Home > Attualità > "Occhio all’artista", rubrica sempre in vista!

PROGETTO NAPPA/FIORINO

"Occhio all’artista", rubrica sempre in vista!

Sorta grazie all’idea di due collaboratori giornalistici, il format televisivo suscita curiosità ed ampi consensi di pubblico. Riparte dal prossimo giovedì su Tlc News (canale 174) con crescente attenzione sul mondo dello spettacolo.

mercoledì 31 agosto 2011, di Mauro Romano


Passione ed intraprendenza, parole clou che si sposano alla perfezione nel progetto lungimirante ed ambizioso di due collaboratori giornalistici. Da una parte, il conduttore Giuseppe Nappa, dall’altra l’autore dei testi e il curatore delle immagini video, Antonino Fiorino.

Tanti i punti in comune che convergono verso un unico obiettivo: accrescere la visibilità del programma “Occhio all’artista” attraverso un tipo di lavoro mirato e selezionato che si addentra gradualmente nell’infinito settore dello spettacolo. Sperando un giorno di diventarne un punto fermo, giornalisticamente parlando. Le premesse, dopo un anno di ferrea attività, sono consolidate e lasciano ben sperare sul buon esito in etinere del progetto Nappa-Fiorino.

Un connubio, una collaborazione che spontaneamente affiora di comune intesa circa due anni fa e si fa strada prevalentemente a stretto contatto con i vari artisti del panorama musicale, cinematografico, culturale e teatrale sia a carattere regionale che nazionale. Un rapporto diretto con l’artista volto a svelare i momenti salienti della carriera artistica, alcuni retroscena a livello personale e professionale, e a raccogliere consigli didascalici utili ai giovani per una carriera notevole. Nel segno del talento, della meritocrazia, della dedizione e dell’innovazione.

La stessa innovazione che persegue oculatamente la versione televisiva (c’è anche una cartacea) del variegato e brillante format di approfondimento sui personaggio dello spettacolo in toto. Dal prossimo giovedì si riparte con la stessa carica di sempre con una nuova puntata condotta da Giuseppe Nappa, che intervista il maestro del teatro napoletano Carlo Croccolo, nonchè attore che ha recitato con i più grandi rappresentati del cinema come Totò, Vittorio De Sica e del teatro come Eduardo De Filippo, e contestualmente l’attrice Daniela Cenciotti, impegnata nel nuovo spettacolo itinerante di Croccolo dal titolo “150 e per la metà io c’ero”.

Tra domande di curiosità, alcune strettamente legate alla carriera tracciata dal grande maestro e dichiarazioni varie si è svolta l’ennesima intervista per l’immensa soddisfazione dei due autori, che hanno aggiunto un altro tassello fondamentale, attraverso la testimonianza di Croccolo, al novero degli artisti protagonisti della rubrica. Artisti e maestri del calibro di Pino Giordano, Ernesto Martucci, Corrado Taranto, Davide Marotta, Mario Bianco, Luigi L’Astorina, Giacomo Rizzo, Ernesto Mahieux, Gianni Ferreri, Nunzia Schiano, Gianni Simioli, Ciccio Merolla, che, per quanto sia un gruppo eterogeneo, hanno innalzato in modo incisivo il valore informativo della rubrica giornalistica.

Lo scopo è principalmente quello di proseguire degnamente il lavoro di documentare il pubblico affezionato sull’importanza professionale e sul contributo fattivo che ogni artista ha creato per far sì che il patrimonio culturale ed artistico nostrano venga definito continuamente inestimabile ed invidiabile in tutto il mondo. Un bagaglio infinito di conoscenze ed esperienza che verrà consegnato di volta in volta alle generazioni, nuova linfa vitale per la salvaguardia di tale ricchezza.

Il fulcro è rappresentato da un messaggio chiaro ed inequivocabile volto a coinvolgere una larga cerchia di pubblico, che resta sempre il diretto destinatario, affinchè l’informazione estrapolata dalla rubrica sia aperta a tutte le fasce d’età e rimanga soprattutto sempre ben in vista.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.