Home > Cronaca > Ottaviano. Riciclo del vetro. L’appello del Presidente della San Domenico (...)

Ottaviano. Riciclo del vetro. L’appello del Presidente della San Domenico Vetraria

martedì 2 agosto 2011, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Riciclo del vetro: l’appello dell’azienda San Domenico “noi compriamo rottami provenienti dal recupero dei rifiuti della nostra stessa città”. Una doppia beffa quella che si consuma ormai da diversi mesi nella cittadina ottavianese, che vanta uno dei poli industriali più all’avanguardia nella sfera del vetro, un istituzione nel settore che ormai detiene e continua a tessere il primato attraverso la produzione di bottiglie con un personale di tutto rispetto che prima di tutto lavora con passione e per passione ma che ogni giorno si trova a fare i conti con una triste realtà. A dire del presidente della San Domenico Vetraria di Ottaviano, Luigi Iervolino, le balle di rifiuti esportate (a pagamento) in Germania verrebbero selezionate dai tedeschi e i rottami di vetro venduti alla stessa regione di provenienza. “La San Domenico Vetraria con sede e stabilimento ad Ottaviano, azienda specializzata nella produzione delle bottiglie di vetro, per la carenza di rottami di vetro adatti al riciclaggio e alla produzione dei nuovi contenitori, è stata costretta ad acquistare questo materiale sul mercato estero e precisamente in Germania – aggiunge Iervolino – in questi giorni è giunta al porto di Salerno una nave con un carico di 5090 tonnellate di rottame di vetro misto pronto al forno, che sono state trasportate da Salerno ad Ottaviano con autocarri “pellican” con cassoni ribaltabili. Per il trasporto del rottame sono stati impiegati circa 150 macchine di questo tipo, con notevole aggravio di costi. Questi rottami sono stati ricavati dalle numerose balle di rifiuti della città di Napoli che, giunte in Germania, sono state trattate e lavorate per il recupero dei materiali riciclati”. L’amarezza del Presidente Iervolino si fa più evidente quando ci mostra un decreto borbonico del 1832 con il quale nel Regno delle Due Sicilie la raccolta differenziata era già obbligatoria. Il documento datato il 3 maggio di quell’anno, a firma del prefetto di Polizia di Napoli Cavalier Gennaro Piscopo, in dodici articoli analizza l’intera situazione igienica, comminando pene finanche detentive per i trasgressori, tra le prescrizione principali l’obbligo di far “ispazzare la estensione di strada corrispondente al davanti della rispettiva abitazione, bottega, cortile”. I rifiuti, come si esprime il decreto, “le immondezze dovevano essere prelevate nelle ore mattutine e trasportate fuori città né i siti che verranno destinati”. Particolare attenzione ponevano le autorità al corretto comportamento delle lavandaie, che all’epoca svolgevano il loro lavoro prevalentemente nell’attuale quartiere napoletano di Santa Lucia “le lavandaie di Chiaia dovranno recarsi ne i locali a Santa Maria in Portico, dove per comodo pubblico trovarsi tutto ciò che necessita e questo perché è espressamente vietato lavare o spandere panni lungo le strade abitate”. Precisato che le norme erano in vigore “nei diversi comuni” e indistintamente per tutti “anche per i custodi di monisteri e chiese” il bando borbonico si sofferma poi su quella che oggi chiamiamo raccolta differenziata “usando l’avvertenza di ammonticchiarsi le immondizie e di separarne tutti frantumi di cristallo o di vetro, riponendoli in un cumulo a parte”.

Messaggi

  • Cara Dottoressa Salvati,dalle nostre parti c’è un detto " Fai quello che dico Io e non quello che facio Io"

    Come sicuramente Lei sa meglio di me,il Sen. Antonio Iervolino è stato amministratore di Ottaviano,consigliere provinciale,Deputato e Senatore della Repubblica e nei ritagli di tempo imprenditore del vetro a carattere nazionale visto che gestiva molti stabilimenti del settore sparsi per l’Italia.
    Ora una persona così impegnata in politica come mai non ha mai pensato di fare uno straccio di raccolta differenziata,non dico per tutto il suo vasto collegio,ma almeno per il comune di Ottaviano????
    Lei che ha raccolta questa bella intervista non poteva chiederglielo come mai non abbia iniziato la raccolta differenziata ad Ottaviano nei lontani ani ottanta quando ha fatto anche il sindaco se non ricordo male?
    Ma poi un imprenditore di tale livello,perchè non ha organizzato una raccolta del vetro a livello provinciale,indipendentemente dalla gestione politica,incentivando il settore come fanno i cartai che raccolgono la cartaccia pagandola pochi Euro/cent???
    Forse perchè non ha ricevuto sovvenzioni pubbliche? Ma queste possono essere illazioni,sarebbe interessante conoscere le motivazioni ufficiali.
    Desidero ricordare che tanti cittadini,piccoli imprenditori si sono industriati per racogliere vari materiali nobili come carta,plastica,vetro etc. rimettendoci di tasca per il solo scopo di aiutare il bene comune. E Lei lo sa bene di chi parlo.
    Mentre questi signori, che per decenni hanno gestito la cosa pubblica in queste martoriate terre dimenticate da tutti,non hanno mosso un dito, fermo restando poi di salire sul piedistallo e fare anche la morale.
    No,non è giusto. Abbiano almeno la dignità di tacere e fare un passo indietro.
    Desidero ricordare che la proprietà della San Domenico Vetraria S.p.a. non è nuova a questi proclami, già una volta alla fine degli anni ’90, mentre ci avviavamo in un processo tremendo fatto di montagne di rifiuti per strada,registrò un servizio per RAI 3 in cui chiedeva ai cittadini di dividere il vetro colorato da quello neutro! Una follia!!!
    E per le strade crescevano le montagne di rifiuti.
    Grazie per lo spazio che mi concederete.
    MIMMO RUSSO

  • Complimenti....un articolo molto intelligente....un intervista molto seria che punta il faro su problema che in molti sottovalutano "i tedeschi ci rivendono quello che noi produciamo" solo perchè hanno strumenti validi per la macinazioen del vetro? e allora con i tanti soldi che il comune di ottaviano spende per gare di appalto dedite alla raccolta differenziata, spazzamento ecc, perchè non craare un’area di trattamento dle vetro? un decreto del 1832....loro hanno seminato e se quegli amministratori ci vedessero oggi...ahi quanti dolori!! francesco annunziata

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.