Home > Cultura > Un calendario con i monumenti di Somma per restaurare libri del (...)

Un calendario con i monumenti di Somma per restaurare libri del 1400

sabato 1 ottobre 2011, di Gabriella Bellini


Somma Vesuviana. Un calendario per promuovere i monumenti artistici della città e un modo per raccogliere fondi utili a restaurare 9 antichissimi libri liturgici. Si tratta dell’ennesima fantasiosa trovata dell’assessore ai Beni culturali, Emanuele Coppola che già nei mesi scorsi era riuscito con lotterie e d altre iniziative a far partire il restauro del complesso monumentale di Santa Maria del Pozzo. Ora è la volta dei libri, che risalgono al 1400 e versano in un pessimo stato di conservazione. Da qui l’idea di un calendario con tanto di modella, un giovane avvocato che con ironia e garbo si è prestata al progetto.
“Presto cominceremo gli scatti del calendario ‘Somma città d’arte’. Si tratta di 12 fotografie firmate Ciro Gibotta, che avranno anche una protagonista femminile, Maria Vittoria Di Palma che si è gentilmente prestata. La vendita di questo calendario sosterrà il primo restauro che riguarda i libri liturgici del 15 e 16 secolo, 4 manoscritti e cinque a stampa, che sarà effettuato dagli stagisti per i quali è aperto un bando al Comune”. Quello che manca, come spesso accade, sono i soldi per far partire la sistemazione dei preziosi volumi che ora si trovano conservati nell’archivio storico della città, da qui l’idea del calendario che sarà presentato ufficialmente nel corso di una serata di galà. “Mi preme trovare i fondi necessari”, aggiunge l’assessore, “per questo organizzerò una presentazione alla quale parteciperanno quelli che hanno deciso, in maniera gratuita, di darci una mano per la realizzazione del calendario, Gioia Perillo con i suoi gioielli, i parrucchieri Cucciolito, gli abiti Lurofur, e la visagista Daniela De Simone, oltre naturalmente al fotografo. Sarà proiettato un backstage dei lavori di recupero del complesso monumentale e in quell’occasione raccoglieremo dei fondi. Considerato che il costo orientativo supera i 20 mila euro, , al di sopra 20 mila euro”. Protagonisti degli scatti le location più rappresentative della città: la villa augustea, il borgo Casamale, il museo contadino, Starza della Regina, Castello d’Alagno, masseria Resina. “L’iniziativa è una delle tante messe in campo dall’assessorato”, commenta il sindaco Raffaele Allocca, “dal quale mi aspetto tante altre iniziative che possano continuare a dare un valido contributo alla rivalutazione dei beni storici artistici di Somma, che tanto ha da offrire in termini turistico ricettivi. L’impegno dell’assessore Coppola è lodevole in quanto sempre pronto ed attento alle esigenze culturali e storiche del territorio, tese alla promozione dello stesso. Non potevo aspettarmi da lui una risposta migliore. L’iniziativa dei 12 scatti per il calendario “Somma Città D’arte” sarà un altro tassello importante per portare alla luce le bellezze nostrane”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.