Home > Attualità > Acqua Pubblica, il Movimento a cinque stelle attacca il Prc: "In vacanza a (...)

Acqua Pubblica, il Movimento a cinque stelle attacca il Prc: "In vacanza a spese nostre"

mercoledì 13 aprile 2011


Pubblichiamo di seguito un intervento sulle dimissioni di Domenico De Falco dall’Arin scritto dai responsabili del Movimento Cinque Stelle di Pomigliano d’Arco.

Avevamo ragione noi. Mimmo De Falco nel CDA dell’Arin si sarebbe fatto solo una "bella vacanza" a spese dei cittadini in compagnia di PDL, PDmenoelle, IDV, SEL, UDC. E così è stato. La "villeggiatura" è durata quasi un anno, al modico costo (per noi) di 3000 euro al mese. Alla faccia di "fuori i profitti dall’acqua". Ne è scorsa di Acqua sotto i ponti dalla riunione del Comitato Acqua Pubblica Pomigliano di luglio 2010, quella in cui Tommaso Sodano e Mimmo De Falco ci informarono a cose già fatte della nomina del "compagno mimmo" (allora referente regionale del Comitato Acqua Pubblica) nel CDA dell’Arin in quota Rifondazione Comunista. La vicenda fece ribrezzo a tutti i Comitati d’Italia che si battevano in quei mesi per promuovere un Referendum abrogativo per la ripubblicizzazione dell’acqua. Una battaglia vinta solo per ora, si voterà il 12 e 13 giugno. In quella riunione ripetemmo più volte al "gatto e la volpe" che era una scelta insensata entrare nel Consiglio d’Amministrazione di una SPA dell’acqua per renderla pubblica (questo a detta loro il motivo della nomina). L’unica strada per la ripubblicizzazione dell’acqua era il Referendum, noi del comitato ne eravamo convinti. Parlavano a nostro favore le tante privatizzazioni che tutti i partiti a Napoli e in Campania stavano attuando da anni. Perché quei 4 affaristi si sarebbero dovuti redimere? Ma niente, non ci ascoltarono nemmeno. Qualche mese dopo poi, la sentenza 325/10 della Corte Costituzionale bloccò qualsiasi possibilità di trasformare le SPA dell’acqua in società "in house". All’argomento dedicammo una riunione del Comitato Pomigliano, ma anche in quel caso i "rifondaroli" fecero orecchie da mercante.

Ieri Mimmo "vinavil" De Falco si è scollato dalla poltrona presentando le dimissioni. Motivo? "La sentenza della Corte e la situazione critica dell’Amministrazione Comunale di Napoli hanno interrotto la possibilità di evitare l’entrata dei privati nell’Arin". Peccato che la pronuncia della Corte risale ad ottobre 2010, ci sono arrivati dopo 6 mesi? Dopo aver intascato circa 24.000 euro dei cittadini (+ un’eventuale liquidazione) per aver fatto...ehm...cosa?

P.S. anche Sinistra "Inceneritori" e Libertà e IDV hanno ancora i loro prestanomi nel CDA dell’Arin. Tutti per l’Acqua pubblica...a chiacchiere!
qui l’articolo originale

Messaggi

  • Ah questa articolo è emblematico e del perché la sinistra è destinata a soccombere sempre rispetto al pragmatismo del centrodestra. Si rinfaccia ad un tizio militante di sinistra di aver percepito un’indennità mensile che è quella ovvia, tra l’altro lorda, che percepiscono tutti i consiglieri di amministrazione. In un’Italietta allo sfascio, con il governo nazionale che è quello che è, la provincia di Napoli presidiata da figuri che è poco definire loschi, e che ieri hanno brindato per l’approvazione della prescrizione breve, si fa battaglia contro chi? Contro un personaggino mediocre, ma che è uno dei pochi che non abbia ancora fatto professione di fede per il Popolo della Libertà. Era un uomo inutile? Un mediocre? Almeno non stava da "da quell’altra parte", poteva essere un riferimento, rispondere qualche volta al telefono dando un’informazione...boh. era sempre meglio che niente...se il centrosinistra non troverà mai una compattezza, non vincerà mai, con grande gioia di tutti.

    • Guarda è inutile pensare al centrodestra con tono di sufficienza......i voti non sono desideri ma singole persone,,,,,e finchè la sinistra crede di avere la verità in tasca non vincerà mai......anzi adesso un FIGURO dal nome altisonante di filosofo e intelettuale ASOR ROSA chiede l’intervento dei carabinieri, della polizia e della magistratura per congelare la democrazia( visto che il pòopolo non mi vota...sai che ti faccio? ti faccio un GOLPE e cosi il popolo che non mi vota impara),,,,,,purtroppo se la sinistra evoca addirittura i militari PENSO CHE é PROPRIO FUORI ONDA, anzi è alla frutta e al fallimento totale. Perchè il presidente Napolitano sempre attento anche troppo non prende le distanze da un PARAFASCISTA che evoca i militari al pòotere? CHISSA? la troppa attenzione gli fa perdere di vista le cose serie

      VIVA SEMPRE IL SUD ANTICOMUNISTA E INDIPENDENTE

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.