Home > Cronaca > Poggiomarino. Appello contro l’elemosina: cittadina scrive al sindaco (...)

Poggiomarino. Appello contro l’elemosina: cittadina scrive al sindaco tramite Facebook

sabato 20 agosto 2011, di Giovanna Salvati


Poggiomarino. Usa il social network Facebook e attraverso la bacheca del sindaco Leo Annunziata una cittadina lancia un appello contro l’elemosina. “Esporre problemi di un paese come il nostro è senz’altro il dovere di ogni buon cittadino – si legge nella nota - ebbene,sono qui,per reclamare uno dei problemi più comuni che esiste da tanti anni non solo nella nostra comunità,ma in qualsiasi altra parte del mondo. Ovviamente non le chiedo di risolvere il problema del mondo,perchè purtroppo questo non è un fenomeno che scomparirà,anzi, col passar degli anni,e con i problemi economici che tutto il mondo ne risente giorno dopo giorno,questo problema crescerà sempre più”. Poi senza esitare continua “le chiedo di sorvegliare le zone dove zingari,chiedono elemosina sfruttando i propri figli,per lo più neonati per impietosire gente costretta a fermarsi ai semafori, non è una buona immagine questa per la nostra comunità,e soprattutto per i cittadini che ogni giorno devono sopportare la visione di questi abusi. In primis devono essere i cittadini stessi a non cedere alle calugne di queste persone,perchè anche con 10 centesimi,contribuiscono allo sporco lavoro che queste persone svolgono”. Un appello semplice ma che regala l’altra parte di una cittadina, quella fatta di povertà ma anche di sfruttamento che puntualmente si nasconde dietro le quinte di un paese. Ed è il sindaco Leo Annunziata che non si tira indietro e con spirito di confronto risponde "ho avuto modo di leggere solo oggi il commento della cittadina sulla mia bacheca perchè fuori città- spiega Annunziata - raccolgo la segnalazione con molto piacere e ringrazio la signora in questione per averci segnalato un caso che senza dubbio va approfondito. Nelle prossime settimane provvederò, con l’ausilio della polizia municipale e le forze di controllo del territorio, ad effettuare un pattugliamento della zona e cercare di porre rimedio attraverso un censimento dei rioni dove vengono avvistati questi zingari, e con loro cercheremo di individuare l’intervento più accreditato. Nel contempo però voglio approfittare per invitare la signora a chiedere interventi direttamente alle forze dell’ordine qualora vengano avvistati più di una volta e nelle stesse zone, come amministratore cercherò la più veloce soluzione, ma come cittadini dateci una mano proprio con interventi che possano, con il confronto, trovare immediate soluzioni". Un fenomeno però che inevitabilmente a Poggiomarino, come negli altri paesi, non è di facile gestione, dal momento che spesso, zingari e gli stessi bambini sfruttati ai semafori o per le strade a cercar elemosina, sono solo di passaggio, certi dell’obiettivo di oggi ma ignari della meta di domani.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.