Home > Cronaca > Ottaviano. Fialette tossiche al Classico. L’appello del Preside "Non (...)

Ottaviano. Fialette tossiche al Classico. L’appello del Preside "Non demordo"

giovedì 13 ottobre 2011, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Atto vandalico al Liceo Classico “Diaz” e torna la rabbia: in due giorni decapitate le lezioni dei due plessi e in ospedale finiscono sei persone. Un vero e proprio incubo che ormai sembra diventato una cattiva moda tra raid che puntualmente mettono in cattiva luce uno degli istituti più in vista della cittadina ottavianese, dove ormai sono all’estremo persino il corpo docenti. Due gli episodi, distinti ma con lo stesso obiettivo: danneggiare la scuola ed evitare lo svolgimento delle lezioni. Il primo episodio è andato in scena lunedi: i raid hanno lanciato le fialette tossiche alla succursale di via Genio Militare prima delle lezioni, appena la sera prima introducendosi all’interno della scuola. Nel secondo caso invece hanno fatto sempre irruzione nella scuola ma nella sede centrale, situata in via Ferrovie dello Stato ma questa volta svuotando nei corridoi grosse buste piene di vermi. Il tutto per vedere finire in ospedale sei persone, tra studenti, docenti e personale ata e amministrativo, mentre gli edifici sono rimasti chiusi e le lezioni non si sono tenute. Eppure non è la prima volta che accade un simile atto. Meno di una settimana fa un 17enne è stato denunciato perché ritenuto colpevole proprio dell’uso delle fialette tossiche. Ma nemmeno il provvedimento sembra essere servito a nulla. Infatti in che me non si dica ecco lo stesso episodio raddoppiarsi e peggiorare. “Gli studenti, - ha spiegato rammaricato il dirigente scolastico Antonio Alvino - a volte, sono lo specchio di insegnanti e genitori. Tocca a noi dare valori positivi e principi sani ai ragazzi. Dobbiamo trovare il modo di far passare messaggi culturali, assumendoci tutti le nostre responsabilità. Ognuno, docente, dirigente o genitore che sia, faccia la sua parte fino in fondo”. “Interverremo – continua il Preside Alvino - sulla vigilanza e sulla ricreazione. Qui nessuno ha intenzione di abbassare la guardia”. A fare da tuono anche le parole del presidente del consiglio d’istituto, Domenico Caputo: “I genitori si sono già riuniti per discutere della questione. Sappiamo che nel liceo ci sono ragazzi in gamba e che questi gesti sono riconducibili a pochi elementi. Occorre riflettere tutti insieme per trovare delle soluzioni adeguate e consentire il proseguimento regolare dell’anno scolastico”.Nel frattempo già consegnate ai carabinieri della locale stazione, coordinati dal maresciallo Domenico Iaccarino le immagini della videosorveglianza interna che supporteranno le indagini al fine di individuare i colpevoli. Ma nel frattempo l’interrogativo che resta è: ma è cosi semplice acquistare sul mercato queste fialette per dare vita a simili misfatti?

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.