Home > Politica > Politica, Pdl prossimo al tesseramento: "referenti o amici" la caccia è (...)

Politica, Pdl prossimo al tesseramento: "referenti o amici" la caccia è aperta.

giovedì 22 settembre 2011, di Giovanna Salvati


Pdl verso il tesseramento: in vista del congresso i circoli locali si preparano ad arruolare “le nuove reclute pidielline” il tutto mentre si intensificano gli incontri per sigillare alleanze che potrebbero sancire le nuove lobby locali. Dopo una lunghissima parentesi “senza tessere” (soprattutto in alcune realtà locali) il Popolo della Libertà ha finalmente deciso di avviare la campagna adesioni. Mentre l’inventore del predellino, il protagonista indiscusso 24 ore no stop, Silvio Berlusconi, è sempre più accerchiato dalle procure di mezza Italia, il Popolo della Libertà, o meglio il suo partito, cerca di darsi una spina dorsale in vista della fase congressuale di fine anno. Ed è cosi che dalla Lombardia alla Calabria, passando per la Campania, si va alla conta per eleggere i segretari provinciali, cittadini e regionali. Senza dubbio tutto si riflette sui paesi più vicini che interessano le nostre proiezioni, che non restano di certo a guardare e per dirla breve “si organizzano”. C’è bisogno di tesserati e li si cerca in tutti i modi possibili, in modo segreto ovviamente, senza slogan o manifesti sui muri. Perchè il Pdl è diventato talmente inconsistente da non prendere forma neppure con il tesseramento coatto. Eppure anche quelle tessere preziose sembrano ormai perder colpo, se si pensa che il prezzo della sottoscrizione sia passato dai 50 euro ordinari ai più modesti 10, i numeri sono ancora bassi. Non si risparmieranno senza dubbio colpi di scena e tutto è permesso, non a caso, proprio dall’hinterland vesuviano arriva la notizia che in molti, ex amministratori e non solo, si affidano ad amici titolari di locali, discoteche, palestre, scuole e cooperative. Senza dubbio, quota a parte ricordiamo che esisterà una differenza fondamentale tra aderenti e associati, in quanto ai primi sarà permesso solo di votare nei circoli, mentre i secondi si impegnano a fare politica attiva ed hanno la possibilità di essere eletti a cariche interne al Popolo della Libertà. Insomma un indiscrezione alquanto delicata: ma come risponderanno i nostri paesi?

Messaggi

  • A Somma Allocca ormai si prepara ad andare a casa, la sua maggioranza lo tiene bene in pugno e tra questi si cela il suo antagonista politico, che possa essere un consigliere o un ex assessore a sponsorizzarsi già come sindaco di domani....Per Ottaviano la risposta è gà arrivata: il Pdl non è mai esistito, il Cappottaro è fuori dei giochi e chi è rimasto dei suoi non sarà assolutamente capace di trovare un’alternativa.A San Giuseppe invece? Peggio che andar di notte, gli ex Pdl stanno più inguiati di tutti e forse non sono nemmeno candidabili, ma ormai la sfiducia li ha cancellati. Sant’Anastasia con Esposito pronto ad entrare nell’Udc. Chi’ nera ra’ mezanotte nun ce sta niente!!!!

    • Il tesseramento dovrebbe essere il primo passo per la creazione di nuovi gruppi, di una nuova classe politica e di una valida alternativa a questo immondezzaio che via via sta contagiando ogni realtà paesana. Il Pd nel nostro territorio continua a tenere testa solo con Annunziata (Poggiomarino) e Iervolino (Ottaviano) da Sant’Anastasia Esposito beffeggia il Pdl, Somma in bilico con Allocca, Ottaviano quota Pd si, ma perde terreno, San Giuseppe continua la crisi, Terzigno il Mimi storico, Boscoreale con Langella. Stavamo peggio quando stavamo meglio!!!

    • Complimenti per la scelta dell’immagine, premesso questo credo che il Pdl sia in una crisi apparente, dettata solo da un voler riciclare un uomo e non un principio. Parlo da ottavianese, deluso dalla destra e che ha votato Iervolino, per essere nuovamente deluso. Ma solo ora capisco perchè: i cittadini, parlo almeno per la mia città, chiedono che li governi una persona perbene, che ci sia qualcuno che si imponga bene, con cognizione di causa e di essere, che non stia a giochi di potere ma solo che sia un politico si, ma vicino ai cittadini. Un sindaco ha l’obbligo morale di essere sempre dalla parte dei cittadini, indipendentemente da come arriva a determinati obiettivi, ma ad Ottaviano ad esempio, il sindaco snobba e non prende posizione sulla cronoscalata e non ultimo sul mercato. Quello che mi chiedo, e che però chiedo a Lei dottoressa Salvati, lo chiedo a Lei perchè ottavianese come me, ma dov’è un circolo Pdl nel nostro paese? Dov’è un circolo di giovani nel nostro paese? Questo manca. che sia di destra o di sinistra non importa ma non ci sono teste pensanti, non ci sono giovani pronti a mettere la faccia, dove sono finiti, e parlo sempre da ambedue i colori politici, che hanno rempito le liste elettorali? Nessuno di noi è capace di impegnarsi davvero e tutti siamo solo pronti a dire "sisi signore". Con l’affetto di sempre continui a rimanere in gamba. Antonio

