Home > Politica > Somma Vesuviana, "Alleanza per Somma" reclama il decimo assessore

Somma Vesuviana, "Alleanza per Somma" reclama il decimo assessore

lunedì 6 giugno 2011, di La redazione


Somma Vesuviana. (Dal Roma). E adesso la parola d’ordine è: “Accelerare”, sia sui programmi che sull’intero equilibrio politico della maggioranza. Qualcosa si muove nel centrodestra sommese guidato dal sindaco Raffaele Allocca. A lanciare il sasso nello stagno politico della maggioranza è stato il movimento “Alleanza per Somma”. Secondo indiscrezioni infatti il neonato movimento politico avrebbe protocollato, nella giornata di venerdì scorso, un documento che sarebbe finito dritto sulla scrivania del sindaco Raffaele Allocca. Il testo, firmato da tutti e cinque i consiglieri comunali del gruppo (Alessandro Cimmino, Gennaro Bottino, Salvatore Di Sarno, Alessandra De Siervo e Vincenzo Piccolo) e dall’unico assessore in giunta (Ciro Cimmino) farebbe riferimento ad una serie di esplicite richieste al primo cittadino. Innanzitutto ci sarebbe una sorta di verifica politica dell’intero esecutivo. Secondo fonti certe infatti più di un malumore hanno in pancia i militanti di Alleanza per Somma per il fatto che, pur rappresentando il gruppo politico numericamente più nutrito della maggioranza, hanno in giunta il solo Ciro Cimmino in veste di assessore al Bilancio. Dunque il documento conterrebbe una sorta di accelerazione sulla nomina del decimo assessore nell’esecutivo cittadino. Anzi quest’ultima vicenda ha caratterizzato la settimana politica cittadina. Infatti da più parti era trapelata la notizia dell’imminente firma della nomina ad assessore alla Cultura ed al Cimitero Emanuele Coppola, direttore dei Beni Culturali del complesso di S.Maria del Pozzo, proprio in quota Alleanza per Somma. Però stando ai fatti l’ ingresso nella giunta Allocca di Coppola ha avuto una brusca frenata. Ma il documento conterrebbe anche un’altra serie di riferimenti che potrebbero far scricchiolare la tenuta del centrodestra cittadino. Sempre secondo spifferi di Palazzo, Alleanza per Somma avrebbe richiesto un maggior dialogo tra i gruppi politici che compongono la maggioranza. Questo perché sembrerebbe che ogni delega venga gestita in modo autonomo da chi le detiene. Altro punto toccato dal documento riguarderebbe un maggior coinvolgimento delle forze politiche nelle scelte effettuate dal primo cittadino accusato, da più parti, di isolarsi troppo spesso nelle decisioni cruciali per l’amministrazione. “Al momento non ne so niente né del documento né tantomeno dell’investitura di Emanuele Coppola” è stato il primo commento a caldo di Allocca il quale si è riservato qualche giorno di tempo per rispondere sulla vicenda.

Messaggi

  • Quando un gruppo politico chiede una verifica di giunta, l’assessore che sottoscrive il documento di riequilibrio di giunta dovrebbe dimettersi dalla carica o quanto meno non avrebbe dovuto firmare il documento.
    Ops...dimenticavo.... di parlare dell’amministrazione comunale in carica...che non ha niente che possa avvicinarsi alla parola POLITICA.
    Caro Sindaco dimetti quaest’assessore immediatamente dalla giunta e riequilibra con un nome nuovo pretendendo discontinuità rispetto al Cimmino...fai capire a questi signori che la politica è una cosa seria.

    • la politica dovrebbe essere cosa seria, ma qui a Somma non si fa politica siamo talmente caduti in basso che c’è solo da vergognarsi di chi ci amministra. DIMETTETEVI TUTTI E CAMBIAMO ATTORI QUESTO PAESE HA BISOGNO DI PERSONE NUOVE!

