al suo amore anche l’amore per l’ARMA e per questo lo ringrazio. Voglio concludere con una frase che usava lui durante la celebrazione della Virgo Fidelis VIVA L’ITALIA VIVA L’ARMA DEI CARABINIERI.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.