Home > Attualità > Comunicati Stampa > Il sindaco: "L’Amav è in liquidazione, ecco perchè"

Il sindaco: "L’Amav è in liquidazione, ecco perchè"

martedì 22 febbraio 2011, di Comunicato Stampa


SANT’ANASTASIA. Nomi, cognomi, cifre e dati. E’ quello di cui si è servito il sindaco Carmine Esposito per raccontare ai cittadini l’intricata vicenda societaria della municipalizzata Amav. Ieri sera, nella sala gremita del cinema Metropolitan - prima attraverso le slides, poi rispondendo alle domande di Daniela Spadaro, giornalista del Mattino, - Esposito ha spiegato perchè l’azienda si avvia verso la liquidazione. Vi proponiamo di seguito la sequenza delle immagini presentate.

(I SLIDE)

L’AMAV opera nel Comune di Sant’Anastasia per fornire ai cittadini i servizi essenziali e strategici nel settore dell’igiene urbana.

(II SLIDE)

Nasce nel 2000 da un accordo tra il Comune di Sant’Anastasia (socio di maggioranza con il 51% del capitale sociale) e la AMI di Imola (che deteneva il 49% del capitale sociale) Confluita poi nella HERA s.p.a. a sua volta dimissionaria che ha permesso all’Ente Comunale di accentrare presso di sé l’intero capitale diventando, così, nel 2005 l’unico proprietario dell’AMAV.

(III e IV SLIDE)

L’AMAV viene costituita in Consiglio Comunale con Delibera n. 37 del 6 giugno 2000, quando è Presidente del Consiglio Carmine Esposito, con 11 voti favorevoli e 7 contrari.

Nel 2000 l’AMAV si proponeva la gestione di più servizi inseriti nell’oggetto sociale, sia per conto del nostro Comune che per conto dei Comuni limitrofi e non.
Inoltre, aveva l’intento di porsi sul mercato e, quindi, di consentire la partecipazione, con quote pubbliche, ad altri Comuni.

(V SLIDE)

La società comincia ad operare materialmente il 2 maggio del 2001 ponendosi tra gli obiettivi quello di raggiungere in tre fasi temporali le seguenti percentuali di raccolta differenziata:

1) Fase transitoria: in attesa della stazione ecologica MAI REALIZZATA si prevedeva una percentuale di raccolta differenziata del 14,1% per l’anno 2001.

2) Fase a regime: per gli anni 2002 e 2003 si prevedeva una percentuale di raccolta differenziata del 23,3%.

3) Fase di sviluppo futuro: si proponeva il raggiungimento di quantitativi di differenziata pari al 37,5%.

Obiettivi questi MAI RAGGIUNTI, tant’è, come vedremo, che nel 2006 la raccolta differenziata era ferma al 13% (volendoci attenere ai dati ufficiali, ma ufficiosamente tutti sappiamo che nel 2006 la raccolta differenziata era assolutamente inferiore a questo dato).

(VI SLIDE)

Tutto ciò anche alla luce del fatto che nell’anno 2001 il canone corrisposto all’AMAV dal nostro Comune, per garantire il servizio e il raggiungimento di quegli obiettivi, era di 1.611.000,00 euro, mentre nel 2004 il canone era addirittura aumentato a 2.195.000,00, quindi aveva subito un aumento di quasi 600.000,00 euro per obiettivi in realtà mai concretizzati.

A questo punto, abbiamo evidenziato che nonostante ci fossero delle previsioni e nonostante fossero confluiti più soldi che sono usciti dalle tasche dei cittadini e sono entrati nelle casse dell’AMAV, in concreto non si è potuto registrare nessun dato positivo.

(VII e VIII SLIDE)

Ma ancor più gravi e che pure bisogna sottolineare, sono gli sprechi perpetrati in tutti questi anni, sprechi che hanno inciso sia sui bilanci della società, sia sul bilancio del nostro Comune, basti guardare ad esempio ai costi per il noleggio degli automezzi per il solo 2002, ammontano ad 464.000,00 euro (sarebbe costato meno acquistarli), oppure ai costi per consulenze esterne, 120.000,00 euro per consulenze legali, fiscali e di lavoro.

(IX e X SLIDE)

Ora sorge logico un interrogativo: QUEST’AMAV ERA REALMENTE NECESSARIA? Direi proprio di NO! E’ STATA SOLO UN CARROZZONE POLITICO – CLIENTELARE!