    • E’ VERO!!! LA POLITICA E’ UNA COSA SERIA CHE SI DOVREBBE SVOLGERE NELL’INTERESSE DELLA COLLETTIVITA’ E NON NELL’INTERESSE ESCLUSIVO DI UN GRUPPO DI CONSIGLIERI CHE SA’ ALZARE LA VOCE SOLO PER RENDICONTI PROPRI.
      PENSATE ALLE COSE IMPORTANTI E NON A FARE LA GARA A CHI OTTIENE PIU’ ASSESSORI. MENTRE VOI VI APPLICATE CON QUESTE STUPIDAGINI IL PAESE VIENE LASCIATO A SE STESSO. MI CHIEDO CHE SENSO ABBIA TENERVI ANCORA LI’... SIETE LA VECCHIA POLITICA CHE NON SA’ GUARDARE OLTRE IL PROPRIO NASO, MA LE COSE STANNO CAMBIANDO E VE NE ACCORGERETE PRESTO

    • TUTTI QUANTI VOI AVETE SENZA OMBRA DI DUBBIO RAGIONE,ORMAI SOMMA E’ DA TEMPO CHE ASPETTA RISPOSTE, MA DI SOLITO UN’AMMINISTRAZIONE VIVE DI DUE PERIODI,UNO CHE SAREBBE QUELLO BUROCRATICO, E L’ALTRO SAREBBE QUELLO ESECUTIVO, ED OGGI LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE PASSATO RIPETO IL PERIODO BUROCRATICO E’, PRONTO A DARE LE RISPOSTE DOVUTE AI PROPRI CITTADINI, INFATTI SE VI INFORMATE GIA SONO PARTITE TANTE BONIFICHE X LE ZONE PERIFERICHE LE QUALI SONO STATE SEMPRE MESSE AI MARGINI DELLA CITTA’, E TANTE SARANNO SICURAMENTE LE RISPOSTE FINO AL TERMINE DEL MANDATO.PER QUANTO RIGUARDA IL DECIMO ASSESSORE , NULLA SI PUO’ DIRE SULA PERSONA DI EMANUELE COPPOLA , UNA PERSONA SERIA,CAPACE,E STRAORDINARIA,DI LUI PARLANO I FATTI,TUTTE LE INIZIATIVE FATTE DALLO STESSO COPPOLA, STANNO OGGI SU TUTTE LE PAGINE DEI QUOTIDIANI,SOPRATUTTO QUELLE FATTE PER LA CHIESA DI SANTA MARIA DEL POZZO, E TANTE ALTRE,QUINDI PER FARVI CAPIRE NON SI STA RECLAMANDO UN’ASSESSORE PERCHE’ CI TOCCA,MA SI STA CHIEDENDO DI METTERE UNA PERSONA CAPACE AL POSTO GIUSTO,E TUTTO CIO SOLO PER I BENE CULTURALE E SOCIALE DELLA STESSA CITTA’ DI SOMMA VESUVIANA.FIRMATO IL CONSIGLIERE VINCENZO PICCOLO (ALLEANZA PER SOMMA )

  • Invece di richiedere due assesori , 3 consiglieri e 40 nullafacenti. Pensate e attivatevi a governare meglio questa citta’ aiutate i sommesi a vivere in modo decente.Un consiglio che posso dare e’ quello delle elezioni subito. Perche’ questa amministrazione non puo’ essere chiamata la giunta allocca ma bensi la famiglia Allocca.Vergognatevi.

  • DIMETTETEVI TUTTI E CAMBIAMO ATTORI QUESTO PAESE HA BISOGNO DI PERSONE NUOVE!

    Io ti inviterei a leggere questo libro per capire che qui a CORLEON-CITY può cambiare appena una nota musicale, ma non cambieranno mai i MAESTRI con TUTTI I MUSICANTI.

    IL TEATRO DELLA POLITICA SOMMESE.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.