Home > Politica > Una strada di Sant’Anastasia intitolata a Giorgio Almirante

Una strada di Sant’Anastasia intitolata a Giorgio Almirante

domenica 23 dicembre 2007


SANT’ANASTASIA - Una strada di Sant’Anastasia sarà intitolata a Giorgio Almirante, storico segretario del MSI scomparso nel maggio del 1988. La proposta, già accolta positivamente dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmine Pone (Forza Italia), arriva dall’associazione politico culturale “Ortocrazia”. “E’ un gesto di giustizia e lealtà ricordare così Giorgio Almirante, uomo politico del quale anche gli stessi avversari riconoscevano correttezza e lungimiranza – fanno sapere i dirigenti di Ortocrazia – abbiamo voluto dunque che fosse questa una delle prime iniziative del circolo politico culturale Ortocrazia nato per far sì che in Alleanza Nazionale il popolo della destra, quella vera, torni ad essere fedele ai suoi valori storici e filosofici. Ringrazio perciò il sindaco Carmine Pone che ha accolto con favore la mia richiesta”. Ora si tratta solo di individuare la strada di Sant’Anastasia che a breve si chiamerà “Via Giorgio Almirante”. “Una volta preparata la delibera di giunta si tratterà di aspettare i tempi burocratici per l’intitolazione” – fa sapere il sindaco Pone. Intanto Donna Assunta Almirante, moglie dell’uomo politico, ha già assicurato la sua presenza a Sant’Anastasia per la cerimonia inaugurale.

Messaggi

  • la capacità di questa amministrazione: zero.
    Dedicare una strada a giorgio almirante vuol dire offendere tanti anastasiani vittime del fascismo.
    complimenti sindaco pone.
    Questo è perchè sant’anastasia era un paese morto con la dedica ad almirante risorge bravi bravi

  • Dott. paolo esposito, dott. carmen esposito, vorremmo sentire anche il vostro parere su questa decisione.
    La vostra idea è sempre quella per il bene del paese, mi sembra che anche voi siete diventati fascisti? vergognatevi

    • ma quali fascisti, se anche violante ha riconosciuto in giorgio Almirante un uomo politico che nel suo tempo ha contribuito alla stabilità democratica del nostro paese.Scusate ma siete proprio antistorici se addirittura state ancora a dividere il mondo in buoni e cattivi, i fascisti non ci sono più, e sarebbe veramente triste sapere che però esistono gli antifascisti che guarda caso risorgono a Sant’Anastasia. Cari ragazzi in un paese democratico si accetta di stare prima all’opposizione per poi prepararsi a governare, se il popolo sovrano decide diversamente; per cui vi prego non siate ridicoli nel riesumare il fascismo nel momento di dedicare una strada ad un uomo eletto più volte in parlamento nonchè segretario di un partito che raccoglieva milioni di voti.
      Per carità di Dio siate seri e se proprio volete combattere i fascisti vi do io un indicazione: rivolgete la vostra umana dedizione a contrastare i veri fascisti del nostro secolo: gli islamofascisti che odiano voi e la vostra tanto decantata democrazia,sono antisemiti cosi come i loro padri si affiancaraono alle SS islamiche, se volete combattere i veri fascisti del nostro tempo alrimenti tenete la bocca chiusa e non dite STROn.....te

    • ma quali fascisti, voi siete fuori di testa, è come dire che veltroni che incontra fini è diventato fascista...ma per me a voi che dite queste fesserie vi è dato di volta il cervello...

    • SI infatti Veltroni sindaco di roma che dedica una piazza e una via ai fratelli mattei barbaramente massacrati dalla teppaglia omicida di qualche fanatico terrorista comunista (solo perchè missini) è diventato fascista....udite udite Veltroni è diventato fascista....
      Tu che dichiari amenità del genere ti dovresti vergognare a resuscitare un clima di odio di cui francamente il nostro paese non ne ha assolutamente bisogno
      E questo solo perchè il paese vi mandato all’opposizione....è veramente molto triste

    • uno della destra di storace ma sai leggere? ah dimenticavo, sei della destra di storace, scusami per la banale domanda!

