Home > Politica > Somma Vesuviana, il sindaco Allocca cede agli scontenti del Pdl. Chieste le (...)

Somma Vesuviana, il sindaco Allocca cede agli scontenti del Pdl. Chieste le dimissioni alla Iovine

martedì 20 settembre 2011


Somma Vesuviana. Non sarebbero bastati gli elogi e le belle parole pronunciate dal sindaco Raffaele Allocca venerdì sera dal palco di I want to be clean. Alla fine il primo cittadino avrebbe, secondo quanto riferito da più fonti interne alla maggioranza di centrodestra, dovuto cedere il passo agli scontenti del Pdl ed avrebbe chiesto le dimissioni di Filomena Iovine, responsabile dell’ufficio tecnico e di quello all’ecologia dell’ente di Palazzo Torino. Secondo i bene informati il premier cittadino starebbe trattando le dimissioni del dirigente che lui stesso ha sempre difeso ad oltranza di fronte al malcontento dei suo consiglieri del Popolo della Libertà. Le dimissioni sarebbero l’unico mezzo per far uscire di scena, dopo 5 anni di lavoro a Somma Vesuviana, la Iovine visto che quest’ultima è blindata da un’investitura che dura fino a fine legislatura. Dunque sarebbe stata scartata l’ipotesi, paventata nei giorni scorsi, di spostarla verso qualche altro incarico o altro ufficio. Quello della Iovine però è solo un altro tassello verso il rimodellamento dell’amministrazione Allocca in vista dello sprint finale che porterà alle prossime elezioni comunali. Dopo l’avvicendamento traumatico di Vittorio De Filippo, sostituito come capogruppo da Rino Carotenuto, è dunque arrivato il momento della dirigente mariglianese. In mezzo la riformulazione della spesa di diversi milioni di euro prevista per le opere pubbliche cittadine. Anche in questo caso il sindaco Allocca avrebbe fatto un passo indietro aprendo i cordoni della borsa e facendo in modo di accontentare le richieste di una parte della sua maggioranza scontenta per essere rimasta per mesi ai margini del decisionismo allocchiano. Ora l’ultimo punto per “commissariare Allocca” da parte di una buona fetta di consiglieri della maggioranza sarebbe l’azzeramento della giunta anche se sembra che, fino al prossimo delicatissimo consiglio comunale sugli equilibri di bilancio, il governo cittadino dovrebbe rimanere cosi com’è. Quello che non rimarrà così com’è è senza ombra di dubbio Polis. Il gruppo politico, rappresentato in consiglio comunale da Nello Tuorto, ha ribadito di non appartenere alla maggioranza del sindaco Raffaele Allocca. Anzi ha tenuto a precisare che “c’è ancora chi continua ad attribuirci come posizionati di qua o di la, oppure appartenenti a tizio o a caio, secondo una logica di paesani schieramenti”. Della federazione consiliare con il partito di maggioranza Progetto Somma dei fratelli Sergio e Lello D’Avino però non ha parlato. E non è stato fatto alcun accenno nemmeno alle riunioni di maggioranza a cui lo stesso Nello Tuorto, eletto tra le fila della minoranza, ha partecipato qualche mese fa. E così quelli di Polis almeno una promessa elettorale l’hanno mantenuta: “Né con la destra né con la sinistra” . Un colpetto a destra ed uno a sinistra aggiungeremmo noi.

Messaggi

  • Concentrare tutta l’attenzione sui dipendenti è il solito modo del Popolo della Libertà per salvare e salvarsi. Un sindaco messo sotto assedio da accuse gravissime da parte di un imprenditore locale, accusato di governare male in generale, alle prese con un partito litigiosissimo ha creato un nuovo capro espiatorio. Naturalmente le dimissioni della Iovine non cambieranno nulla, rimarrà la zona rossa, tutti i divieti ed i problemi, a Sant’Anastasia hanno tolto il loro funzionario Pappadia, rimosso dal sindaco e dal suo assessore Giancarlo Graziani, e nulla è cambiato tranne il casino in più. E nel casino generale, non certo i migliori se ne giovano

  • Non ci credo.

