Home > Cronaca > Ottaviano. Niaf premia l’imprenditore ottavianese Paolo Scudieri alla (...)

Ottaviano. Niaf premia l’imprenditore ottavianese Paolo Scudieri alla presenza di Obama

martedì 1 novembre 2011, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Niaf premia l’imprenditore ottavianese Paolo Scudieri alla presenza di Obama: l’orgoglio ottavianese nel plauso dei suoi concittadini. Attraverso gli occhi di Paolo l’immagine di un’Italia che non è in crisi, di un Sud che cerca il riscatto e di un uomo che viaggia 100 passi più avanti puntando al successo personale ma soprattutto a quello che può portare beneficio all’intera comunità. Umile ma determinato, intraprendente ma realista, esporta e crea lavoro e sotto gli occhi degli italoamericani è il modello di uomo del Sud, colui, che in tre anni si è imposto negli Usa aprendo quattro stabilimenti e dando lavoro a oltre 1.200 persone. Un impegno concreto che sabato sera non poteva non ricevere il giusto riconoscimento in una delle cornici dell’eccellenza mondiale. Alla presenza del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, Scudieri ha cosi ritirato il premio di Imprenditore dell’anno nel tradizionale Galà della Niaf (National Italian American Foundation), la più importante organizzazione rappresentativa di 20 milioni di italoamericani, dedicato ai 150 anni dall’Unità d’Italia. Più di duemila i prestigiosi ospiti che hanno preso parte all’evento, dove impeccabile la presenza di una compatta rappresentanza campana: Scudieri è stato infatti accompagnato dal direttore del Denaro Alfonso Ruffo nella sua qualità di vice presidente Niaf per il Sud Italia e da Bruno Cesario, sottosegretario all’Economia; con loro Giancarlo Lanna, presidente di Simest, l’avvocato Piero Gaeta , immancabile la presenza di Alfredo Ferraro ed un altro nome rinomato dell’imprenditoria vesuviana del gruppo Altanus come Giuseppe Casillo, per suggellare il tutto con la straordinaria presenza di Gennaro Sangiuliano, vice direttore del Tg 1 Rai. Un paterre inconfondibile, orgoglio di chi nella cultura, la tradizione e soprattutto nelle risorse del proprio territorio ci crede ancora e davvero. “L’ho visto al telegiornale, bravo Paolo” “ bravo Paolo, questa è la vera Ottaviano”. Sono solo alcuni dei commenti all’indomani del riconoscimento per l’imprenditore ottavianese Paolo Scudieri. Sul suo volto l’emozione, quella che rende umano ogni uomo, un’ emozione che per Scudieri cresce ancora di più quando su quel palco vi è la consegna del premio e soprattutto quando il tutto viene suggellato del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Paolo Scudieri, imprenditore 50enne di Ottaviano è amministratore delegato di Adler Group, multinazionale specializzata in componenti in plastica e in gomma per il mercato auto motive. Per lui una sola parola d’ordine l’intraprendenza perché questo mestiere si fa con la passione, con la volontà di affrontare le sfide che sempre di più il mondo gli lancia. E nonostante il momento di crisi il suo comparto tra i più difficili rappresenta solo un banco di prova importante per calibrare strategie e anticipare il futuro.Un dato su tutti: 48. E’ il numero dei suoi impianti nel mondo, quattro centri di ricerca e 44 stabilimenti, che si occupano di automotive e anche di altro. Stabilimenti in Germania, Repubblica Ceca, Polonia, Inghilterra, Spagna, Turchia, Corea, Giappone, Russia, Nordamerica, Centroamerica, Sudamerica.Il 3 per cento circa dei ricavi è finalizzato alla ricerca con le università e i suoi partner, fornitori di materie prime. Per lui l a scommessa principale è quella di utilizzare meno risorse naturali rispetto a oggi, in un’ottica di sviluppo compatibile. Il tutto senza mai dimenticare gli insegnamenti di papà Achille. Più volte è stato lo stesso Paolo a commentare “ Mio padre mi ha insegnato la lealtà, ad affrontare con rigore ogni problema, a capire i limiti; ad avere una gestione parsimoniosa, a non sprecare risorse, ad avere e rispetto per i collaboratori ed è quello che io cerco di fare ogni giorno trasmettendolo a mio figlio, passargli la stessa visione delle cose che mio padre ha dato a me. Il resto deve venire dal cuore, dalla voglia, dall’intraprendenza che ognuno sente e vive in modo diverso”. Tra i valori importanti per Paolo quello della famiglia “un porto dove ognuno di noi deve tornare”. E’ questo lo testimonia il suo attaccamento alla sua città Ottaviano. Potrebbe metter su casa a Londra, New York, Pechino, ma si ostina a restare ad Ottaviano perché la sua famiglia risiede a Ottaviano dal 1450. Sono lo spirito della collettività, il sentimento del cambiamento, insomma, a rappresentare l’ingrediente principale per il successo firmato Paolo Scudieri. E’ stato lui a fondare ad Ottaviano un presidio di Confindustria ed è sempre lui in pista, al volante della sua 500 Abarth, che si scatena. Un brivido sopra la follia senza mai perdere di vista responsabilità e concretezza.
Semplicemente grazie a uomini come Paolo Scudieri che per noi, me, giovani, sono solo una speranza in più verso la certezza che nessun sogno è impossibile da realizzarsi.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.