    • Perché gli Esposito dovrebbero vergognarsi? Forse perché sono l’uno in giunta e l’altra in consiglio comunale, parte integrante di una coalizione che non ha timore di onorare uomini che hanno fatto la storia? Ricordate la grande lezione di Almirante, quando, senza scorta, andò a Botteghe Oscure e si mise in fila per rendere omaggio alla salma di Berlinguer. Gli avversari, se leali, si onorano. Anche con una strada. (ds)

  • Ma per favore, un po’ di buon senso signori, pensate solo che In Italia centinaia di strade sono dedicate a combattenti e dittatori comunisti, da Lenin a Che Guevara. Mi ricordo, avevo sei o sette anni, un giorno che chiesi a mio nonno cos’erano quelle targhe con su nomi per me allora sconosciuti che si vedevano sui muri per indicare le strade. Lui, allora ne aveva poco più di 60, mi rispose che quelle targhe erano lì per onorare personaggi importanti, che avevano onorato il nostro Paese e perciò meritavano di essere ricordati. Ebbene, ora, dopo 30 anni so che quella è una bugia, né più né meno di quando ti dicono che Babbo Natale esiste per davvero.Ora basta giocherellare con un navigatore satellitare, con la mappa di google o con una qualsiasi cartina toponomastica di una città, Sant’Anastasia compresa, per capire che l’Italia ti rende i dovuti onori solo se ti chiami Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi o Cristoforo Colombo: ossia se hai vissuto in periodi storici per cui i lutti e le memorie sono già state ampiamente elaborate..Le altre intitolazioni, le altre targhe, sono solo terreno di lottizzazione per sindaci ed assessori comunali e il risultato è che la toponomastica italiana sembra un elenco di nomi di rivoluzionari falliti e comunisti. Provate da soli. Le strade italiane dedicate ad Ernesto Che Guevara, comunista argentino responsabile di 216 omicidi, tra cui 164 esecuzioni a sangue freddo, sono ben 55. Quelle intitolate a Stalin sono 76. Per non parlare dei meriti intellettuali e scientifici di alcuni personaggi che sono ogni giorno penalizzati da amministratori della nostra nazione soltanto per non essere stati “rossi”. Un esempio? Ezra Pound, poeta americano, vicino al regime di Mussolini, una sola strada in Italia. A fronte delle centinaia che portano il nome di Pablo Neruda, poeta cileno, comunista e antiamericano. Il pittore e compagno Renato Guttuso appare su 79 strade. Molte di più di quante ne mettano insieme tre grandi scrittori come Giovannino Guareschi (26 strade), Giuseppe Prezzolini e Leo Longanesi, inventore del moderno giornalismo italiano nonché raffinato disegnatore e umorista: appena 5 strade per lui …. Perciò, posto che a destra solitamente non sono faziosi, e credo che nessuno avrebbe da ridire se a Sant’Anastasia si intitolasse una strada ad Enrico Berlinguer, le discussioni oziose sull’opportunità di omaggiare un grande politico come Almirante appaiono, sinceramente, del tutto inutili. L’Italia ha bisogno di pace. Ben venga quindi l’iniziativa di Ortocrazia (che significa rispetto delle regole e dei meriti di ognuno)e complimenti alla lungimiranza del sindaco Pone. (d.s).

    • "si infatti il rispetto delle regole e delle capacità di ognuno...." ..questo secondo te che ti firmi DS è il significato di ortocrazia, peccato però che il creatore della tua ortocrazia le regole non le rispetti...vedasi il manufatto abusivo nel parco nazionale del vesuvio, da parte del consigliere Gifuni....
      comunque sono d’accordo nell’intitolare una strada a giorgio Almirante che tra i politici sicuramente non si è arricchito

  • Provate ha dedicare una piazza o una strada a Papa Woitiwa vedete se sarà possibile

    • Ma dedicate ad una grande donna che ha pagato con la vita BENAZIR BHUTTO il coraggio di aver sfidato la barbarie islamicofascista, altro che polemiche da quattro soldi

    • Benazir Bhutto ha combattuto le barbarie islamicofasciste? Questa cosa mi fa scompisciare dalle risate.
      Innanzitutto sarebbe giusto, come punto di partenza, chiarire con estrema precisione il termine "islamicofascista", perchè si rischia facilmente di far partire un parallelo con definizioni del tipo: cattofascismo, cattoimperialismo o come meglio creda.
      Comunque, tornando ai fatti pakistani, l’unico merito attribuile a Benazhir - donna di fede islamica - è di carattere emancipatorio. La Bhutto ha dimostrato all’imperialismo americano che, una donna, in una delle principali nazioni islamiche del mondo, è riuscita a farsi eleggere come capo di stato; mentre gli Stati Uniti, profeti di democrazia nel mondo, ancora non ne sono stati capaci(anche se hanno foraggiato l’elezione della Bhutto per un loro tornaconto, ma questa è prassi, l’hanno fatto in quasi tutti i paesi di loro interesse).
      Poi, per quanto riguarda l’intestazione di una strada ad Almirante, ben venga, se io sono comunista è anche normale che ci siano i fascisti. Mentre chi afferma che non ci sono più fascisti, sostiene una grande menzogna: Forza Nuova, Fronte Sociale Nazionale, Libertà d’azione, Fiamma Tricolore,La Destra di storace. Come vedete c’è una vasta scelta.
      Fiero di abitare in Via Gramsci.

