Home > Attualità > Comunicati Stampa > Sant’Anastasia. Il Prefetto De Martino agli studenti "una festa della (...)

Sant’Anastasia. Il Prefetto De Martino agli studenti "una festa della bandiera davvero straordinaria"

giovedì 7 aprile 2011, di Comunicato Stampa


La giornata del 16 marzo scorso, dedicata con la “Festa della
Bandiera” al 150° anniversario dell’unità d’Italia è piaciuta al
Prefetto di Napoli, dott. Andrea De Martino, che, in una sua missiva
al Sindaco, Carmine Esposito, estende i complimenti anche alla Giunta
e al Consiglio Comunale, per aver privilegiato il ruolo della
popolazione scolastica, dei giovani e ricordato il valore della
memoria storica nazionale.
“Gentile Sindaco – scrive il Prefetto - desidero farLe giungere il mio
più sentito ringraziamento per l’attenzione che ha voluto riservare
alla ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, facendomi
pervenire il programma dettagliato delle manifestazioni celebrative
promosse in codesto ambito territoriale.
Tra le tante, ho particolarmente apprezzato le iniziative che hanno
visto il coinvolgimento soprattutto della popolazione scolastica
locale.
Aver privilegiato il ruolo dei giovani in questo momento così
significativo della nostra storia, aver ricordato che il valore della
memoria e dell’Unità nazionale costituisce condizione certa ed
essenziale per consolidare la nostra democrazia, ha altamente
qualificato le solenni manifestazioni celebrative svolte.
Grazie, davvero, Sindaco per l’impegno profuso da Lei, unitamente a
tutti i componenti della Giunta e del Consiglio comunale che hanno -
ne sono certo - contribuito ad onorare la festività appena trascorsa
ed ai quali Ella vorrà estendere, nelle forme e con le modalità
ritenute del caso, i miei più sinceri e vivi ringraziamenti”.
La Festa della Bandiera – si ricorderà – voluta dal sindaco Carmine
Esposito per i 150 anni dell’Unità d’Italia, con l’ottima regia del
direttore artistico del Bicentenario Anastasiano, dott. Luigi De
Simone, toccò punti altissimi di cultura ed arte, sia la mattina con
le scolaresche, sia di sera con la cittadinanza ed in presenza del
Prefetto.
20 metri di Tricolore teso dai volontari della Protezione Civile
aprirono il corteo di cittadini ed associazioni, che percorse le
strade cittadine fino ad arrivare al Cine-Teatro Metropolitan, con
assessori e consiglieri comunali di maggioranza e minoranza; Forze
dell’Ordine tra cui il colonnello Mario Cinque, Comando Provinciale di
Napoli; il cap. Michele D’Agosto, comandante della Compagnia dei
Carabinieri di Castel Cisterna; il maresciallo Fernando De Solda,
Comandante della locale stazione dei carabinieri, la Polizia
Municipale.
Il teatro pienissimo tributò applausi spontanei agli attori Arnolfo
Petri e Dora Celeste Amato, che insieme a I Giocondi, realtà
anastasiana di grande valore artistico, ripercorsero le tappe
significative della storia d’Italia.
“Ringrazio molto il Prefetto, ringrazio tutti ed in particolare la
popolazione scolastica, i giovani. Farò arrivare alla Giunta, ai
consiglieri ed ai nostri giovani la missiva del Prefetto, perché
sappiano cogliere il valore dello Stato accanto ai cittadini. La Festa
della Bandiera ha avuto un valore speciale per rafforzare una
coscienza civile e democratica soprattutto nelle nuove generazioni. Ne
è stato testimone il loro entusiasmo e la voglia di conoscenza nel
ripercorrere anche la storia di Sant’Anastasia col Bicentenario, a
difesa della nostra identità locale, unita con passione e orgoglio a
quella nazionale, nell’intento di rinnovare l’amore per la nostra
terra e per la nostra Patria. La missiva del Prefetto giunge in un
momento in cui è importantissima la coesione, soprattutto quando si
parla di federalismo in maniera distorta. Oggi più che mai bisogna
accompagnare il processo verso un federalismo equo e solidale con
rinnovato spirito di identità nazionale”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.