Home > Attualità > “Strade Da Amare: A scuola di sicurezza stradale”

Invito Stampa - Studenti a scuola di sicurezza

“Strade Da Amare: A scuola di sicurezza stradale”

Direzione Generale Territoriale per il Centro Sud del M.I.T. Riapre il “Villaggio della sicurezza stradale”. Presenti oltre 3000 studenti, docenti, istituzioni, psicologi, esperti. 10 e 11 ottobre presso la Motorizzazione Civile, via Argine, Napoli.

martedì 4 ottobre 2011, di Mauro Romano


Riapre nei giorni 10 e 11 ottobre, dalle ore 9 alle 13, il “Villaggio della sicurezza stradale”, l’evento finale del progetto “Strade Da Amare: A scuola di sicurezza stradale” promosso dalla Direzione Generale Territoriale per il Centro Sud del M.I.T., in collaborazione con la Direzione Scolastica Regionale della Campania.

L’evento rappresenterà un momento ludico – didattico e di approfondimento sulle tematiche della sicurezza stradale. Gli spazi della Motorizzazione Civile di Napoli saranno appositamente allestiti per l’occasione, assumendo i caratteri di un villaggio aperto che ospiterà istituzioni locali, provinciali e regionali, associazioni, università ed enti e vedrà la partecipazione di circa 3.000 studenti, docenti, genitori ed esperti.

Nell’ambito del villaggio anche l’incontro dibattito su “La psicologia di guida, la percezione del rischio e le abilità di guida: le strategie per la sicurezza stradale”. Saranno presenti Roberto Giachino Sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Stefano Caldoro presidente della Regione Campania, Luigi De Magistris sindaco di Napoli, Luigi Cesaro Presidente della Provincia di Napoli, Paolo Delli Veneri Direzione Generale Territoriale per il centro Sud M.I.T, Sergio Dondolini Direzione Generale per la sicurezza stradale del M.I.T.

Ufficio Stampa: Antonella Ambrosio

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.