    Ricordo in questi mesi, viaggiando per lavoro, quando mi chiedevano "poveretto, chissà quali disagi, a che piano ti é arrivata la monnezza ?" .... la soddisfazione con cui potevo replicare al mio interlocutore "il mio paese é pulito !, riciclone più di Milano, più di Torino, più di Bologna...."

    E quando in questi mesi il mio lavoro mi portava all’ufficio tecnico e lì trovavo TUTTI I TECNICI del paese ascoltati con competenza, tanta disponibilità ... SENZA "mediazione politica" .....

    allora mi ero illuso fosse finalmente giunta una nuova "Primavera Sommese"....

    Non riesco a credere che tutto questo finisca qui....
    se fosse vero, sento il bisogno di dire :

    Grazie Dottoressa !

    per averci resi per un pò orgogliosi del nostro stupendo Paese !

    L’Architetto

  • IN RICORDO AL TUORTO PER LA SUA MEMORIA LABILE:

    L’ANTIMANIFESTO DELLA PECORA CROCIATA

    Ringraziamo il Sindaco. Ci sta qualche dichiarazione di voto? Il consigliere Nello Turto per
    dichiarazione di voto.
    CONSIGLIERE NELLO TUORTO:
    Non sono bravo con queste attrezzature, sicuramente ho conseguito il premio, se c’è, per il
    maggior numero di assenze in Consiglio Comunale, di questo chiedo scusa al Presidente e a
    tutti i miei colleghi. Ci tenevo a fare una dichiarazione di tipo politico, non intendo
    assolutamente scendere nel merito tecnico, è stata esaustiva la relazione dell’Assessore e
    anche dei dirigenti che ho sentito nei giorni scorsi, così come la supervisione del Segretario
    Generale e del Direttore garantiscono pienamente la legittimità degli atti che ci vengono
    proposti. Io come sapete sono state eletto nelle fila del Partito Democratico e giusto un
    anno fa sono uscito dal gruppo consiliare del Partito Democratico, senza fare polemica
    alcuna con questo gruppo e con questo partito nelle cui fila sono stato eletto, in questo
    anno, che coincide anche con le assenze che ho prodotto, ho tenuto un atteggiamento di
    riservatezza e di riflessione rispetto alle vicende politiche locali, e più recentemente l’avrete
    vista comparire l’esposizione sulle mura della città abbiamo ripristinato, se così si può dire
    perché non era mai stata dismessa, l’attività del movimento politico Polis Democratica
    lanciando un segnale politico alla città dicendo “siamo democratici, siamo cristiani, siamo
    sempre dalla parte degli ultimi e dei più bisognosi”. Dico questo perché ho sentito citare
    alcune categorie politiche che io ritengo un poco obsolete, superate, anche dalle vicende
    che si stanno consumando a livello nazionale, quando oggi si parla di destra e sinistra,
    centro destra e centro sinistra, oggettivamente tanto più nelle nostre comunità diventa
    difficile identificare con precisione alcune collocazioni e alcune proiezioni di tipo ideale.
    Noi di Polis siamo una realtà moderata, cristiano-cattolica, facciamo riferimento alla
    dottrina sociale della chiesa, ovviamente come orientamento, e abbiamo incontrato poi
    lungo la nostra strada delle altre tradizioni, delle altre formazioni che magari fanno
    riferimento a un pensiero, a una visione più riformista, più liberale. Stiamo lavorando in
    maniera abbastanza assidua e compiuta, tanto è che abbiamo costituito già una federazione
    con un altro gruppo politico ben presente qui a Somma, che si chiama progetto Somma, e
    che voi tutti conoscete, soprattutto quanti dell’Amministrazione perché è ben presente
    nell’Amministrazione comunale. Ovviamente questa federazione che abbiamo costituito,
    CITTA’ DI SOMMA VESUVIANA
    Consiglio Comunale del 30 dicembre 2010
    57
    che abbiamo messo su con delle regole di pari dignità e di reciprocità, è una federazione
    politica aperta a tutti i soggetti che vogliono rivedersi in queste ideali. Ora per venire alla
    questione poi specifica del bilancio, ripeto, noi votando questo bilancio positivamente,
    ovviamente è un bilancio previsionale, quindi è un programma per l’anno a venire che
    questa Amministrazione traccia, noi è come se dessimo un segno di fiducia piena e
    preventiva prima di tutto nei confronti del Sindaco, anche richiamandoci alla sua relazione
    e alla sua esortazione, e poi ovviamente nei confronti dell’intera Amministrazione.
    Pertanto noi votiamo a favore il bilancio ma tutti i punti che sono stati accorpati nella
    discussione.

