Home > Attualità > S.Anastasia. GLi ex vigilini scioperano davanti alla Prefettura

S.Anastasia. GLi ex vigilini scioperano davanti alla Prefettura

martedì 19 aprile 2011, di Gabriella Bellini


DA METROPOLIS DEL 19 APRILE

Sant’Anastasia. Hanno passato la notte in auto davanti alla Prefettura, ieri mattina hanno cominciato l’ennesimo sciopero della fame, è ripresa, dunque, la protesta di cinque ex ausiliari del traffico di Sant’Anastasia. I giovani (Giovanni Pascariello, Blandisio De Marinis, Giuseppe Minieri, Salvatore Raia e Felice Nasti) stanno protestando contro il mancato rinnovo del contratto a tempo determinato da parte del Comune. I precari sollecitano un incontro con il prefetto per chiedergli un intervento in merito alla loro vertenza, che va avanti, tra rinnovi e pause, da alcuni anni. “Non potevamo lasciare il presidio”, spiegano, “I sindacati si sono già attivati per farci avere questo incontro. La nostra preoccupazione è aumentata nel momento in cui abbiamo saputo che l’amministrazione comunale ha fatto richiesta ad altri enti locali di poter accettare convenzioni per il trasferimento temporaneo di vigili da altri Comuni. Di solito per il periodo di Pasqua, per il caos che coinvolge la città con i fedeli della Madonna dell’Arco siamo sempre stati riassunti, da tempo ci avevano promesso un contratto di sei mesi che non arriva mai. Abbiamo deciso nuovamente di protestare per la mancanza di comunicazione riscontrata con gli amministratori locali”. Sembra che il Comune si sia rivolto a diversi enti e da Pomigliano dovrebbero arrivare quattro vigili per un periodo limitato di tempo a sostegno dell’attuale organico. Una notizia che ha preoccupato non poco i cinque giovani. Ieri mattina in piazza Plebiscito a Napoli anche diversi sindacalisti, gli stessi che si stanno interessando per fargli avere un incontro con il Prefetto. Da oltre un anno sono state attivate anche le procedure della “deroga assistita” per la sottoscrizione presso la Direzione provinciale del lavoro di Napoli di un contratto di lavoro a termine. Poi però questo iter si è bloccato: l’attuale amministrazione, nonostante i pareri giunti dal ministero, non ha voluto firmare il contratto definitivo.

Messaggi

  • cari ragazzi rassegnatevi siete stati presi in giro e usati da questa amministrazione (le cose serie non le apprezzate)

  • L’ennesimo flop di questa amministrazione gli anastasiani si stanno pian pianino rendendo conto della incapacità di gestire un paese come sant’anastasia da parte di questi amministratori.

  • Scusate perchè un flop dell’amministrazione? queste persone avevano un contratto a termine che gli è scaduto, punto.
    tutto il resto non conta, le promesse sono solo parole al vento... io ho lavorato per un azienda multinazionale e anche a ma facefano promesse, pero’ una volta scaduto il contratto "saluti e baci"... purtroppo e così.. ciò non toglie che sono dispiaciuto per questi ragazzi miei coetanei... solo chi ci passa può sapere cosa si prova....

    • Premetto che sono una persona imparziale.
      Senza che fate sempre i moralisti del cavolo e sempre contro tutti e tutto in questo caso l’attuale amministrazione che non c’entra.
      Gli ex vigilini conoscono bene la loro situazione ,penso che hanno letto e compreso il contratto prima di firmarlo.
      Tutti sanno che erano persone assunte a tempo determinato.Cosa possiamo fare?Io sono un ragazzo che lavora in fabbrica da 3 anni ed ho un contratto d’apprendista che dura 4.5 anni e come me c’è ne sono tantissimi altri e chi se ne frega?
      Anche con l’amministrazione Iervolino ci fu un bando di concorso per la selezione di vigili che poi li hanno mandati a casa perchp come al solito non c’erano soldi.
      E’ ora di guardare la realtà dei fatti e non essere sempre polemici.
      Saluti F.C.
      SALUTI ALL’ING. MARIO M.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.