Home > Attualità > ARLI e AIDO, in Piazza Campania spazio alla solidarietà

Cristina D’Avena testimonial per l’AIDO 2008

ARLI e AIDO, in Piazza Campania spazio alla solidarietà

Nel meridione un nuovo centro per il trapianto renale pediatrico

mercoledì 28 novembre 2007, di Gabriella Castiello


MARCIANISE – Piazza Campania non è solo luogo di divertimento, ma anche il posto giusto per fare solidarietà.

Da domenica due dicembre sarà possibile sapere molto di più sull’A.R.L.I., il centro per trapianto renale pediatrico da realizzare presso l’ospedale Santobono di Napoli.
Sarà, infatti, allestito uno stand, nel quale troveranno posto gli operatori dell’A.R.L.I., che informeranno i visitatori sulle importanti attività che svolge questo centro.
L’obiettivo è quello di attuare una campagna di sensibilizzazione sulle problematiche della leucemia infantile.
Con i fondi che saranno raccolti si punta a costruire il centro per trapianto renale pediatrico per il meridione. In Italia meridionale non esiste alcun centro di questo tipo e nella maggior parte dei casi i bambini, affetti da gravi patologie, devono rivolgersi ai centri specializzati del Nord.
Presso l’ospedale Santobono esistono le premesse e le competenze per poter realizzare un centro di trapianto di rene nel bambino, che può soddisfare il fabbisogno regionale ed oltre.
Ma non è tutto. Sempre domenica dalle 17 alle 19 la popolare cantante Cristina D’Avena presenterà il calendario dell’AIDO 2008.
Torna, quindi, a Marcianise a distanza di due mesi la conosciutissima voce dei cartoni animati. La D’Avena era stata il primo ospite di richiamo presente al Campania, alla fine dello scorso settembre.
In questa occasione, oltre ad esibirsi sul palco, l’artista bolognese sarà impegnata in prima persona per una causa di beneficenza.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.