Home > Politica > S.Anastasia, il Pd: "dal sindaco a NeAnastasia attacchi inopportuni, i (...)

S.Anastasia, il Pd: "dal sindaco a NeAnastasia attacchi inopportuni, i cittadini meritano di più"

venerdì 16 settembre 2011


Sant’Anastasia. Nel corso del convegno per discutere del Puc (Piano urbanistico comunale) dure parole del sindaco Carmine Esposito nei confronti dell’associazione "NeAnastasis" che ha poi abbandonato l’aula per protesta.
Sulla questione interviene anche il Pd, che in nota spiega: "Il Partito Democratico Sant’Anastasia esprime profonda solidarietà nei confronti degli esponenti dell’associazione "NeAnastasis" per gli attacchi, inopportuni e fuori luogo, subiti lunedì scorso, durante il convegno sul PUC, dal sindaco Esposito. Un’altra pagina di politica all’insegna dell’arroganza e del non confronto si è perpetrata nel nostro paese. I cittadini sono stanchi e meritano di più! Ma per prima cosa, indipendentemente dalle ideologie e dalle appartenenze, meritano rispetto!!!"

Messaggi

  • parole,parole parole,
    lode lode lode al Sindaco per il suo progamma.
    dico, lo faccio,già fatto, poi li metto,li mando tutti a casa,abbiamo fatto, faremo, un tormentone, è che tarantelle,ma dico io parla solo il Sindaco e voi non dite niente, basta portare la stampa e cine operatori nelle periferie per smentire tutto,avete coraggio, non è un marziano, la pubblicità il grande capo la insegnato a tutti, dimostrate che non è vero di quello che dice, basta un poco, basta vedere l’ambiente del nostro territorio, è fate una domanda secca al sindaco dovè la rete fognarie di Sant’Anastasia è dove sversano, svegliatevi, mentre voi discutete, le battaglie si perdono,la mia periferia è rimasta uguale a trentanni fà, non dimenticate c’era anche il sindaco attuale, fate voi.
    Vi saluto Sasso

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.