    • i Comunisti nel mondo islamico li impiccano...vedi un po tu...e comunque se non era per gli americani voi tutti parlavate tedesco oggi ...con tanto di saluto romano

    • Ma è mai possibile che i comunisti adesso dopo averci fatto credere per decenni che la russia era la patria dei lavoratori (in siberia), adesso ci vorebbero far credere che i paesi islamici sono la culla della democrazia,.....ci vorrebbe Saddam Hussein e chiedere a lui cosa ne pensava dei comunisti......tutti in galera....a cominciare dai curdi....a proposito ma ve lo ricordate il comunista curdo ocalan??? o avete la memoria corta???? ma voi comunisti italiani lo sapete o no che nel governo attuale irakeno ci sono pure i comunisti duri e puri....e voi comunistelli di casa nostra che inneggiate agli islamici....come siete caduti in basso.

      VIVA SEMPRE LA RESISTENZA CONTRO TUTTI I FASCISMI

    • come ti scompisci presto...ti vorrei vedere te come noi avemo vivuto nel nostro caro paese quando a comandare sui nostri pensieri e sulle nostre vite cerano mullah e guardiani di ALLAH(sempre sia lodato) che ci hanno fucilato li amici e i figli....se non hai vissuto e conosciuto le nostre vite ti chiedo con umiltà di stare zitto che abbiamo soffero tanto

      VIVA LA NOSTRA EROE BHUTTO

    • Punto uno per Beppe del Boschetto: l’Italia è stata liberata dai partigiani. Quando la gente, e dico la gente, di Napoli e Milano, liberarono le due città dalla tirannia nazi-fascista, gli americani stavano prendendo ancora il sole sulle spiagge siciliane. Questa è storia.
      Punto due per Lio: nessuno vuole farti credere nulla; L’Iraq di Saddam faceva schifo, perchè Saddam faceva schifo. Ma c’è un dato di fatto inconfutabile: l’Iraq di Saddam era uno dei pochi paesi islamici a rispettare la laicità dello Stato. E nonostante le tante barbarie commesse dal suo regime, non c’è mai stato il caos dei giorni attuali dopo l’invasione degli alleati anglo-americani.
      Punto tre per Amhed: Gli oppositori, in qualsiasi regime tu ti trova, verranno sempre puniti e repressi, possano essere loro fascisti, comunisti, cattolici, islamici e così via. Quindi, è inutile cercare di intimidire e zittire il proprio interlocutore sostenendo la sua poca conoscenza dei fatti perchè non ha vissuto in quella terra. Cometti una leggerezza, e sai perchè? Perchè vorrà dire che tu, immigrato in terra italiana, nel 99% dei fatti che avvengono quotidianamente qui, non potrai mai proferire verbo solo perchè non nato in Italia e non conosci la nostra realtà(pensa a tutti i ministri degli esteri, dovrebbero essere tutti da pensionare?). Ti sembra sensato?

    • Per Gianluca, Rione Boschetto:hai ragione sull’esistenza e sopravvivenza di sigle che possono a vario titolo ricondursi a militanti del Msi. Ma c’è un piccolo particolare: anche messi tutti insieme, questi signori non riuscirebbero a tenere in scacco un governo ed un’intera nazione come stanno facendo i comunisti, eredi diretti del Pci. che sono tanti, tantissimi e ingombranti. Ergo, i "fascisti" come li chiami tu sono solo una manciata innocua di nostalgici, ma vivaddio, è molto meglio che esistano anche loro finché ci sarà qualcuno in Italia che si dice fiero di essere ancora un "comunista".

