Home > Cultura > Al via l’ottava edizione della rassegna teatrale di Saviano

Al via l’ottava edizione della rassegna teatrale di Saviano

Giovanni Palladoro, gestore responsabile del Teatro/Auditorium di Saviano, presenta la kermesse che prenderà il via sabato 26 novembre prossimo e denominata anche quest’anno “Premio Carmine Mensorio”. I premi, come già negli scorsi anni, saranno offerti dalla famiglia Buglione.

lunedì 21 novembre 2011, di Mauro Romano


La kermesse 2011/12 nasce tra mille difficoltà, per il Palladoro, non tanto dal punto di vista organizzativo, perché l’esperienza, la tenacia e la competenza sono tante!!!! - ed ormai è difficile coglierlo impreparato dinanzi alle pur innumerevoli vicissitudini - ma principalmente per le ristrettezze dei fondi dovute a normative sempre più riduttive nei riguardi di coloro che operano nel campo artistico/letterario … principalmente nel teatro che spesso è destinato a camminare con gambe proprie, senza l’ausilio delle istituzioni che, a stento concedono l’aleatorio ‘Patrocinio Morale’, prezioso per il cartellone, ma che ai fini pratici …

Eppure anche questa forma di ‘vicinanza’ da animo, forza e sprigiona energie positive che altrimenti farebbero vacillare gli intenti dei protagonisti, in termini di autostima, a partire da quello dell’attuale commissario straordinario del comune di Saviano, la d.ssa Gabriella D’Orso che non ha lesinato consensi per l’ottima organizzazione.

Ed è per questo che sempre più spesso vediamo realtà artistiche fiorenti non in grado di autofinanziarsi, cedere le armi ed arrendersi alla cruda realtà per mancanza del ‘vile denaro’, occorrente per far fronte in modo dignitoso almeno alle ‘spese vive’ che aumentano di giorno in giorno anche in virtù della galoppante crisi che ha raggiunto ritmi preoccupanti in ogni componente della vita.

Ma patron Palladoro ha la schiena forte, è in grado di sopportare anche le mancate elargizioni di fondi cosiddetti istituzionali. Dandosi il classico ‘pizzico sulla pancia’ quest’anno ha deciso di operare in regime di autofinanziamento - al quale partecipano anche le compagnie in concorso - rivolgendosi a realtà concrete che non hanno mai fatto mancare il proprio contributo per non spezzare questa ‘catena’ che riesce ad ottenere sempre più favorevoli consensi.

E, tornando al fattore spettacolo, dopo un attento vaglio delle richieste presentate, sono state ammesse undici compagnie a concorrere, tutte agguerrite e pronte ad esibire le proprie capacità per divertire il numerosissimo pubblico che ha sempre affollato il parterre dell’auditorium savianese e quasi sempre accontentato i palati teatrali più esigenti. Naturalmente ci rivolgiamo al circoscritto contesto ‘Amatoriale’, altrimenti risulteremmo bugiardi ed irriguardosi.

L’esordio della rassegna è previsto per il 26 novembre prossimo. A rompere il ghiaccio sarà la compagnia di Villaricca – NA – "Erga Omnes", della quale è proverbiale l’impegno nel sociale con l’occhio sempre rivolto a scopi umanitari. L’opera presentata, scritta e diretta da Vincenzo Pianese, sarà "Per grazie ricevute". Per il gruppo dell’hinterland napoletano trattasi del debutto assoluto sul palcoscenico savianese.

Il 10 dicembre, si riproporranno – dopo essersi aggiudicati lo scorso anno il premio riservato alle opere inedite con “Palummella alla luce del sole” – i componenti della compagnia sarnese "In alto mare". Metteranno in scena “… Io per fortuna”, opera scritta e diretta da Francesco Mancuso, valido autore che si è già distinto in rassegne precedenti con opere di straordinaria attualità, ambientate in diversificati contesti storici.

Ad appena una settimana, il 17 dicembre, ritorneranno in scena a Saviano i casamarcianesi de "I cocci di Emilio". Nelle loro corde il classico di Eduardo Scarpetta "Miseria e nobiltà" famosissima commedia che ha interessato anche il grande schermo affidandosi alla bravura di celeberrimi attori quali Sophia Loren e Totò. La regia è affidata ad Emilio Napolitano.

