Home > Politica > Ottaviano. Consiglio comunale, assente il Sindaco. E’ spaccatura in (...)

Ottaviano. Consiglio comunale, assente il Sindaco. E’ spaccatura in maggioranza

lunedì 5 dicembre 2011, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Il sindaco diserta il consiglio, la maggioranza boccheggia cercandodi mantenersi a galla e l’opposizione incalza “ sindaco dimettiti”. Questo ilbilancio conclusivo di una seduta alquanto astrusa andata in scena nei giorniscorsi e che ancora una volta inevitabilmenteriesce a far parlare di se. E’ un pò come una grande commedia dove il piccodell’audience si registra proprio su quei drammatici colpi di scena, vuoi sia laprima o l’ultima puntata. Convocazione prevista per ore 20,00, ma il tutto slittasolo alle ore 21,00, ma è solo l’inizio. Il ritardo? Solo un dettaglio. Eppurequell’ interminabile indugio la dice lunga al momento dell’avvio dei lavori. E’il Presidente del Consiglio a prendere la parola: si inizia con il ritualeappello “ diciassette presenti, seduta valida” ma l’assente è proprio il primocittadino Mario Iervolino, un’assenza che difficilmente passa inosservata “alposto del sindaco presenzia l’assessore Luigi Ambrosio”. Una vacatio che generadei mormorii che attraversano l’aula partendo dai banchi di minoranza per finirein quelli della maggioranza e non risparmia qualche risatina: simpatica oinfastidita? Tutto da scoprire. E’ il Presidente Saviano ad osservare un minutodi raccoglimento per le vittime del lavoro, e nel contempo a riparare al falloringraziando i beniamini locali per successiincassati: prima Paolo Scudieri e poi Gigi Tarantino. Si prosegue con ledichiarazioni ufficiali dei consiglieri Francesco Ciniglio e Michele Saggeseche dopo un lungo e travagliato parto politico, si dichiarano del Partito Democratico.Si entra nel vivo del dibattito, e da questo momento è terremoto. In pienostile tragicomico ogni intervento suona come un colpo di frusta. A scalciare edincalzare è la minoranza che chiede motivazioni e giustificazioni ufficialidell’assenza del primo cittadino. “La maggioranza del sindaco Iervolino - spiega il consigliere udiccino BiagioSimonetti - è completamente allo sbando. Il sindaco è oggi assente per la primavolta dal 2004 al consiglio Comunale e il tutto senza fornire alcuna validamotivazione, come forma di rispetto nei confronti dei cittadini. Il tuttorappresenta una presa d’atto –sottolinea Simonetti - che non ci sonopiù le condizioni per continuare, il sindaco Iervolino dovrebbe rimettere ilsuo mandato”. Parole forti per un clima che in pochi minuti diventa rovente.Si cerca di discutere sui debiti fuori bilancio e di variazioni di bilancio, mail tentativo è vano. Il Presidente è cosi costretto a sospendere per qualcheminuto la seduta. Minuti che diventano ore. Viene convocata ad horas unariunione dei capigruppo, che non porterà ad altro che imprecazioni ed insultivari. A questo punto uno stanco e snervato Presidente del Consiglio Saviano, ècostretto, suo malgrado, a rinviarealcuni punti all’ordine del giorno. La seduta si chiude con un malcontentogenerale, il tutto, ancora una volta determinato dalla mancata coesione di unamaggioranza che paga lo scotto dell’assenza ingiustificata del sindaco. Assenzadi idee, appiattimento delle linee programmatiche politiche e disaffezione alla res pubblica che lascia presagire un ambiguo scenario:anticipo delle festività natalizie o tramonto del mandato politico iervoliniano.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.