    • Bè sei l’unico a credere quello che dici, io non posso farci niente.
      Io invece ribadisco che se non fosse stato per le truppe angloamericane a ovest e le truppe sovietiche ad est col C...o che vi liberavate dei nazisti, e oggi parlavate tutti tedesco.
      Quanto alle spiaggie e al sole dimentichi un particolare: l’europa tutta ad est come ad ovest è disseminata dai cimiteri degli eroi ventenni sovietici ed angloamericani che a MILIONI (NON DIMENTICARLO MAI )hanno immolato la loro vita per farti dire oggi anche tutte le cavolate e tutte le stupidaggini che si vuole

    • si sono d’accordo con te sul fatto che il regime di Saddam Hussein faceva schifo,ma non me lo chiamare regime islamico in quanto il partito Bhat di cui Saddam era ispiratore era un regime, a detta degli stessi arabi, di tipo fascista che nulla aveva a che vedere con la religione tanto è vero che il nemico giurato di Saddam erano i teocratici sciti a Theran a cui saddam ha mosso una guerra tra le più sanguinose in medioriente.
      Permettimi Gianluca ma se iniziamo a giustificare i dittatori sul grado di sicurezza e sul rispetto delle varie etnie, a questo punto possiamo arrivare a giustificare anche Mussolini che aveva eliminato la delinquenza e la mafia; da questo punto di vista il ragionamento può essere pericoloso perchè sono i fascisti di tutte le tempre che annoverano tra i meriti dei loro dittatori la sicurezza pubblica...ma così allora cosa stiamo qui a discutere.
      Saddam era di etnia e religione sunnita con amici cristiani e il suo regime (come tutti i regimi della storia e tu giamluca hai ragione)ha solo gratificato i sunniti e i cristiani....andato via saddam era comprensibile che gli sciti al sud e i curdi al nord le uniche vere vittime del regime bahatista, iniziassero la loro purtroppo vendetta contro i sunniti e i cristiani...e poi gianluca
      se tu ti rechi al nord dell’ irak o al sud loro non fanno altro che ringraziare gli americani e i loro aalleati. La guerra della cosidetta "resistenza islamica irakena" è esclusivamente una battaglia di una parte dei sunniti e dei loro alleati, miliziani stranieri di al quaeda. Quanto ai cristiani se ne stanno andando via tutti, quindi prima di parlare a sproposito almeno diciamo le cose per quelle che sono...

      P.S: Saddam nel 1970 aveva fatto massacrare comunisti, ebrei e imam altro che spirito religioso

      P.S. NON dimentichiamo mai e dico mai che agli inizi del 90 Saddam Hussein accolse con tutti gli onori i peggiori fascisti europei: MA VE LE ricordate le visite di FINI, LE PEN, DEI rappresentanti americani del partito fascista americano, e di tanta altra teppaglia fascistoide alla corte di Saddam...e non ultimo ... FORMIGONI presidente della regione lombardia??? quanto si è speso per Saddam e il suo amico Tarek Aziz?????

    • Per Beppe del Boschetto: il fatto che i tedeschi stessero ripiegando in ritirata sul finale della guerra, non toglie minimamente valore e peso all’importanza delle gesta e del sacrificio di migliaia di partigiani. E’ chiaro che la tua lettura storica tende a minimizzare la resistenza, ma è un discorso che in me suscita solo sdegno e niente più. Durante gli scontri tra tedeschi e partigiani non c’è mai stata l’ombra di un russo(mai arrivati in Italia per giunta)o di una divisa americana(è storicamente risaputo che preferirono aspettare uno schiarirsi della situazione italiana si attraverso questa faida interna). E se proprio vogliamo dirla tutta, a guerra finita, e ad americani vincitori, altro che italiani liberi, ancora oggi subiamo politicamente l’influenza a stelle e strisce e siamo asserviti peggio di un paese sottosviluppato. Quindi non ho nulla da ringraziarli.
      Sul fatto poi delle stupidaggini ecc. ecc., è un terreno sul quale non scendo mai per una questione di classe, perchè potrei fare altrettanto, ma visto che si discute di fascismo, preferisco non cadere in quel retaggio comportamentale e tendo a rispondere garbatamente.

