Home > Sport > Mirabella Eclano, Ilaria Calvanese alla finale di "Miss Vesuvio (...)

Mirabella Eclano, Ilaria Calvanese alla finale di "Miss Vesuvio 2011"

Miss Vesuvio 2011, per il terzo anno consecutivo grazie ai due Patron Nicola Pinto e Anna Maione continua a girare per le più belle location della Campania, riscuotendo ampi consensi di pubblico e di partecipazione delle ragazze.

domenica 11 settembre 2011


Miss Vesuvio 2011, il concorso di bellezza itinerante della Campania, giunto ad Avellino lo scorso 8 settembre proclama Ilaria Calvanese, Miss Vesuvio Mirabella Eclano e le apre la strada alla finalissima di ottobre.

Ilaria Calvanese vive a Napoli, nel quartiere Fuorigrotta, ha quasi 18 anni, deve frequentare l’ultimo anno di liceo classico europeo al convitto nazionale della sua città. Le sue passioni sono giocare a pallavolo e soprattutto sfilare.

Da grande vorrebbe fare la top model. Nel corso della serata Miss Vesuvio 2011, grazie ai suoi sponsor nazionali ha elargito altre due fasce, Miss Fiat a Pasqualina Bruno di Grottaminarda e la fascia Miss Altanus a Lucia Parisi di Napoli, il tutto è avvenuto nella serata finale del concorso Miss Aeclanum Italy.

La Miss Vesuvio 2011, sarà proclamata ad ottobre, e avrà la possibilità di firmare un contratto televisivo e uno di moda oltre che partecipare ad un corso di dizione e portamento.

Il prossimo 17 settembre, Miss Vesuvio 2011, farà tappa Sant’Anastasia, nella piazza di Madonna dell’Arco. A presentare la serata sarà come sempre il vulcanico conduttore televisivo Gaetano Gaudiero, alla presenza del direttore artistico di Miss Vesuvio 2011, l’attore Gianni Parisi.

Il termine ultimo per l’iscrizione al concorso, vista la grande richiesta di partecipazione è stato posticipato al 22 settembre, per le modalità basta collegarsi al sito www.missvesuvio.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.