(XI SLIDE)

Ecco cosa accade:

(XII SLIDE)

Questi dati testimoniano che nel ’99 vi era una copertura del 60,4% con un costo di 1.680.000,00 euro, nel 2006 il costo del servizio è più che raddoppiato e la copertura risulta più bassa, il 49%, nonostante la tassa sui rifiuti sia aumentata progressivamente nel corso degli anni.

(XIII SLIDE)

Conseguenza di questa mala gestio è stata proprio l’aumento della tassa sui rifiuti, infatti:

(XIV SLIDE)

I° aumento – Amministrazione Iervolino + 26%

(XV SLIDE)

II° aumento – Amministrazione Iervolino + 30%

(XVI SLIDE)

III° aumento – Amministrazione Pone + 33,07 %

(XVII SLIDE)

IV° aumento – Commissario Prefettizio + 9,5 %

(XVIII SLIDE)

Che l’AMAV non fosse una società florida, che si trattasse di una società sostanzialmente in perdita, che a fronte di obiettivi non realizzati vi fossero costi elevati, tali da generare un buco che via via è diventato una vera voragine, è considerazione non di oggi e non di questa amministrazione (che purtroppo ha solo ereditato), ma è una valutazione di allora fatta dalla stessa amministrazione che non ha saputo, prima evitare, e poi far fronte alla condizione di dissesto finanziario dell’AMAV.

A questo proposito possiamo leggere stralci di documenti che sono certamente di supporto a quanto affermato:

- Nel 2003 il Sindaco in carica ritenne di sostituire il CDA a detta sua: “per dare nuovo impulso con nuovi elementi che dovevano portare nuova linfa e nuovi stimoli al raggiungimento degli obiettivi che l’AMAV si era prefissata”

In realtà Iervolino, da un lato riconosceva e annunciava le difficoltà (da qui il bisogno di cambiamento), dall’altro poneva in essere un’operazione tesa a lottizzare l’AMAV attraverso la nomina di un nuovo CDA, composto da soggetti che rappresentavano i partiti espressione della maggioranza di allora.

Questa operazione finì per suscitare l’indignazione non solo dell’opposizione, ma anche dello stesso Segretario della Margherita, Dott. Giuseppe Coppola, il quale dichiara alla stampa che: “la società in questione è servita solo per gestire la politica e invece doveva servire al Paese”.

Tali affermazioni confermano che l’AMAV non aveva alcuna utilità pubblica ma è stata costituita ed ha continuato ad operare solo come un carrozzone politico – clientelare!!!

(XIX SLIDE)

Quell’amministrazione non si è accontentata di realizzare una lottizzazione partitocratica dell’AMAV, senza trarre un oggettivo beneficio, ma ha continuato a gravare sulle tasche dei contribuenti, dilapidando le risorse pubbliche, quando…

(XX SLIDE)

Nel 2005, con un’operazione a dir poco scandalosa, ha acquistato le azioni del socio di minoranza ad un prezzo irreale ed improponibile di 410.000,00 euro, cioè ad un prezzo otto volte superiore al capitale inizialmente conferito.

In un sol colpo, a caro prezzo, il Comune di Sant’Anastasia diventa unico socio, che assume su di sé anche tutti i debiti, e unico cliente, si trova ad essere creditore e debitore di se stesso, controllante e controllato.

Tutto questo è veramente assurdo!!!

Cosa che più ci indigna è la modalità con cui tale operazione è stata attuata:

1) La società di minoranza decideva di vendere le proprie azioni e offriva in prelazione l’acquisto al Comune.

2) Il Comune incaricava un perito per effettuare una stima di valore delle azioni, questi, con fare poco chiaro, dava luogo ad un avvicendarsi di valutazioni, fino a decidere di valutare tali azioni 477.779,00 euro.

(XXI SLIDE)

3) A questo punto il Collegio dei Revisori chiamato dal Comune ad esprimere il proprio parere, rifiutava di pronunciarsi sul punto in quanto, considerata la complessità della vicenda riteneva di dover compiere i dovuti approfondimenti e, pertanto, di non poter fornire il proprio parere nei tempi richiesti.