      Per Lio: finalmente un intervento intelligente. E con questo torno a ribadirti che Saddam non era per nulla difendibile, in nessun modo. Ma ora dimmi te, in tutto il mondo, quanti dittatori simili ad Hussein ci sono? Te lo dico io, è pieno. La sola
      Americana latina fino a tutti gli anni novanta ne era dissipata, Pinochet, un nome su tutti. Eppure per lui nessuno si è mosso a difesa dei cileni(massacrati in migliaia), se non la chiesa cattolica e gli americani per portare sostegno - morale e militare - al dittatore.
      Ma, tornando alla realtà iraquena: è evidente che molti, ma moltissimi paesi mediorientali, non hanno una visione della democrazia intesa come concetto assoluto. Una visione per capirci europea del termine. Basta andare in Israele ed in Palestina per capirlo; Rabin, l’unico che stava portando a compimento un discorso di pace e democrazia, fu subito eliminato. Mentre un essere spregevole come Sharon ha continuato a imperversare fino a malattia sopraggiunta.
      Le malefatte di Saddam, ed il suo intreccio governartivo, erano di certo un qualcosa di deprorevole, ma la soluzione militare, quella americana sostenuta da un tesi col tempo scopertasi fasulla, è stata la mossa ideale secondo te? Ora l’Iraq conta quasi 50 morti ogni due o tre giorni, alcune volte succede pure che ne muoiano tanti in uno solo, anche nella parte nord, dove tu sostieni che si applaudano gli alleati. Ah, dimenticavo, se hai tempo, dovresti pure spiegarmi come mai nei lontani anni ’80 gli Stati Uniti concessero lo spazio aereo ai confini dell’Iran dando così l’opportunità a Saddam di gasare migliaia di kurdi. Quindi, come puoi benissimamente evincere da quest’ultimo appunto, non giustifico per nulla Saddam. Ma rendo suo complice chi oggi tenta di passare per liberatore ed ha solo portato caos, terrore e morte. Mentre i problemi del popolo iraqueno sono sempre lì e quadruplicati.

      Per anonimo: il governo non è tenuto in scacco dai comunisti. Questi ultimi cercano solo di far prevalere valori di equità sociale su tematiche che puntano esclusivamente a difendere i poteri economicamente forti.
      Quelle sigle che ti ho elencato tu me le definisci parte minoritaria e nostaglica? Bel tentativo di ridimensionamento. Ti ricordo, ad onor del merito che, alcuni leader di quei gruppi, come Fiore e la Mussolini, hanno una grossa eco nel paese riuscendo ad essere anche
      eletti in parlamento. E la tua esclamazione "vivaddio che esistono anche loro" la accetto, e sai perchè? Sono troppo legato alla mia militanza antifascista. Non saprei farne a meno. Ho bisogno di un obiettivo.

    • Finalmente un poco di attenzione per un UOMO vero che in tempi difficilissimi ha scritto un pò di storia d’Italia.

      Anche grazie alla presenza Sua e del gruppo in Parlamento, e non facente parte della maggioranza dell’epoca, tante Leggi ancora oggi in vigore furono approvate.

      La via da intitolare propongo sia scelta tra la principale delle tante esistenti nel Boschetto a duratura memoria di quelli (tanti!) che pure non essendo di S.Anastasia né nativi del loco , credono di avere acquistato una proprietà al Parco della Rimembranza.

    • e meno male che hai bisogno di un obiettivo altrimenti ti eri già suicidato!!!!!!

    • certo che i russi non sono arrivati in italia (e meno male altrimenti tu oggi stavi a studiare un altra storia), io parlavo dell’europa dell’est...ma sai leggere e scusami pechè te la prendi tanto.. e visto che ci sei perchè non ti metti a negare pure l’olocausto così fai en plein
      BRAVO BRAVISSIMO CONTINUA così

    • SAI non sapevo che milioni di ventenni sovietici e angloamericani vennero in europa per morire sulle spiagge assolate o nelle tundre polacche così tanto per morire da qualche parte e per giunta a vent’anni...ti dovrebbero assegnare il nobel alla storia per le cavolate che scrivi ma chi ti ha messo in testa fesserie del genere??!!

    • Cavolate, fesserie, suicidio, provare ad argomentare in maniera intelligente e costruttiva vi è difficile? Provate a comprare una vocale.

    • e tu di cosa ti lamenti se c’è un utile idiota che ci viene a raccontare che la resistenza ha vinto sui nazisti e che la resistenza irakena è degna pure di nota. Tanto per intenderci la resistenza irakena sono le SS del medioriente; e senza i carri armati sovietici e le truppe angloamericane la resistenza se la scordava la vittoria sui nazisti

    • TUTTI IN PIAZZA CONTRO LA MONEZZA DI DON ANTONIO BASSOLINO

      TUTTI IN PIAZZA A BLOCCARE LE STRADE

      GIUNTA REGIONALE VERGOGNATI CHI PAGHERA’ QUESTO DISASTRO???