    • Io non capisco cosa c’è di male nel proporre il tesseramento anche ad Ottaviano,fate sempre i saputi ma perchè non potrebbe essere l’occasione per creare davvero un nuovo gruppo politico forte e compatto?

    • "referenti o amici, la caccia è aperta" non sono per nulla in accordo con questo titolo, lei sta insinuando che il tesseramento è un arruolamento di parenti, e non è cosi, sono cittadini che puntualmente credono e si impegnano nel creare qualcosa di sano per questo paese che non veda il disfattismo di qualcosa e a firma di qualcuno!!!!

    • Gentile lettore "o ciuccio2",
      la ringrazio per l’attenzione che Lei pone verso il mio articolo, ma nel contempo le preciso che la titolazione al mio scritto rappresenta una pura provocazione, quella che, e converrà con me, sembra anche aver stuzzicato qualcuno e animato la discussione. Non voleva offendere o insinuare alcuna persona, o disfare nessun buon proposito, anzi. Ma sa, troppo spesso alcune realtà politiche pur di arrivare ad un picco di tessere sono soliti, dispendiare nomi di amici, parenti, zii e perchè no, veri e propri eserciti di anziani. Ma questo "sicuramente" non è il caso o abitudine di partiti politici che prendono vita sopratutto ad Ottaviano. Anche perchè sarebbe deludente scoprire che la classe politica di domani debba venir fuori dai nati nel 1926!!! Vero? Buona giornata!

    • E chi sarebbero questi partiti di cui lei parla? Le cose vanno dimostrate con le carte. I partiti che stanno nascendo vantano solo personale di eccezione e sopratutto di persone che ci tengo al proprio paese, e se poi ci possa essere anche qualcuno di classe 1926 che male fa? Lei non regalerebbe ai suoi nonni una tessera pur di fare qualcosa di buono per il suo paese? Bisogna organizzarsi in qualche modo e non bisogna sempre parlare male o distruggere le cose buone: la classe politica che sta nascendo ha a cuore solo il benessere di questa città e ben vengano anche gli ottantenni e i sessantenni, o meglio gli inetti e polemici come lei?

    • Gentile Lettore,
      la rispondo per l’ultima volta, anche perché non sono solita trattenermi con chi sbandiera nick name e non la propria reale identità, fatta eccezione di cause ostative che le impediscono di presentarsi (big politico di grosso spessore politico di ieri, di oggi o di domani).

      Lei mi domanda “E chi sarebbero questi partiti di cui lei parla?” Le cose vanno dimostrate con le carte.” Io non ho scritto che ci sono partiti politici che tesserano nati nel 1926. Ho scritto invece in lingua italiana “sarebbe deludente scoprire che la classe politica di domani debba venir fuori dai nati nel 1926”.

      “I partiti che stanno nascendo vantano solo personale di eccezione e sopratutto di persone che ci tengo al proprio paese” Non ho mai insinuato il contrario, e lei con questa frase mi fa pensare sia un componente di un partito nato da poco ? Se cosi ben venga, cosi potrà deliziarci raccontando la sua esperienza e perché no, illustrandoci nel dettaglio le metodologie di tesseramento del suo partito.

      “E se poi ci possa essere anche qualcuno di classe 1926 che male fa?” Non si reca danno a nessuno, anzi, “gallina vecchia fa sempre buon brodo” la saggezza e la genuinità dei nostri nonni davvero potrebbe riportare il sistema politico a quel pizzico di dignità che forse oggi non esiste più!

      “Lei non regalerebbe ai suoi nonni una tessera pur di fare qualcosa di buono per il suo paese?” Sinceramente no, anche perché non vorrei che la tessera fosse confusa con la raccolta punti e deludere il doppio le aspettative dei miei nonni.

      “La classe politica che sta nascendo ha a cuore solo il benessere di questa città e ben vengano anche gli ottantenni e i sessantenni, o meglio gli inetti e polemici come lei?” Dovrei evitare di risponderla, ma lei stamattina mi ha regalato un sorriso, e la ringrazio davvero di cuore, perché nessuno mi ha mai dato dell’inetta e polemica, e sapere che qualcuno può pensare che lo sia mi da quella carica in più per dimostrare l’opposto.

