Home > Cultura > L’isola che non c’è: Laboratorio di Evasione in un Carcere Minorile

MARTEDI’ 15 NOVEMBRE ORE 10.00

L’isola che non c’è: Laboratorio di Evasione in un Carcere Minorile

Il progetto durerà un anno e prevede dei laboratori di clownterapia sia per gli operatori dell’Istituto Penale Minorile e operatori di Organizzazioni di Volontariato interessate, sia per i ragazzi detenuti.

mercoledì 9 novembre 2011, di Mauro Romano


Le associazioni di volontariato Peter Pan Partenopeo e Quelli dell’83, in collaborazione con l’Associazione Campi Flegrei – Centro di Formazione Culturale e Professionale, sperimenteranno, all’interno dell’Istituto Penale Minorile di Nisida, un laboratorio che interviene, attraverso la risata e le sue potenzialità terapeutiche, sulla riduzione dei fattori di stress e di disagio, tipici di una condizione di reclusione.

Martedì 15 novembre alle ore 10.00 presso la sede dell’Associazione Campi Flegrei (via Caio Mario 8 - Bagnoli) si terrà la presentazione del progetto “L’isola che non c’è - laboratorio di evasione in un carcere minorile” vincitore del Bando di idee 2010: Il Volontariato per l’inclusione sociale, finanziato dal Centro Servizi per il Volontariato (CSV) di Napoli.

Il progetto durerà un anno e prevede dei laboratori di clownterapia sia per gli operatori dell’Istituto Penale Minorile e operatori di Organizzazioni di Volontariato interessate, sia per i ragazzi detenuti.

I laboratori si baseranno su: Tecniche di clowneria: il clown, figura particolare che crea una rottura dell’ordine stabilito, rottura che non è caos ma ripristino di un ordine differente. Gli schemi vengono infranti per creare un ordine diverso da quello preesistente.

Il motore è senza dubbio il “fare finta di…”, che in questo contesto fornisce l’opportunità di esternare la propria aggressività, metterla fuori di sé e trasformarla in gioco, assumendo così anche una funzione rieducativa. Tecniche di improvvisazione teatrale: la creatività in questo contesto non è solo libero sfogo della fantasia, ma capacità di dare una struttura mentale libera da preconcetti e funzionale alla coerenza e alla comprensione del messaggio.

Autore/Fonte: Francesco Spera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.