Home > Cronaca > Somma, denunciato funzionario del Comune

Dopo il blitz dell’altro giorno in via Duca di Salza, nei guai anche un imprenditore

Somma, denunciato funzionario del Comune

lunedì 21 febbraio 2011, di Gabriella Bellini


DA METROPOLIS DEL 21 FEBBRAIO

Somma Vesuviana. Continuano i problemi con la giustizia per il Comune di Somma Vesuviana. Dopo la denuncia di un vigile urbano, e gli arresti domiciliari per un altro agente, i carabinieri hanno denunciato un funzionario dei Lavori Pubblici per falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. Una doppia denuncia, a dire il vero, coinvolto anche un imprenditore per lui l’accusa è legata alla realizzazione di una discarica abusiva. Tutto è cominciato il 17 febbraio, quando i militari della Stazione di Somma Vesuviana (agli ordini del maresciallo Raimondo Semprevivo) hanno ispezionato un cantiere per la lavorazione e lo smaltimento di materiali di risulta in via Duca di Salza e sequestrato un’ampia area (terreno su cui sta operando la ditta “Co.Ge.Fi.D. srl” di Somma Vesuviana), Sul suolo di circa 4 mila metri quadrati (del valore stimato di 400mila euro) era stato sistemato un macchinario per la tritovagliatura (del valore di 500mila euro, anche questo sottoposto a sequestro). Lo stesso macchinario, utile a separare il terreno dai rifiuti, fino a venti giorni fa era nel cantiere di via Dietro le Torri al Casamale, dove la ditta in questione sta costruendo un parcheggio multipiano. I militari hanno accertando che la discarica era stata realizzata senza valida autorizzazione, o meglio. L’imprenditore aveva una concessione rilasciata dal funzionario del Comune denunciato, il dirigente, infatti, non ha il titolo per il rilascio poiché il provvedimento di autorizzazione in questo caso è di competenza della Regione Campania. Oltre che per la materia trattata e i lavori effettuati in quel suolo e perché l’area in questione è sottoposta a rigidi vincoli ambientali. Un caso su cui gli uomini di Semprevivo stanno ancora indagando, non si escludono ulteriori sviluppi della vicenda. Intanto con i carabinieri sta collaborando l’ufficio Urbanistica del Comune, per verificare gli atti e le autorizzazioni rilasciate. La particolarità sta nel fatto che il funzionario comunale abbia deciso di fornire alla ditta edile l’autorizzazione che non gli competeva, scavalcando la Regione.
La “Co.Ge.Fi.D. srl” sta realizzando un parcheggio multipiano nel centro storico, un’opera pubblica che non vede mai fine. Sarebbe dovuta essere ultimata a settembre 2010 (stando al cartello sul cantiere che comunica l’avvio dei lavori), ma è ancora oggi semplicemente in fase di scavo. Un appalto che costerà un milione e seicento mila euro (finanziati con fondi Por) e che porterà alla realizzazione di un parcheggio multipiano nell’area attigua lo stabile che dovrebbe ospitare la “Casa di riposo” per gli anziani di via Circumvallazione. La ditta aveva dovuto spostare a via Duca di Salza il pesante macchinario perché molti cittadini si erano lamentati con il Comune. Quando era in funzione, infatti, molte abitazioni vicine tremavano. Un “trasloco” che però è costato una denuncia all’imprenditore edile e al funzionario che glielo aveva consentito.

Messaggi

  • Buonasera,

    Chi è l’alto funzionario in questione?
    Visto che quando ci rivolgiamo a tale ufficio per avere solo dei chiarimenti nessuno si prende la briga di darci una risposta celere ed adeguata.
    Evidentemente sarà una personcina dedita al suo lavoro, visto che si + preso la briga di scavalcare anche gli enti preposti.

