Home > Cultura > Palma Campania, abbattimento di Palazzo Carrella. I cittadini dicono: (...)

Palma Campania, abbattimento di Palazzo Carrella. I cittadini dicono: "No!"

martedì 15 febbraio 2011, di Flavia Guarino


PALMA CAMPANIA. L’uomo è sempre stato affascinato dalle immense e intriganti costruzioni architettoniche, soprattutto se dei tempi più antichi. Ma cosa succede quando il simbolo della storicità di un paese, seppur di provincia, diventa scomodo?
E’ quello che si è chiesto la cittadinanza di Palma Campania che, all’alba dell’ennesima proposta di abbattimento di uno dei più importanti edifici del centro storico palmese, ha promosso una petizione a favore della salvaguardia di Palazzo Carrella, simbolo della crescita sociale e culturale del comune napoletano.
Il tutto nasce quando , dopo la vendita da parte dell’amministrazione comunale dell’immobile, il complesso passa in mano a privati, cadendo vittima del progetto di riqualificazione del centro storico ( ovvero il riutilizzo sociale di edifici religiosi, come dettato dal piano regolatore odierno). Ciò comporterà per Palazzo Carrella, non solo l’abbattimento ma anche la riedificazione di complessi abitabili, privando quindi i cittadini palmesi di uno dei simboli più caratteristici del proprio paese, senza contare l’enorme valore artistico-culturale che andrà perso. Inutile dire quanto le reazioni da parte della comunità cittadina siano state accese. "Solo una petizione pubblica può salvare dal degrado il centro storico".
Per i cittadini sembrerebbe una battaglia contro i mulini a vento. Riuscirà stavolta a imporsi contro le fallaci e oltremodo anticulturali burocrazie dell’amministrazione? Staremo a vedere, sperando che, almeno in questa occasione, vinca la voglia di fare di una popolazione ormai stanca e sempre più legata ai propri tesori culturali.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.