  • Cambia il capogruppo del PDL....il sindaco è del PDL......i consiglieri del PDL..... Ma il "partito PDL" fatto soprattutto di iscritti e militanti dov’è? auspichiamo anche nel nostro piccolo un "angelino alfano"!!!!!

  • Una crisi politica va affrontata e risolta subito, perchè, se dovesse durare parecchio, si rischierebbe di farla finire male.....Questa, attuale, è durata già parecchio, ne si concluderà con la capitolazione di un povero dirigente comunale incaricato. Sono i primi scricchiolii di una situazione che è arrivata al capolinea, soprattutto per volontà del sindaco: non avendo voluto mai istituire il partito con i suoi organi (segretario, direttivo, iscritti) è ovvio che a decidere sono gli eletti nelle liste del PDL e non. La partecipazione e la condivisione amministrativa con il popolo votante, è la linfa della democrazia e della vera politica; isolandosi sono sempre pochi a decidere e, forse, male. Al centro direzionale, probabilmente, qualcuno, approfittando della situazione, sta preparando qualcosa di molto più irruento dii una semplice crisi. Non arriviamo allo scontro tra Napoli e somma vesuviana (con l’appoggio di marigliano) poichè alla fine chiunque resterà in piedi, sarà, ugualmente, perdente. Taluno vi saluta

  • Bisogna cambiare mentalità!
    come si dice a napoli....."’O pesce fète d’’a capa"!, cambiando un tecnico quasi a fine legislatura può, a mio avviso, solo danneggiare e non migliorare il paese!Tutto sommato l’architetto in questione non sembra essere il male! IL MALE è quella logica clientelare di una politica spicciola senza idee, programmi e sani coinvolgimenti a 360°, che non pensa al bene comune, allo sviluppo della città e quindi a risolvere i problemi reali, ma crede solo di esercitare "il potere" per favorire qualcuno a discapito dell’intera collettività!

    Vedi on line : Somma Vesuviana, il sindaco Allocca cede agli scontenti del Pdl. Chieste le dimissioni alla Iovine

  • Beh secondo me il sindaco ha fatto bene...togliamo una persona che gioca sul buon nome della nostra città...perchè non ha fatto altro che ingannarci..VIA LA IOVINE....

    • . Iovine, tra l’altro è stata l’anima della raccolta differenziata, fiore all’occhiello di quest’amministrazione, ci ha garantito la legalità, tant’è che il nucleo di valutazione, visto il raggiungimento degli obiettivi prefissati, si è espresso sempre in maniera favorevole (Vittorio De Filippo).

      Diventa sempre più chiaro l’obiettivo di isolare il sindaco Allocca, di allontanare da lui tutti i suoi fedelissimi. Dopo De Filippo e la Iovine, il prossimo potrebbe essere uno degli assessori a lui più vicino.

      Il centro-destra è preda della confusione. I consiglieri che hanno voluto il licenziamento dell’arch. Iovine tornano sui propri passi

      Il forte attaccamento alle poltrone, però, lascia presagire un possibile accordo.

      Anche a costo di rimetterci la faccia.

  • un grazie alla D.ssa Filomene IOVINE grande esempio x Somma, ci ha insegnato e dato tanto il Casamale non dimenticherà mai questa Donna che con la sua caparbietà insieme a Sandro PICCOLO si sono arrabbiati, hanno lavorato insieme alle Associazioni e presente all’ inizio durante e dopo che Somma ha iniziato la differenziata e oggi se abbimo un paese pulito e solo grazie a loro sempre pronti a lavorare x primi, sempre con il sorriso, sempre pronti x spiegare alla gente che si faceva tutto cio’ solo x avere un paese pulito. GRAZIE GRAZIE DI CUORE IL CASAMALE E’ CON LEI.
    a chi purtroppo rappresenta Somma posso solo dire sei stato una delusione... continua cosi sempre a madare via le persone che lavorano ONESTAMENTE solo x accontentare una giunta che si dovrebbe madare solo a casa.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.