    • Invece di continuare a dare dell’idiota, prova ad argomentare invece di ripetere a papparedella le solite tre o quattro cavolate. La figura dell’idiota la stai facendo tu. Anzi, visto che parli bene sia degli americani che dei russi - inspiegamilmente visto cheb erano nemici -, spiegaci qual’è la tua posizione, altrimenti per me sei uno dei tanti inutili qualunquisti del quale l’Italia abbonda e a cui gioverebbe farne a meno.
      Aggiungo: non ho mai parlato della resistenza iraquena, impara a leggere.

    • Ma davvero a Voi del " boschetto" tanto brucia dover osservare diuturnamente la statuta bronzea di Giorgio Almirante o la targa marmorea che il Comune porrà in suo nome?

      Ne abbia in debito conto il Vice Presidente del Consiglio, Alfonso Gifuni, e si adoperi perché al momento in cui si scoprirà la targa marmorea o il bronzo, che mi auguro venga posta all’ingresso principale del parco Tortora Brayda, sia presente anche la N.D. Assunta Almirante.

      La presenza di Donna Assunta sarà finalmente di sprone per tutti gli abitanti del "boschetto".

      vigile attento

    • Che belle le parole di Vigile attento. Finalmente Donna Assunta quando verrà a S.Anastasia per scoprire la targa marmorea o il busto in bronzo di Giorgio Almirante potrà essere accolta dal Consigliere Comunale Capogruppo di AN anche Vice Presidente del Consiglio Comunale eletto con 18 voti su 20.Un Plebiscito che è sopratutto Consociativismo!
      Sempre attento

    • E’ passato tanto tempo! Non è il caso di decidersi a mettere il busto marmoreo o bronzeo all’ingresso della Villa Tortora Braida?
      Che bel colpo per Te, Alfonso Gifuni, portare a S.Anastasia Donna Assunta Almirante prima della fine della campagna elettorale? Ho letto in altro blob che anche al Parco Quadrifoglio sono orgogliosi di intitolare una strada al Grande GIORGIO ALMIRANTE .
      Come dicono dalle nostre parti " Due colpi con un fucile" cioè un unico giorno e due inaugurazioni.
      Riserviamo a Donna Assunta, caro Gifuni, la venuta a S.Anastasia alla fine della tornata politica prossima ed alla disfatta della sinistra arcobaleno o monocolore o pacifista? Non dimenticare l’invito ai vecchi CAMERATI.
      Il Governatore RASTRELLI, la Destra, i CAMERATI ed anche gli iscritti all’ormai chiuso circolo di Alleanza Nazionale ed il suo direttivo (i simpatizzanti di Bobbio e Pinto tanto per intenderci), Ti saranno eternamente riconoscenti!
      Dimenticavo ed in ultimo aggiungo: Quel busto del grande UOMO che era presente nella sede di Alleanza Nazionale non possiamo collocarlo in altra via del boschetto? Sai che bello per i residenti del parco. Al mattino, all’apertura delle ante, un poco di area fresca e pura, frammista ad odori nauseabondi di monnezza che non manca mai negli ampi spazi del parco, e tanta STORIA da ripetere come lezione giornaliera. Vigile attento

    • Perchè intitolare una via o una piazza, ad un personaggio storico minore, quale Almirante, e non a Benito Mussolini, che è stato uno dei più grandi statisti del ’900? Perche?!

      Vedi on line : www.santanastasia.info

    • ci stò perchè non pure a Italo Balbo, Giovanni Gentile, Alessandro Pavolini, con una nota speciale anche per:
      Martin Ludwig Bormann, HERMANN GOERING, PAUL JOSEPH GOEBBELS,RUDOLF HESS,così iniziamo un bel gemellaggio con i tedeschi (quelli nostalgici per intenderci).

    • L’idea mi alletta tanto. Il Parco Tortora Braida è grande e gli spazi notevoli. Sarebbe molto bello se riuscissimo ad intitolare una via ed una piazza del Boschetto ad entrambi gli STATISTI!
      Se poi quelli del Parco Quadrifoglio si dovessero sentire offesi e quindi ritenersi declassati, potremmo provvedere alla bisogna!
      E’ il caso di attivarsi per un referendum consultivo a S.Anastasia?
      Cordialmente ing. Mario Merone

    • bene bene il parco è molto grande, immagino una serie di bronzi su un percorso ben studiato, magari chiederemo al comune di trasformare la villa in museo, aperto naturalmente, dove, con giochi di luci creati per l’occassione, accompagnano i visitatori; gli studenti accompagnati dagli insegnanti potranno finalmente vedere dal vivo (sic) le faccie dei gerarchi. chiaramente ad ogni bronzo si provvederà con apposite didascalie a spiegare il personaggio cosa ha fatto da vivo: le deportazioni, le aggressioni, le organizzazioni squadristiche ecc. ecc. ecco, immagino un vero museo su quanto è successo qualche anno fa in Italia e non solo.
      Con Cordialità

