Home > Attualità > Allocca sulla Statale 268: “Rendiamo la statale a senso unico”

IL CASO. IL SINDACO DI SOMMA SCRIVE AL PREFETTO

Allocca sulla Statale 268: “Rendiamo la statale a senso unico”

mercoledì 30 novembre 2011, di Gabriella Bellini


DA METROPOLIS DEL 30 NOVEMBRE

“Ho scritto al prefetto di Napoli chiedendo un suo immediato intervento, tutto quello che un sindaco può fare lo sto facendo”. Amareggiato il primo cittadino di Somma Vesuviana, Raffaele Allocca (nella foto), dopo l’ennesimo incidente accaduto sulla statale 268, l’ultimo lunedì pomeriggio ha coinvolto tre cittadini sommesi. Un ferito è già ritornato a casa, mentre una mamma di 43 anni è ricoverata in coma farmacologico all’ospedale “Cardarelli” di Napoli e le sue condizioni restano gravi, migliora invece lo stato di salute del figlio, un bimbo di 11 anni, che aveva riportato diversi traumi. Resterà in osservazione ancora un giorno e poi potrebbe essere dimesso dal “Santobono” in cui si trova. “Nell’ultimo incontro in prefettura, al quale erano presenti tutti i sindaci nel cui territorio ricade la statale, avevamo stabilito che ci fossero maggiori controlli della polizia stradale”, aggiunge Allocca, “che l’Anas installasse una segnaletica maggiormente visibile e che si facesse in modo che i lavori per il raddoppio delle corsie fossero accelerati. Non è accaduto, ed ho deciso di inviare un sollecito in cui insisto soprattutto su questi punti. Il prefetto può coinvolgere il ministero delle Infrastrutture e chiedere che i lavori di raddoppio vengano fatti in fretta. Mi sono reso conto poi che nei pressi dei cantieri manca una segnaletica luminosa e di sera è praticamente impossibile accorgersi dei lavori in corso creando così maggiori rischi agli automobilisti”. Impegno in prima linea quello di Allocca che ha già dato indicazione al comando di polizia municipale di effettuare servizi di controllo, ma che ipotizza una soluzione che non accoglierà il favore di tutti. “Sto pensando di chiedere che la statale venga percorsa a senso unico”, conclude il sindaco, “almeno in quei tratti in cui esistono strade alternative come da Sant’Anastasia a San Giuseppe, in cui si potrebbero usare le strade comunali, in attesa ovvio che il raddoppio e la messa in sicurezza della strada venga realizzata. Al momento i nostri vigili urbani percorrono spesso il tratto di statale che rientra nel nostro territorio, una volante può fungere da deterrente per glia automobilisti irresponsabili, e questo lo stiamo già facendo, ma speriamo che anche le pattuglie della Polstrada possano essere disposte agli ingressi della statale. Sappiamo che questo servirebbe a limitare la velocità”. Soluzioni facilmente adottabili per evitare la perdita di altre vite.

Messaggi

  • Come al solito il sindaco Allocca cerca sempre colpi ad effetto in stile vi voglio bene e i parcheggi sotterranei! Il problema non è il senso unico o la strada stretta. Il problema oltre alla carenza della strada è da imputare ai cittadini indisciplinati. Io percorro ogni mattina la sss268 e posso garantirle sindaco che noi automobilisti facciamo schifo! L’ultima moda è cambiare senso di marcia all’altezza di Ottaviano, dove l’anas ha chiuso per lavori l’entrata per Napoli. Molta gente, per non prendere la ss268 a Somma Vesuviana o a San Giuseppe scende da Ottaviano in direzione Angri e fa inversione verso Napoli. C’è bisogno di maggiore segnaletica o di stracciare qualche patente e far camminare a piedi questa gentaglia?

  • io penso ke parlando di queste cose come suo solito il primocittadino di somma....dimentica ke il comando della polizia municipale e quindi gli indirizzi da ki vengono fatti.....il solo senso unico ke si dovrebbe approntare è quello ke dal comune porti direttamente a casa tutti i partecipanti a questa amministrazione e per tutti intendo anche i pseudo consiglieri di "minoranza" ( ONEWAY > )

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.