Home > Politica > Terzigno. "Chiarezza sulle case di via Campitelli"è scontro tra Annunziata e (...)

Terzigno. "Chiarezza sulle case di via Campitelli"è scontro tra Annunziata e l’ex assessore Buoniconti

martedì 14 giugno 2011, di Giovanna Salvati


Terzigno. “E’ nostra intenzione fare chiarezza e prendere provvedimenti verso chi in questi anni ha speculato sull’intera vicenda truffando i cittadini e lo stato”. Sono le parole dell’ex Assessore Raffaella Buoniconti che fino a qualche giorno fa sedeva tra i banchi della maggioranza del sindaco Domenico Auricchio con le deleghe al bilancio e al patrimonio comunale. Ma qualche giorno prima dell’azzeramento della giunta era stata la stessa Buoniconti ad entrare nel merito della questione che ormai da giorni vede finire sotto inchiesta le villette di via Campitelli e via Delle Camelie. La Buoniconti aveva relazionato durante la pubblica assise convocata per lunedi scorso, lo stato degli immobili in questione, candendo però, a detta degli stessi consiglieri di minoranza che l’avevano ammonita, attribuendo un valore immobiliare pari a 0 ai 61 fabbricati di via Delle Camelie, e circa 250mila euro quelli invece di via Campitelli, in un mero errore di espressione o di calcolo? “L’assessore ha portato in consiglio comunale una proposta talmente lacunosa dal vedersi costretta a ritirarla- ha spiegato il consigliere di minoranza Salvatore Annunziata - in primis perchè per casette Campitelli complesso di ben 24 unità immobiliari è stato dato un valore pari a zero e in secondo luogo per via delle camelie, sul cui iter l’assessore è apparso quantomeno approssimativo non conoscendo bene lo stato dell’arte e avendo fatto conferire un inutile incarico per un parere pro veritate già reso ben due volte, è stato dato un valore di 294 mila euro frutto di una topica evidentissima atteso che 52 unità immobiliari non possono valere così poco. Insomma – conclude Annunziata - più che una valorizzazione del patrimonio una vera e propria svendita dello stesso”. Ma l’ex componente dell’esecutivo ha subito ribattuto “certo i consiglieri di minoranza hanno delle conoscenze migliori delle mie tecnicamente perché hanno vissuto quest’amministrazione prima di me, ma il mio dare un incarico ad un avvocato è per poter cercare di fare chiarezza sull’intera vicenda e il tutto il prima possibile. Sono la prima – ha incalzato l’Assessore Buoniconti – a voler mettere un punto a questa vicenda, fare chiarezza e soprattutto mettere in campo soluzioni e provvedimenti che possano mettere fine alla speculazione di povere famiglie beffeggiate come lo stesso nostro ente comunale. Sono una persona dedita al sociale e quello che mi interessa è garantire trasparenza e risoluzione del problema il prima possibile. Ho chiesto tutta la documentazione relativa al caso e solo quando avrò i documenti sotto mano potrò cercare di fornire ulteriori dettagli, chiarimenti e tracciare un quadro completo”.Per il momento il caso rimane tutt’ora aperto e in stand bye, dal momento che all’ordine del giorno nella cittadina, l’attesa maggiore viene concentrata sul nuovo esecutivo di Auricchio che verrà proclamato tra la giornata di oggi e domani.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.