      A breve cercherò di non essere polemica e far partire un’ indagine che possa chiarire che nei partiti nascenti nella cittadina ottavianese, i tesserati sono baldi e valenti giovani, cosi farò tacere la mia vena polemica e pubblicando la lista dei tesserati sarò anche meno inetta.

      Grazie Grazie ancora!

    • SALVATI 2 CIUCCIO 0.....PALLA AL CENTRO....ANZI NO...CIUCCIO STATTI FERMO TU, VORRAI FARE AUTOGOL? ATTENZIONE CHE ZIO MARIO POI TI A LA BUA!

    • Quanta approssimazione dottoressa nei suoi articoli e nelle sue risposte.cosa c’entrano i tesserati con la classe politica. Sarebbe come dire che un cittadino del 1915 non debba votare perché a breve morirà. Un partito con tesserati ultracentenari potrebbe esprimere una classe poliica giovane. Infatti e’ proprio questo il ruolo delle persone con esperienza... Trasmetterla ai giovani.

    • Alberto jaaa lo sanno tutti che i partiti ad Ottaviano vantano una lista di associati persino tra i disabili, e non credo che la dottoressa volesse discriminare o intendere che i nati nel 26 o nel 15 devono solo aspettare la morte, e poi scusami mi sembri in grossa contraddizione se nel post sul mercato fai intendere ad un riciclo politico e poi mi piazzi gli anziani che devono trasmettere ai giovani di oggi...credo che l’analisi fatta dalla dottoressa sia molto analitica, forse per stimolare i giovani a tesserarsi...che gli anziani abbiano diritto al voto sicuramente, ma di qui che i tanti Iervolino (ex senatore) o La Marca possano dare insegnamenti ai giovani mi lascia perplesso...la saggezza e l’esperienza va bene, ma poi devono essere i giovani a crearsi una prospettiva politica diversa e ad Ottaviano i giovani in politica mancano, come mancano i circoli. Però una cosa mi incuriosisce, lei a quale partito ha firmato tessera?

    • Luca, questa tua frase "persino fra i disabili" chiarisce il tuo livello culturale. Personalmente ho la tessera AGIP.

    • Alberto continui a non capire o forse hai capito troppo bene, il mio livello culturale non è alto, ho un semplice salone di bellezza, dove spesso viene qualche signora disabile, e questa mi ha raccontato che qualcuno ad Ottaviano l’ha iscritta ad un partito...quando ho saputo del partito e di chi lo stava costituendo ho capito quanto il livello è basso..questo ci deve far preoccupare...io ho la tessera PD e ultima crisi cittadina a parte me ne vanto...sulla tua solo AGIP potevi avere, anche se se non sbaglio con quella alcuni partiti nuovi ad Ottaviano ti danno il bonus (Vedi udc e fli)

    • Appunto, parlavo di cultura non di istruzione. Se la signora non ne sa nulla, denunci l’accaduto alle autorità preposte. I giovani gli anziani i diversamente abili, possono tesserarsi e promuovere la vita politica del paese. Non e’ vero che solo AGIP potevo avere, mi hanno offerto in promozione anche la q8, ma io sono un abitudinario, magari tu vai un giorno da un benzinaio, un giorno da un altro... Io sempre dallo stesso. Meglio avere un amico che due indifferenti...

    • E se la tessera gliela fatta un amico dell’amico, per l’amico che gli ha fatto un piacere che doveva essere per lei un diritto? IL concetto tu lo vuoi tirare al tuo mulino, ed invece sai bene da "simpatizzante ed aspirante " politico che sono atteggiamenti questi dei tesseramenti ormai convalidati in tutta Italia... per la tessera AGIP o Q8 fai bene, meglio fidarsi di un solo venditore, cosi la "truffa" riesce meglio!!!!

    • Purtroppo non ti seguo più. Dopo i tanti uno, una, un amico, quello, quella. Penso che In generale sia arrivato il momento di cominciare a fare nomi, assumendosi le proprie responsabilita, piuttosto che parlare a vanvera. La signora a cui qualcuno le ha fatto la tessera denunci il tutto, oppure mentre le fai lo shampoo parlate di altro. Se non si ha il coraggio di parlare, ma ci si nasconde dietro le chiacchiere di spese, e’ meglio restare in silenzio, si fa più bella figura.

    • Fosse facile fare nomi...si faranno...si faranno...dai tempo al tempo e si faranno... qualcosa presto obbligherà alla ditta dedita alla raccolta di rifiuti di passare prima al comune per raccogliere un pò di immondizia, poi in qualche giardino nelle zone basse del paese e via al riciclo!!Se vuoi ti aspetto al mio salone, magari te la presento la signora, potresti essere più bravo di me a convincerla a denunciare!

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.