Neanche le festività natalizie fermeranno la kermesse. Infatti, il patron Giovanni Palladoro ha inteso affidare la data 26 dicembre ad una compagnia plurivincitrice della Rassegna: i vesuviani de "Gli amici del sig. G", gruppo che si sta ritagliando uno spazio notevole nell’ambito del teatro ‘Amatoriale’ partenopeo, guidati da un artista di fama nazionale qual’è da considerarsi Gianni Parisi – di suo colonna portante del teatro professionistico targato Buccirosso. Non a caso, l’opera presentata, una rivisitazione in chiave comica ed esilarante di Plauto, "Menecmi … i due gemelli napoletani", si avvarrà della regia dell’istrionico artista di casa nostra.

L’anno nuovo – il 7 gennaio – saluterà nell’accogliente auditorium "La compagnia stabile del teatro Metropolitan" proveniente da Sant’Anastasia – NA – con un classico del teatro. Si tratta di "Arezzo 29 … in tre minuti" di G. Di Maio, commedia, portata al successo, negli anni 80, dalle icone del teatro Luisa Conte e Nino Taranto. A curarne la regia sarà Antonio Merone che, insieme a Corrado Taranto sta cercando di tenere a galla “l’arte del teatro a volte troppo oscurata dalla tv e da spettacoli che poco si avvicinano all’arte vera del teatro”.

Sulla stessa lunghezza d’onda possiamo considerare la compagnia che seguirà il 21 gennaio successivo, il gruppo teatrale "Omega" da Cercola, che quest’anno ha spento le 35 candeline di impegno teatrale del suo fondatore, nonché regista ed attore, Francesco Amoretto. Dopo essersi già distinti nelle edizioni precedenti, per l’occasione presenteranno "Gennaro Belvedere, testimone cieco" di G. e O. Di Maio. E siamo sicuri che il buon Francesco presenterà ancora una scena particolarmente ‘affollata’ da giovani talenti e da attori già ampiamente svezzati all’arte del teatro.

Il 4 febbario rifarà capolino sulla scena savianese la compagnia "Quelli che ... il teatro" provenienti dalla vicina Miuli di Marigliano. Dopo un anno di assenza, per la regia di Giacomo Sapio sarà presentata "Madama quattro soldi" di G. Di Maio, autore che in questa edizione sembra dover fare la parte del leone.

Ancora mariglianesi i protagonisti del 3 marzo 2012. A stuzzicare il palato degli amanti del teatro il gruppo teatrale "J anime", per la prima volta in rassegna con un’opera scritta e diretta da Valerio Monda dal titolo molto intrigante: "L’ex". Vedremo se la bravura degli attori e la trama dell’opera sapranno guadagnarsi i consensi sperati.

In via del tutto eccezionale, siparietto d’intermezzo della manifestazione sarà riservata, il 17 marzo, ai vincitori - con consensi unanimi!!! - della scorsa manifestazione: ai "I MATT...ATTORI” di Thomas Mugnano da Roccarainola. Fuori concorso sarà presentata la nuova creatura del funambolico ideatore del gruppo "NAPOLI-tudine: pizza, pezzi e pazzi" scritta e diretta dallo stesso Thomas Mugnano. Come suol dirsi, anche in questo caso ne dovremmo vedere delle ‘belle’!

Il 31 marzo immortalerà un nuovo esordio sul palcoscenico savianese. Ci riferiamo a "Lina Giova" da Ottaviano con la presentazione de "La fortuna con la F maiuscola" Di E. De Filippo e A. Curcio per la regia di Antonio Annunziata.

14/4/2012, la data per la proposizione della compagnia teatrale "La valigia dell’attore" da Visciano che Presenta "... io, Alfredo e Valentina" di O. De Santis regia di Felice La Manna. Si tratta dell’ennesimo esordio in Rassegna.

Il sipario calerà definitivamente il 24 aprile 2012 con la fibrillante serata finale di premiazione, nel corso della quale, con ingresso gratuito, alla presenza di ospiti d’eccezione e personalità del mondo dello spettacolo, dell’arte, della cultura e della politica, sarà allestito da patron Palladoro, uno spettacolo sicuramente gradito da tutti. I premi, come già negli scorsi anni, saranno offerti dalla famiglia Buglione.

Non ci resta che augurare all’organizzazione un successo ancora più eclatante delle passate edizioni e alle compagnie in gara di giocarsela a colpi di talento e bravura.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.