Home > Cronaca > San Giuseppe Vesuviano. Corteo di protesta contro il Generale Jucci e le (...)

San Giuseppe Vesuviano. Corteo di protesta contro il Generale Jucci e le sue decisioni. Scuole e associazioni insieme per gridare No

sabato 12 marzo 2011, di Giovanna Salvati


San Giuseppe Vesuviano. “Nascemmo città del commercio, siamo diventati città della zeppola, moriremo città dei fanghi”. Con questo slogan hanno esordito gli oltre seicento cittadini che sono scesi per le strade sangiuseppesi per protestare ancora una volta l’iniziativa dell’alto Commissario per la Bonifica del Sarno, Generale Jucci, di portare i fanghi inquinati del canale Bottaro – Fienga da Scafati a San Giuseppe Vesuviano, in un sito temporaneo di stoccaggio individuato in via Martiri di Nassirya. Preciso ed incalzate ma soprattutto senza mai mollare la presa, il messaggio dei cittadini: un secco no ai fanghi inquinati del Sarno ma si alla bonifica della Vasca al Pianillo e delle altre vasche pedemontane dell’Area Vesuviana Est”. Un emergenza che come qualche cronista del lontano 1987 già aveva ampiamente anticipato sottolineando la pericolosità dei fanghi proprio della Vasca Pianillo “ed ora invece ci obbligano ad accettare un ricatto – spiegano i componenti del comitato ambientale – prima i fanghi altrui e poi i nostri, senza nessuna rassicurazione, senza nessuna documentazione limpida e trasparente per darci reali certezze. Non possiamo e non vogliamo cedere ad un ricatto simile, ci opporremmo con tutte le nostre forze a quelle che sono scelte scellerate che offendono non solo il nostro ambiente ma anche la nostra dignità”. Ma forse per la prima volta, la cittadina sangiuseppese ha riconquistato e dimostrato che possiede un senso civico ma soprattutto una voglia di riscattarsi e riportare la propria cittadina ad un antico e seppur tramontato splendore.
E la forte affluenza di cittadini,oltre ogni ragionevole immaginazione, che hanno affollato le vie del centro da piazza Risorgimento alla casa Comunale passando per il Parco Ambrosio e la centrale via XX Settembre ha fatto toccare con mano una straordinaria perenzione. Piccoli bambini con in mano striscioni tra sorrisi tesi a smorzare i toni, e con gli occhi pieni di speranza “siamo piccoli ma le maestre ci hanno spiegato quello che faranno, non possono prima ripulire il nostro paese”. “Un grazie da parte di tutto il Coordinamento ai tanti partecipanti,alle Aziende che hanno messo a disposizione i loro veicoli industriali, alle scuole che hanno aderito, - esordiscono gli attivisti del comitato ambientale - ai commercianti che hanno sospeso la loro attività per una parte della mattinata, alle associazioni che fin dal primo minuto hanno creduto in questa lotta civile e democratica per la salvaguardia dell’ambiente,bene comune per eccellenza”. Una manifestazione tralatro completamente blindata. Alla fine della manifestazione una delegazione è stata ricevuta dalla Commissione Straordinaria,presenti il Dott. Barbato, l’Ing. Orabona e l’Arch. Esposito i quali si sono dimostrati solidali con le istanze dei cittadini e disponibili ad avere un interlocutore unico per il Coordinamento. Alla richiesta di maggior trasparenza degli atti amministrativi sulla procedura del sito e sulla disponibilità a scendere in campo con i cittadini contro l’operazione messa in atto dal Generale Jucci “si sono dimostrati un po’ troppo convinti che i poteri straordinari possano invalidare i nostri sforzi”.Il Coordinamento ha dato appuntamento a tutti i cittadini lunedì 14 marzo alle ore 19,00 presso la Sala delle suore dei Casilli.

Messaggi

  • Cara Dottoressa Salvati a San Giuseppe Ves. sta nascendo la Primavera Sangiuseppese. Così come è scritto nel nostro stemma " FLAMIS ORIOR - Risorto dalle Fiamme" ancora una volta il nostro paese sta rinascendo dopo il lunghissimo periodo di buio morale,sociale e politico finito con il doppio scioglimento del consiglio comunale. Così ci siamo risollevati dopo l’incendio del casa comunale nel settembre del 1943 ad opera delle truppe germaniche e dei loro sodali locali,così ci siamo risollevati nel 1996 con la prima giunta di centro sinistra del dott. Massimo Ambrosio e così ci risolleveremo ancora dopo l’ultimo disastro politico ad opera dell’ex maggioranza Ambrosio.
    Spero che la leva per sensibilizzare i cittadini sia la salvaguardia dell’ambiente,ieri abbiamo avuto una prova tangibile della forza della comunità rispetto a problemi che toccano tutti indipendentemente dal colore politico. Per me è stato un momento di grande soddisfazione veder sfilare esponenti di partiti diversi e di diversa estrazione sociali sotto la bandiera dell’ambiente.
    Un grazie a tutti i partecipanti.
    MIMMO RUSSO

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.