    • E’ inviata a Mario ed a tutti quelli del boschetto che vorrebbero denigrare i Grandi della Storia del primo quarantennio del Novecento. Vi meritate tutte le statue e le vie a Loro intitolate Voi, ivi abitando, che pensate di avere esaudite le vostre aspettative imponendo alla commissione nominata per la Toponomastica, per lo più composta da componenti del centro sinistra, di intitolare le vie del boschetto a quelli che Voi avete ritenuto, ed ancora ritenete, siano stati i veri salvatori della patria.
      Certo lo studio della Storia del Fascismo non vi farebbe male. Ma siete in grado, e scevri da qualsiasi pensiero maligno, di comprendere il vero Fascismo? Vi stanno bene, e ve le meritate, le statue di marmo o di bronzo del grande GIORGIO ALMIRANTE e di BENITO MUSSOLINI così come mediterete sulla nuova toponomastica del boschetto che questa volta, mi auguro, sarà fatta dai componenti della commissione del centro-destra.
      Chiederemo al consigliere Gifuni, ex Camerata, di attivarsi prontamente perché il più presto possibile possa aversi l’inaugurazione delle nuove piazze del boschetto.
      Avete poi da piangere considerando che il Sindaco Pone ora resterà in carica per tutto il quinquennio. Un lungo tempo che dedicherete alle Vostre meditazioni quando, entrando nel parco Brayda, abbasserete il Vostro capo per non se non incrociare gli occhi fissi dei GRANDI GIORGIO e BENITO. Vigile attento

    • NOI a stalin non lo metteremo, per la tua pace. E nemmeno a fidel castro, metteremo. NOI metteremo di sicuro, chi ha distribuito i primi libretti pensionistici nel ’33, chi ha dato la Sanità pubblica per tutti, chi ha bonificato un Italietta monarca, per farla diventare ITALIA! Noi metteremo chi a dato lustro, ma non vergogna, alla nostra società! IL VENTENNIO!
      "Di fronte a Voi, potete ammirare il busto di un grande statista: Benito Mussolini. Un uomo che ha saputo fare grande l’Italia!" Tutto il resto è malaffare.

      Vedi on line : www.santanastasia.info

    • vedete voglio chiarire un concetto: non ho detto che i busti non vanno messi, anzi, vanno istallati su un percorso ben stabilito, all’interno del parco se volete, ma chiedo solo che sotto, in didascalia, venga iscritto quello che hanno fatto in vita. solo questo chiedo. le loro "opere" in vita, gli accordi con il nazismo e quant’altro, questo serve a far capire ai giovani di oggi, cosa hanno fatto queste persone (statisti?). poi si deciderà a chi dedicare una strada piuttosto che una piazza.
      Però,"mi si consenta"come dice una nota persona, a più di sessant’anni dalla Liberazione dell’Italia dal fascismo e dal nazismo,voglio ricordare la data del 25 Aprile per raccogliere, nel presente, i frutti di quella stagione di lotta e di sacrificio che certamente non và dimenticata. Un nome su tutti da ricordare: Giacomo MATTEOTTI. è lì che è iniziata la vera storia del Fascismo. (ps. non sono comunista, non lo sono mai stato e non lo sarò mai, anzi, per mia natura, sono contro tutte le dittature sia comunista che, ovviamente, fascista). con cordialità Mario

    • Bravo Ciro. Ti ringrazio per quanto hai riportato che condivido pienamente.
      ing. Mario Merone

    • Di sicuro metteremo una bel bronzo di Palmiro Togliatti, ma a testa in giù, per la seguente motivazione:
      "... si tratta infatti del ritrovamento della lettera di Palmiro Togliatti in cui il leader comunista si rifiuta di intervenire per la salvaguardia delle vita dei soldati italiani fatti prigionieri in URSS: 27.000 uomini morirono di stenti e torture nei campi di concentramento sovietici e di altri 22.000 non si è più saputo nulla."
      Come epitaffio scriverò:
      "Un fratello di mia madre, Giovanni 19 anni, uno zio di mio padre Ciro 23 anni. E con altri 22000 Italiani, non si è saputo più nulla!"