4) Eppure, solo 4 gg. dopo, in occasione del Consiglio Comunale del 25 luglio 2005, trasmetteva nota contenete parere favorevole all’acquisto delle azioni AMAV, precisando, altresì, che: “rimane fondamentale l’attuazione della programmata vendita della quota di partecipazione ad altri soggetti (Comune di Pomigliano e Società di Caivano) che permettano un ampliamento dei mercati di sbocco, altrimenti il Comune potrebbe trovarsi a gestire da solo una società sostanzialmente in perdita, considerato, pure, che ad oggi l’unico cliente della società è lo stesso Comune di Sant’Anastasia”.

(XXII SLIDE)

AZIONI MAI RIVENDUTE!!!

TUTTO QUESTO E’ GRAVISSIMO!!!

(XXIII SLIDE)

Qual è la situazione attuale?

(XXIV SLIDE)

Attualmente l’AMAV versa in una condizione di dissesto grave, ha eroso l’intero capitale sociale, ha sperperato tutte le entrate ed ha accumulato debiti per importi insostenibili, come è palese sono i numeri a parlare per noi: basti tener presente quali sono gli importi corrisposti per il personale (la spesa media annua per ciascun operatore è di 48.000,00 euro con picchi di 80.000,000 – 90.000,00) e quali sono gli importi corrisposti annualmente per il lavoro straordinario (la spesa media annua è di 278.000,00, cioè circa 7.300,00 euro per ciascun dipendente).

(XXV SLIDE)

L’ultimo bilancio rassegnato dalla società fa emergere chiaramente tutte le patologie che via via l’hanno dilaniata: l’AMAV registra debiti verso fornitori per €. 886.000,00; debiti vs le banche per €. 100.000,00; debiti per ferie dipendenti per €. 100.000,00; debiti per cessione del V non pagate per €. 40.000,00; debiti per tasse automobilistiche per €. 11.000,00; debiti vs i sindacati per €. 10.000,00; debiti tributari per INPS, INAIL, IRES, IRAP, IVA per un totale di €. 1.288.000,00……

(XXVI SLIDE)

Insomma, l’attuale esposizione debitoria della società in questione ammonta ad un totale di €. 3.100.000,00.

(XXVII SLIDE)

Quali prospettive per il futuro?

1) Affidamento del servizio ad una ditta esterna.

2) Internalizzazione del servizio.

Messaggi

  • Cosa dire? Tutte le società che oggi si occupano di rifiuti sono in dissesto. Se solo uno pensa che gli stipendi degli autisti raddoppiano grazie alle nottate passate in coda senza poter sversare? E i crediti mai riscossi? Di questo non c’è traccia nelle diapositive. Quando hanno deciso di creare l’AMAV la situazione dei rifiuti non era quella attuale. Ora siamo nelle mani di Cesaro e Cosentino (quello che satndo ai giornali disse "Eco4 songh’io" al telefono con un casalese... speriamo bene! Io sono per internalizzare deve essere il comune a occuparsi dei rifiuti, dare a una società esterna (controllata da Cesaro -Cosentino) come credo voglia fare il sindaco significherà solo aumentare le tasse!

    • Con una società esterna sicuramente controllata dai soliti cesaro,e cosentino,per il contribuente anastasiano il prezzo aumenterà di un milione di euro.
      Oggi il Comune di Sant’Anastasia paga all’amav 2milioni e 500 mila euro di canone il restante da dove lo prende?
      I 30 addetti che fine faranno? Non possono essere riassunti dal comune si sfora il patto di stabilità.
      Per il 2011 i trasferimenti dello stato al nostro comune si decurteranno di 750mila euro.
      Dite al sindaco in italia vige ancora la democrazia,stiamo assistendo tutti alla fine dei dittatori.
      Il sindaco circa 20 anni fà è stato vice sindaco chi lo ricorda?Quale ricordo buono ha lasciato.

