Home > Cronaca > Poggiomarino. Arresto per droga, in manette madre e figlio

Poggiomarino. Arresto per droga, in manette madre e figlio

venerdì 7 ottobre 2011, di Giovanna Salvati


Poggiomarino: Arresto per droga: in manette madre e figlio. Spacciavano dalla loro auto, ogni sera una strada diversa, una piazza nuova, il giro di clienti sempre lo stesso, pochi grammi per un introito cospicuo ma soprattutto per una pratica ormai divenuta una professione. A mettere su la piccola organizzazione Rosa Coppola, 54enne di Terzigno. Lei la mente. Il figlio invece Domenico Bifulco, di 28 anni il braccio. I due a bordo della loro auto, una Lancia Y, procacciavano clienti. Tutti i pomeriggi lo stesso giro, tanto da essere notati dai carabinieri. Una pattuglia, in un normale servizio di appostamento avvista i due in via Piano del Principe. Inizia il pedinamento. I carabinieri cosi durante il servizio di osservazione predisposto per contrastare lo spaccio di droga sorprendendo i due a bordo della loro autovettura mentre cedono stupefacente a degli acquirenti. Li scatta il controllo. I carabinieri intimano l’alt ai due che oppongono resistenza. Ma sarà proprio il loro atteggiamento a far insospettire ancora di più i militari che cosi iniziano una perquisizione. I due vengono prima controllati personalmente, poi all’interno dalla macchina. E cosi la scoperta che conferma i sospetti dei militari: all’interno della macchina vengono rinvenuti e sequestrati due grammi di cocaina in dosi e la somma di 130 euro in denaro contante ritenuta provento d’illecita attività. Una mini organizzazione a carattere familiare, che però in poco tempo è stata sgominata dai militari. I due sono stati arrestati con l’accusa di spaccio e detenzione di stupefacenti e sono in attesa del rito di direttissima che si terrà questa mattina.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.