  • Avevo detto di indagare, di non fermarsi, di andare fino in fondo..... ancora un pò " Raimondo detto Robin" ci sei quasi......
    Denunce a destra, denunce a manca, tribunali che tuonano di qua, tribunali che scalpitano di là.....e in mezzo sempre la P.A. o giù di lì!!! Il sindaco dovrebbe prendere esempio da Letizia Moratti e Roberto Formigoni: " se si dovesse accertare una cosa simile interverremo pesantemente", hanno dichiarato nel caso del il Pio Albergo. A Somma di Pio c’è, probabilmente solo la statua in piazza(attenzione, non fraintendiamo, non è quella di re Ferdinando ma solo quella del santo Pio)..... A casa, chi approfitta, chi fà distinguo, chi lavora solo per incassare e basta, chi si chiude nelle stanze degli uffici solo con le ditte e rifiuta o rimanda, sistematicamente, gli incontri con i cittadini, non può riamnere al suo posto, anche se è amico dell’On. Tutti a casa, sindaco, mandali tutti a casa!!! Abbi il coraggio di ripulire gli uffici e rifonda il Pdl... Taluno vi saluta.

    • Conoscendolo, credo che il funzionario non sia in mala fede, ma solo un superficiale. D’altra parte la superficialità è la cifra distintiva di quasi tutti, dal segretario, al direttore generale, alla giunta, professionalità e adeguatezza al ruolo sono parole aliene. L’unica professionista "professionale" è la povera Filomena.

    • Buonasera,
      I misfatti dei Furbetti del quartiere stanno uscendo fuori, loro e i loro amici cercano ancora di arrampicarsi per straziare ancora il nostro martoriato territorio, affinchè noi ultimi cittadini onesti non lasciamo la nostra terra, chiediamo alle forze dell’ ordine e a tutti gli organi di stampa del luogo tutto il risalto possibile su queste vicende al fine
      di cercare di contrastare tali fenomeni.

    • carissimo Dr. R. Allocca,

      So per certo che lei legge oppure fa leggere i post lasciati dai lettori dai suo collaboratori piu’ fidati (tra cui suo nipote), quindi essendo sicuro che li sta leggendo tutti e non solo quest’ultimo ma anche quello collegato, credo sia il momento da parte sua fare chiarezza al suo interno e capire di chi si puo’ avvalere e di chi sia meglio segnalare il suo operato a chi di dovere, tutto questo lo dico in virtu’ del fatto che se non lo farà lei saremo noi cittadini a farlo presente presso le autorità competenti.

      saluti

    • MI FATE RIDERE QUANDO PARLATE DI BUONAFEDE. DI DUE L’UNA. O IL FUNZIONARIO E’ DISONESTO E LA GIUSTIZIA SPERO FACCIA IL SUO CORSO. OPPURE FA ERRORI GROSSOLANI E QUINDI NON PUO’ GUIDARE L’UFFICIO AI LAVORI PUBBLICI. E POI AVREI UN PAIO DI DOMANDE CHE MI AUGURO LA DOTT.SSA BELLINI E LA SUA REDAZIONE POSSANO GIRARE AI DIRETTI INTERESSATI (NON COME HA FATTO QUALCHE ALTRO GIORNALE CHE HA PREPARATO LA MELINA!). 1)COME MAI UNA COSA CHE RIGUARDA UNA DITTA PRIVATA E’ PASSATA PER L’UFFICIO LAVORI PUBBLICI E NON PER QUELLO DELL’EDILIZIA PRIVATA DELLA DOTT.SSA IOVANE? 2) COME MAI LELLO ANGRI, L’UOMO SPAVALDO DEL FARE ED ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI PUR SENZA COMPETENZE IN MATERIA, NON E’ INTERVENUTO NELLA VICENDA? 3)CHI HA DATO L’INPUT AL DIRIGENTE PER PRENDERE QUESTA DECISIONE TANTO IMPORTANTE? LA POLITICA CHE LO HA NOMINATO, LA DITTA O HA FATTO TUTTO DI TESTA SUA? GRAZIE PER LA GENTILE ATTENZIONE E BUONA GIORNATA A TUTTI.

    • Sono delle belle domande che spero qualcuno ci dia delle risposte, sei stato attento a tutto questo io non ci avevo fatto caso a quanto sia ingarbugliata la cosa.

    • Al comune di somma vesuviana troppi sono i casi di buona fede. Il troppo storpia e fa pensare ad altro.
      un cittadino.

  • nella pochezza della vita c’è chi copia anche i pseudonimi.....ci sono taluno e taluno..... quello che ha commentato questo articolo in lettere maiuscole non si direbbe tale....Scrive, per giunta, anche male!!! Taluno (quello vero) vi saluta

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.