Home > Politica > Terzigno. Langella,Udc "la vera forza sono le donne, la Boccia il nostro (...)

Terzigno. Langella,Udc "la vera forza sono le donne, la Boccia il nostro pilastro"

venerdì 18 marzo 2011, di Giovanna Salvati


Terzigno. L’Udc terzignese? La vera forza sono le donne, o meglio la donna. Unica donna presente nel direttivo udiccino Rosalba Boccia, è la prima non eletta che da mesi continua a rimboccarsi le maniche con caparbia e costanza nel cercare di costruire un impegno forte sul territorio. Al fianco dei suoi compagni di partito esponenti di ieri come Roberto Ranieri e di oggi tra i quali Nunzio Avino, Salvatore Mosca e Pasquale Ciaravola, la Boccia sembra rappresentare il volano per un partito compatto che, dopo le polemiche di questi giorni, decide di calcare ma soprattutto di sottolineare l’importanza della presenza femminile all’interno del contesto politico. “ L’impegno delle donne in politica è sempre stato un interrogativo – spiega il consigliere provinciale Pietro Langella – ma è senza dubbio è ovvio che la loro personalità, sensibilità rappresentano da sempre quella marcia in più. Quella stessa che per noi porta il nome di Rosalba Boccia, una donna, professionista nel personale come nel settore lavorativo che lo ha dimostrato conquistando il suo elettorato con numerosissime preferenze ed arrivando come prima non eletta”. E da Rosalba Boccia unico volto femminile dell’Udc parte per essere ancoraggio un modello di società cittadina più equa e solidale, per un impegno in politica con qualità, sfruttando la capacità tutta al femminile di gestire con semplicità situazioni complesse ed articolate. “Non escludiamo, anzi – continua Langella – che le nostre porte sempre aperte a donne valide e che possano fornire un valido contributo, la politica non è solo di chi la fa ma di chi la crea”. Entusiasmo pieno per questa nuova iniziativa messa in campo dall’Udc che cosi nel giro di qualche mese potrebbe vedere un vero e proprio esercito in rosa contribuire alle attività politiche del piccolo circolo locale. Una responsabilità senza dubbio diversa quella che vede le donne scendere in politica per cercare di cambiare, dove solitamente le donne cercano di farlo attraverso un confronto di idee, di informazione, di servizio, di promozione, per accrescere il protagonismo e la soggettività femminile in ogni ambito sociale cittadino. Non un modo di fare politica “per le donne”. E’un modo politico che partendo dalle competenze ed esperienze femminili allarghi a tutti l’opportunità di sentirsi attive protagoniste nelle scelte politiche cittadine. E cosi ancora una volta l’Udc torna a far parlare di se: dopo il passaggio di Avino alla giunta Auricchio e le polemiche che ne sono scaturite, finalmente un respiro di sollievo che suggerisce la compostezza e la compattezza di un gruppo che comunque sia, non ha mai smesso di persistere senza dover minimamente resistere. La persistente sottorappresentazione delle donne nel processo decisionale politico nella cittadina terzignese costituisce un deficit democratico da colmare, ma l’Udc con il validissimo modello di Rosalba Boccia, unica donna dell’Udc che continua a dimostrare il suo impegno, qualcosa a breve potrebbe cambiare e chissà che magari in un prossimo turno elettorale il consiglio comunale si vesta di più in rosa.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.