      Vedi on line : www.santanastasia.info

    • Oggi che Alleanza Nazionale non esiste più , necessita più che mai onorare il GRANDE GIORGIO ALMIRANTE! A quando Donna Assunta a S.Anastasia per il bello evento?
      ing. Mario Merone

    • Una strada intitolata a Giorgio Almirante ? Chidetelo alle persone i cui nomi sono scritti sulla lapide posta sulla facciata della Chiesa Madre Collegiata Santa Maria La Nova...
      Per non aggiungere che Giorgio Almirante fu il segretario di redazione della nuova rivista "La Difesa della razza".
      Rivista afferente alla più becera e mediocre propaganda antisemita,nell’italietta gretta e provinciale...del Fascismo.
      L’Italietta spinta,poi,in un conflitto mondiale - la seconda guerra mondiale - dove protagonista era una politica di cui Almirante era fido servitore:dittatoriale e servile.
      Altro è impresso e scorre, nel tempo, nel sangue dei nostri Padri della Costituzione italiana.

    • quanto leggo le tue affermazioni sul disastro della monnezza non ti ci metti pure tù, ma vedi la tua monnezza vai a vedere l’abbiamo trovata in periferia esattamente in via eduardo de filippo un nome conosciuto e volute bene da tanti italiani e non almirante, a proposito della monnezza la tv del meridionale del nord afferma che l’emergenza e finita tu cosa ne dici esci fatti una passeggiata vedi dove sta la monnezza non ti dimenticare chi sono stati per tanti anni commissari della monnezza.forza casagrande, sasso

    • Giovanni Gentile fu assassinato dai comunisti: voi ricordate solo Matteotti.
      Il comunismo siede sopra una montagna di ossa umane (95 milioni) di vittime torturate e massacrate in Regimi di povertà, miseria, morte.

      Ed ora: Alirante.Uomo di grandi idee, onore, fedeltà, dignità, coraggio.

      Giorgio Almirante: figlio d’arte, figlio del regista di Eleonora Duse. Nato a Salsomaggiore nel 1914, a Torino conseguì la licenza liceale e alla Sapienza di Roma il dottorato in Lettere Classiche. Fu giornalista e redattore capo del quotidiano romano “Il Tevere”. Partecipò alla seconda guerra mondiale sul fronte nord africano come tenente di fanteria e fu decorato con la croce di guerra al valor militare. Dopo l’8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana e fu segretario personale di Fernando Mezzasoma. Ingiustamente accusato di razzismo per un articoletto (parole) scritto da giovane, salvò dai nazisti un’intera famiglia di ebrei nascondendola dove poté: questo è un "fatto". Dall’aprile del 1945 al settembre del 1946 fu latitante per sfuggire alle persecuzioni dei CLN e per vivere fece anche il venditore ambulante. Con alcuni reduci fondò nel 1946 il Movimento Sociale Italiano e ne fu il primo segretario nazionale. Fu eletto deputato nel 1948 e da allora lasciò al Partito il suo guadagno come lasciò quel che ereditava anche personalmente. Al contrario di tanti miserabili (per viscido opportunismo: fascisti e razzisti nel Ventennio e d’incanto rinnegatori appena scoccato l’8 settembre), quel giovane che rifiutò la droga badogliana, che rifiutò la droga partigiana, quel ragazzo coraggiosamente volontario a Salò dove, con il nemico di fronte e il traditore alle spalle, poteva solo morire per fedeltà a un’idea, a una grande idea (non consegnare mai la Patria Italiana al capitalismo plutocratico d’oltreoceano e alla barbarie comunista, a quel materialismo bruto o capitalismo oligarchico di Stato ancor più feroce) seguì una concezione spirituale della vita e la socializzazione delle imprese in economia (cogestione e partecipazione degli operai agli utili).

    • In Italia ci sono tante vie dedicate a Togliatti Palmiro che era sempre a Mosca a prendere ordini e denaro per il PCI: connivente con i barbari rossi, assassini, massacratori di 95 milioni di vite umane. Il comunismo siede sopra una montagna di ossa umane.

      La difesa della razza: un articoletto, parole e non fatti scritto da un ragazzino.

      Leggete cosa scrivevano sulla razza Scalfari Eugenio, Bocca Giorgio ed altri fino all’8 settembre: dopo non si sa.

      Informatevi: Almirante a Salò salva un’intera famiglia di ebrei nascondendoli ai nazisti: fatti e non parole.

      A Salò (volontario) dove combatteva una guerra già persa e rischiava la morte per una idea: non consegnare l’Italia al capitalismo americano e alla barbarie sovietica, al capitalismo di Stato sovietico (95 milioni di vittime torturate e massacrate).

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.