Home > Attualità > Il fatto > Annuncio d’amore o religioso? Mistero a Somma Vesuviana

Annuncio d’amore o religioso? Mistero a Somma Vesuviana

martedì 19 luglio 2011, di Giovanna Salvati


Somma Vesuviana. “Cerco Madonna dell’Amore…” non è un annuncio pubblicitario, o forse si? Non è una dichiarazione d’amore, o forse si? Non è un appello di fede, o forse si? Nessuno sa dirlo, ma quel che è certo è che da ieri mattina quel manifesto, o meglio quegli unici tre manifesti, continuano ad essere li, e a destare sospetti, curiosità e soprattutto tanti, troppi interrogativi, ai quali difficile è dare una risposta. Ma nel frattempo l’inciucio di quartiere è partito. C’è chi parla di una dichiarazione d’amore, di un messaggio in codice, di una ricerca di miracolo, o chi addirittura con timore pensa a messaggi di sette sataniche. Quel che è certo che chiunque sia l’autore di questo manifesto, ha scelto solo via Tavani come luogo di affissione. Perché ? Una ricerca di una Madonna, che se effettivamente rispecchiasse un messaggio religioso, potrebbe ricondurre alla giovane Madonna dell’Amore , ovvero quella rinomata per le sue apparizioni, Fatima, anche se come mamma di amore, anche la Madonna di Medjugorie per certi versi nella simbologia religiosa viene ricondotta all’Amore. Il manifesto non porta nessuna firma, e appare solo in calce con inchiostro rosso: rosso fuoco d’amore o effettivamente un messaggio di speranza di chi non riesce a trovare la Madonna? Una cosa è certa se questo messaggio fosse davvero reale e bastasse un manifesto ad invocare miracoli, da domani non solo la città di Somma potrebbe trovarsi tappezzata di affissioni, ma l’intero territorio. Altra interpretazione è quella che sembra provenire dalla letteratura: il grande Petrarca nel Canzoniere scriveva della Vergine Bella, quella donna Laura, simil ad una Madonna. La Madonna presentata da Petrarca, nell’ ultima composizione del Canzoniere, infatti diversamente, ad esempio, da quella dantesca appare però più Madre che Regina. Quella che il poeta rivolgeva alla Vergine era una lode, ma una lode dettata dall’affetto filiale e dalla fiducia, che egli ha, di poter ottenere quanto chiede proprio perché Maria rappresenta per lui la figura materna alla quale chiedere aiuto, conforto e sostegno nelle diverse battaglie spirituali che la vita presenta. Certamente l’annuncio rispolvera qualche caso già verificatosi nel vesuviano: il primo quattro anni fa proprio a Somma. Un giovane in cerca della sua Regina fece affiggere in città manifesti simili a quelli che sono in via Tavani, ma tappezzò l’intero paese, il tutto firmandosi con un semplice alberello, messaggio senza dubbio in codice ma che suscitò scalpore. Ad Ottaviano invece l’idea fu molto più geniale ed accattivante. Un giovane scapolone d’oro, di 36 anni, il suo nome risultava essere Alberto, si faceva promotore di un volantino, nel quale chiedeva attraverso una serie di caratteristiche ben precise una moglie. Sul volantino richiedeva tanto di curriculum e foto da inoltrare via mail, per poi essere ricontattate, il tutto da prendere seriamente e con tanto di formula finale “no perditempo”. In città scattò subito la corsa all’uomo, ma del suo fidanzamento ed eventuale prole tutt’ora non se ne sa nulla. Insomma che dire, ormai se ne inventano una più del diavolo, ma quando si parla della Madonna, le cose senza dubbio cambiano.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.