Home > Appuntamenti > "Mondiali antirazzisti" sport e cultura a difesa della diversità

"Mondiali antirazzisti" sport e cultura a difesa della diversità

sabato 9 luglio 2011, di Roberto Sdino


Bologna. Sono cinquemila gli sportivi attesi per la cinque giorni di sport, musica, cultura e dibattiti a difesa delle diversita’ dei "Mondiali Antirazzisti". E’ prevista un’affluenza di 30 mila persone provenienti da 20 Paesi per la quindicesima edizione della rassegna organizzata dalla Uisp a livello nazionale che, dopo tre anni a Casalecchio di Reno (Bologna), cambia location e sbarca a Modena. Dal 6 al 10 luglio il parco di Bosco Albergati a Castelfranco Emilia sara’ animato da tornei di calcio, basket, pallavolo, rugby e cricket. In piu’ musica, cultura e dibattiti a difesa del valore di tutte le diversita’. Alla luce degli avvenimenti che hanno segnato l’Africa del Nord, intende concentrarsi appieno sulla riflessione del concetto di migrazione e sul diritto dei popoli alla mobilita’".
Ai Mondiali Antirazzisti parteciperanno circa 200 squadre di calcio a 7, coinvolte in un torneo non competitivo basato solo sulla voglia di stare insieme e progettare un mondo in cui le differenze non siano usate come strumento di discriminazione. Migliaia di ragazzi e ragazze da tutto il mondo condivideranno cinque giorni di festa e di sport. Il tema dell’integrazione tra varie etnie, religioni e condizioni sociali e’ basilare, affinche’ la societa’ risulti sempre piu’ coesa e priva di conflitti". L’evento gode del patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Modena e del Comune di Castelfranco Emilia. La partecipazione a tutte le attivita’, compresi i concerti serali, le proiezioni di film, i laboratori sportivi di giocoleria, yoga, ginnatica, parkour e giochi tradizionali, nonche’ i dibattiti con ospiti italiani e stranieri.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.