Home > Cronaca > Pomigliano, guerra ai parcheggiatori abusivi: in due arrestati dai vigili (...)

Pomigliano, guerra ai parcheggiatori abusivi: in due arrestati dai vigili urbani

venerdì 16 settembre 2011


Pomigliano d’Arco. Guerra aperta ai parcheggiatori abusivi. La battaglia è cominciata con l’arrivo nella stazione di Polizia Municipale di Pomigliano del comandante Luigi Maiello. Un’intensa attività investigativa ha portato alla segnalazione di tutti i soggetti dediti alle estorsioni di denaro ai danni degli automobilisti. Ieri mattina, durante una mattinata di controlli a tappeto, i vigili urbani hanno arrestato in flagranza di reato due parcheggiatori abusivi. Si tratta di Luigi Kieffer, 32 anni, e di Maurizio Terracciano, 35 anni. In un primo momento, alla vista degli agenti, i due ‘abusivi’ hanno tentato di darsi alla fuga, ma sono stati accerchiati. Hanno poi opposto resistenza tentando di evitare il controllo e proferendo minacce, contro gli agenti e contro il cittadino che li aveva precedentemente segnalati. Ammanettati e condotti al comando di via Libertà, dopo una colluttazione durante la quale l’agente Saviato è rimasto ferito tanto da dover ricorrere alle cure mediche, per Kieffer e Terracciano si configura il reato di estorsione – da accertarsi – e quello di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. La polizia municipale ha comunicato l’arresto al magistrato di turno presso il tribunale di Nola, dott. De Franchis, il quale ha disposto di trattenere i due nelle camere di sicurezza della locale stazione dei carabinieri. I parcheggiatori saranno trattenuti fino al rito direttissimo che si terrà stamane. “Entro dicembre i parcheggiatori abusivi spariranno”, è questa la promessa del maggiore Maiello. Una promessa che, a quanto pare, gode di tutti i presupposti per essere mantenuta.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.