Home > Musica > Mariglianella for Darfur, Premio Gallo d’Oro a Tony Esposito

Comunicato stampa comune di Mariglianella

Mariglianella for Darfur, Premio Gallo d’Oro a Tony Esposito

Si dichiarano soddisfatti gli organizzatori:”E’ stata una fatica immensa. Una stanchezza infinita. Tanti gli ostacoli fino all’ultimo che abbiamo dovuto affrontare, ma contenti di aver contribuito ad una causa nobile e sincera nell’ottica della beatificazione del venerabile don Carlo Carafa e della promozione culturale del nostro territorio.

martedì 19 luglio 2011, di Mauro Romano


Il premio Gallo d’Oro in memoria del venerabile Carlo Carafa, ideato e diretto dalla giornalista Anita Capasso con il patrocinio del comune, per questa quinta edizione è stato assegnato al noto percussionista partenopeo Tony Esposito, testimonial del progetto promosso dal segretariato sociale Rai per la costruzione di un ospedale pediatrico in Nyala.

A Tony Esposito è stata conferita anche l’opera d’arte del maestro di arte presepiale Giovanni Cardiero, realizzata in esclusiva per il premio
Gallo d’Oro. Si chiama Sentirai il cd, cooprodotto dalla direzione commerciale giorni di arte cultura e spettacolo a cui ha preso parte anche il produttore musicale Peppe Ponti promotore del progetto in sostegno del Darfur e il produttore Pasquale Capasso. Presente all’evento anche il giornalista di miss Italia, Giuseppe De Girolamo e le telecamere di telecapri event con il giornalista, Antonio Parrella.

Premiato anche il critico musicale de Il Mattino Federico Vacalebre per il suo impegno in ricordo della figura di
Renato
Carosone a cui è stato dedicato anche l’ultimo libro scritto dal noto
giornalista dello spettacolo: “Un americano a Napoli” . Per la legalità il
premio è stato assegnato a don Tonino Palmese, responsabile regionale di
Libera, impegnato in prima linea per la lotta alle mafie. Altri
riconoscimenti
sono stati assegnati alla cantante partenopea Monica Sarnelli, al
percussionista Ciccio Merolla, a Franco Del Prete ex Showmen, al Giardino
dei
Semplici, ai Targato Na, ai Bluesaddiruse, ai Rarecanova, ai giornalisti e
scrittori Carmine Aymone e Michelangelo Iossa, autori del libro Paul Mc
Cartney
a Napoli, ai cabarettisti Rosario Verde e Alan De Luca, all’attore della
Squadra Vincenzo Soriano, all’attrice Mary Aruta, ai dj Dino Piacenti,
Gigio
Rosa e Daniele Decibel Bellini, al percussionista Tony Cercola e
all’operatore
culturale, Enzo La Gatta, delle Nacchere Rosse. Altri riconoscimenti sono
andati alla conduttrice di Canale 21, Lorenza Licenziati e alla showgirl,
Sabrina Ciotola. Per la sezione neomelodica al cugino di Gigi D’Alessio,
Paolo
e per il cinema al Trailer Sodoma.. Premiate anche le vecchie glorie del
Napoli, Massimo Filardi e Antonio Capone. Il sindaco Felice Di Maiolo in
collaborazione con l’assessore allo sport e spettacolo, Felice Porcaro oltre
che dell’ assessore Arcangelo Addeo, ha colto l’occasione per premiare
anche
la scuola calcio locale.

Per la sezione narrativa e letteratura sono stati
premiati Annalisa Alfano, Daniele Miele e Santo Consoli, Ad aggiudicarsi il
festival musica attiva per la legalità, condotto da Michele Petillo e
coordinato per la parte tecnica e organizzativa da Mario Capasso, è stata
Carmela Aponte risultata anche la migliore artista femminile, al secondo
posto
Alessandro D’Andrea e al terzo posto Grace. Per la sezione migliore inedito
la
giuria tecnica, presieduta da Domenico Ottaiano, ha premiato la cantautrice
Valentina Anya Cerqua, con un commovente testo dedicato all’amica 16enne,
scomparsa prematuramente. Nella 3 giorni presentata dall’elegante Patty De
Blasio e dalla briosa Mary Ginger Civita con la direzione di Carmen
D’Auria, a
prevalere è stata la solidarietà e la lotta alle mafie nel ricordo di Paolo
Borsellino e Giovanni Falcone. Premiato per il settore imprenditoria
Fabiano
Esposito.

Scenografia dell’evento, che si è aperto con il memorial generale
dell’esercito italiano Sebastiano Giuliano, nel corso del quale è stato
premiato anche il comandante provinciale della guardia forestale Vincenzo
Stabile e Michelangelo Mocerino, è stato un quadro sei metri per tre
dedicato
all’Unità d’Italia e realizzato in esclusiva per l’evento dall’artista Sirio
che sarà donato al comune di Mariglianella in ricordo del Premio Gallo
d’Oro e
del venerabile don Carlo Carafa. Le coreografie sono state curate dalla New
Generation Crazy Dance di Gaetano Buonaurio. Suggestiva anche la mostra
degli
artisti Salvatore Nardulli, Fratiello, Persico e Mastrogiacomo che è stata
inaugurata con un convegno sulla storia patria a cura dello storico Leonardo
Brunacci. Premiato per la progettualità dell’orchestra Michele Novaro in
sostegno dei diversamente abili con l’associazione Di,Vo e il comune di
Marigliano.

Gli intermezzi musicali dell’ultima serata sono stati affidati
al
sax tenore della Giannino Band.. Le introduzione storiche e antropologiche
sono state curate dall’esperto di topografia antica Pierfrancesco Rescio e
da
Giovanni Villano, giurato. I filmati e le riprese sono state curate dal
docente
esperto di beni culturali, Gino Monda .

Si dichiarano soddisfatti gli organizzatori:”E’ stata una fatica immensa. Una stanchezza infinita. Tanti gli ostacoli fino all’ultimo che abbiamo dovuto affrontare, ma contenti di aver contribuito ad una causa nobile e sincera nell’ottica della beatificazione del venerabile don Carlo Carafa e della promozione culturale del nostro territorio.

Ci piace sognare e condividere le emozioni con la collettività”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.