Home > Attualità > S.Anastasia. In mostra le tecnologie in aiuto dei non vedenti

S.Anastasia. In mostra le tecnologie in aiuto dei non vedenti

domenica 6 marzo 2011, di Nicoletta Romano


DA METROPOLIS DEL 6 MARZO

Sant’Anastasia. Si è tenuta ieri, presso i locali dell’Unione Italiani Ciechi di Sant’Anastasia, la “Mostra del materiale tiflotecnico” destinata a tutti gli operatori del settore. L’evento, organizzato dal responsabile territoriale dell’associazione, Giuseppe Fornaro, è arrivata al termine del corso di autonomia domestica tenuto dal volontario Antonio Maione. In esposizione sono finiti numerosi oggetti che hanno il compito di semplificare e migliorare lo stile di vita dei non vedenti. Dal portachiavi con l’orologio parlante incorporato, alla bilancia pesapersone e pesa alimenti con tanto di audio: tutti strumenti che se utilizzati al meglio favoriscono l’autonomia ed accrescono tutte le altre attività sensoriali del corpo dei non vedenti o degli ipovedenti. Nella sezione informatica sono finiti in esposizione gli schermi e le tastiere con le lettura braille, un telefono di ultima generazione con tanto di applicazione vocale ed uno screen reader che serve a tradurre in parole, e dunque in voce, tutto ciò che normalmente viene letto. Nella sezione dedicata alle attività domestiche è stato inserito un dosatore per preparare il caffè manualmente ed un dosatore per versare lo zucchero. Tra i tanti prodotti c’è anche un test color che, a seconda dell’intensità del suono emesso, lascia intendere l’intensità del colore del capo che si vuole indossare. Un’intera sezione della mostra è stata dedicata, invece, alle attività ludiche accessibili sia ai non vedenti che ai normodotati. Si parte dalle carte da gioco napoletane e francesi con scrittura braille, passando per il domino, fino ad arrivare alla tombola tattile ed alla dama con le pedine lisce e con gli incavi. “Tutti questi giochi favoriscono l’integrazione anche durante le attività ludiche – ha commentato Antonio Maione, responsabile del corso di autonomia domestica – questi strumenti favoriscono l’eterogeneità anche nel gioco perché permettono, sia ai non vedenti che non, di giocare insieme evitando l’esclusione”. Il corso, che si è tenuto nei Comuni di Sant’Anastasia, di Massa di Somma e di Cercola, è stato diviso in cinque moduli: igiene personale, cura degli indumenti, cura del corpo, cucina ed informatica. All’evento hanno preso parte anche il capogruppo consiliare del Pdl, Annarita De Simone, e la presidente della Commissione alle Pari Opportunità, Francesca Beneduce.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.