  • Be che dire... dopo una presentazione cosi, fatta principalmente per chi voleva sentire quelle cose e cioè dal proprio elettorato va bene, semza interlocutori però non va troppo bene. siamo tutti daccordo quando si dice che l’AMAV è stato un peso per il comune e per i cittadini però, ad onor del vero, bisogna inquadrare storicamente quello che è successo e perchè,poi, ci si è arrivati a tanti soldi di debito. è vero in questi anni ci sono stati sprechi enormi fatti da alcune persone di quelle giunte invocate dal sindaco, è vero che sono stati assunti "parenti" ed amici e questo è la cosa più grave fatta da quelle amministrazioni però.... e questo non è stato detto fino in fondo, è che, quando dall’amav arrivava la nota di adeguamento del canone il funzionario responsabile ha sempre detto "letto il contratto non spetta" e questo è stato fatto per anni, ancora oggi lo stesso funzionario rimane al suo posto, strano, poi la endemica emergenza che assale questa regione da anni (anche questa deprecabile) ha fatto lievitare i costi del servizio. forse ha ragione il Sindaco quando dice che bisogna sciogliere la società, poi vediamo come finirà. prevedo l’affidamento a società esterne all’amministrazione e cioè si ritorna al vecchio, e in questo speriamo che la città sarà più pulita

  • BRAVO BRAVO BRAVO BRAVO!!!!!!!!!!
    MENO MALE CHE ABBIAMO AVUTO LA GRAZIA DI AVERE UN COSI’ ECCELSO SINDACO.
    MENO MALE CHE DOPO ANNI DI NEGLIGENZA IL SINDACO ESPOSITO SI INTERESSA DELL’AMAV...DOV’ERA LUI QUANDO E’ NATA L’AMAV??? FORSE UN PO’ PIU’ VICINO ALL’AMMINISTRAZIONE IERVOLINO O SBAGLIO?NE VOGLIAMO PARLARE?
    PECCATO SOLO CHE CHISSA’ QUANTE DI QUELLE PAROLE SI TRADURRANNO IN FATTI. AL MOMENTO CONTINUA LA CAMPAGNA ELETTORALE, MA... MI SA CHE SONO DIMINUITI UN’ PO’ I SUOI FANS!!!

    • assodato che IERVOLINO ha fatto dei guasti il ns sindaco quando comincia a fare qualcosa:
      - affidamento del servizio ad una ditta esterna
      - internalizzazione del servizio

      senza sprechi è stato dimostrato che qualcosa puo’ migliorare ma ultimamente
      qui gatta ci cova
      attendiamo gente

    • Una serata alla B............,
      Ci mancava solo la musica, non ho capito il Sindaco voleva raccontare solo i suoi elettori la vicenda dell’Amav e Cimitero, dove nessuno poteva intervenire senza porre domande dai cittadini presenti, mi sembra poco democratico,perchè non discutere anche i tanti problemi che attanagliano la nostra città,le nostre periferie, il nuovo Sindaco che cosa a prodotto per rimuovere e migliorare queste realta’delle nostre periferie,(alvio santo spirito sempre invaso da liquidi,perche’si e tolta solo i canneti ma non l’immondizia, via eduardo de filippo la pattumiera di Sant’Anastasia, amianto mai tolta dal mese di settembre,ormai piena di immondizia,non c’è la possibilita’ di avere uno operatore ecologico per pulire le nostre strade,(al centro ci sono),la periferia è di serie b, non vengono serviti alla stessa maniera,via Dante Alichieri abbandonata da cinque mesi senza fare nulla,le nostre strade cittadine diventate propritarie di alcuni commercianti, metteno bidoni e sedie sulla strada, passi carrabili abusive senza autorizazzioni comunali con numeri di licenza,frutta e verdure venduta sui marciapide,la domenica sera è vietato andare a Madonna dell’Arco scorazzano con motociclette e motorini sulla piazza,vedete c’è da raccontare molto e non basterebbe una sola pagina, ma i Cittadini sono contenti perchè il mio Sindaco di centrodesta e migliore quello del centrosinista o viceversa, ma vi siete mai chiesti la legalità dove la mettiamo,ogni Sindaco di ogni citta’deve mettere in primis la legalità, non viene mai aperta una discussione e portata nei locali pubblici con i cittadini perche’? i cittadini di Sant’Anastasia devono discutere di tutto dall’amav al viabilià è con tutti,per poter crescere in un paese normale, dove è normale prendersi un gelato in piazza, ma purtroppo la nostra politica ormai è diventata cattiva, e non rispettosa dell’altra parte, è viceversa, non vorrei mai vedere che quando comando io faccio c’io che mi pare, ho viceversa, in questo caso perdiamo tutti, chi ci guadagna.........vi raccomado prima di ripondere pensate bene, perchè in questa città ci vivi anchè tu’! Saluti come sempre Sasso

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.