Home > Politica > POMIGLIANO. A Russo otto domande dai Giovani Democratici

POMIGLIANO. A Russo otto domande dai Giovani Democratici

lunedì 3 ottobre 2011, di Nicoletta Romano


DA METROPOLIS DEL 2 OTTOBRE

Dopo le dieci domande indirizzate al premier Silvio Berlusconi, i “Giovani Democratici” della sezione di Pomigliano propongono le otto domande al primo cittadino di centrodestra Lello Russo. I ragazzi, dopo aver appreso la notizia dell’arresto dell’assessore alla Nettezza urbana, Salvatore Piccolo, e del consigliere di maggioranza, Pasquale Pignatiello, hanno deciso di mettersi al lavoro per scuotere gli animi dei cittadini e per far comprendere ai più giovani che non è ancora arrivato il momento della rassegnazione. Ecco le prime due domande rivolte direttamente al sindaco della città: “Secondo lei, un’amministrazione che in campagna elettorale si è presentata sbandierando i temi della trasparenza e della legalità, rimane coerente con le promesse fatte ai cittadini dopo essere stata coinvolta nelle recenti scandalose inchieste giudiziarie?” e poi: “Se lei, come ha dichiarato, non era a conoscenza delle tangenti intascate dai membri della sua maggioranza, non le sembra troppo poco credibile chiedere delle semplici scuse considerato che lei avrebbe dovuto essere garante della trasparenza dell’operato dell’amministrazione?”. I restanti quesiti prescindono dall’enorme scandalo che ha investito l’amministrazione di centrodestra e mirano ad ottenere delle risposte su degli argomenti che sono già stati oggetto di pesanti discussioni tra la parte politica di maggioranza e quella d’opposizione. I ragazzi, infatti, pretendono chiarimenti sul comportamento del primo cittadino che a loro dire, prima ha firmato in favore della pubblicizzazione dell’acqua e poi ha rallentato il processo che dovrebbe portare all’allontanamento dei privati. La quarta domanda riguarda la pubblicazione del bando per la ricerca di giovani da inserire nel progetto ‘Servizio Civile’; la quinta riguarda lo stato delle pratiche che dovrebbero portare all’istituzione del forum giovanile, mentre la sesta mira ad ottenere chiarimenti sulla questione dei 50 ragazzi africani approdati in città a metà agosto. La settima domanda riguarda la questione dei trasporti pubblici, mentre l’ottavo ed ultimo quesito si sofferma sull’emergenza occupazionale che investe i giovani e non solo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.