Home > Cultura > La rassegna teatrale cala il tris con "I Cocci di Emilio"

TEATRO/AUDITORIUM SAVIANO

La rassegna teatrale cala il tris con "I Cocci di Emilio"

Con inizio alle ore 20,30 di stasera, sabato 17 dicembre, il gruppo di Casamarciano presenterà l’opera di Eduardo Scarpetta "Miseria e Nobiltà".

sabato 17 dicembre 2011, di Mauro Romano


Tra poche ore presso l’accogliente struttura savianese, andrà in scena la terza opera in programma nella kermesse giunta alla sua ottava edizione ed intitolata allo scomparso Carmine Mensorio.

A salire sul palco sarà la compagnia di Casamarciano – Na
- "I cocci di Emilio". Nelle loro corde vi sarà il classico di Eduardo Scarpetta "Miseria e nobiltà" famosissima commedia che ha interessato anche il grande schermo affidandosi alla bravura di celeberrimi attori quali Sophia Loren e Totò. La regia è affidata ad Emilio Napolitano.

L’inizio, come sempre, è previsto per le 20,30 e, come già nelle precedenti edizioni, patron Giovanni Palladoro spera di vedere ancora tanta gente a divertirsi per le circa due ore di spettacolo.

Ricordiamo che i premi verranno assegnati: alla compagnia vincitrice della rassegna; al miglior attore protagonista; alla migliore attrice protagonista; al miglior attore non protagonista; alla migliore attrice non protagonista. Inoltre vi sarò un ‘premio speciale’ riservato dalla giuria all’opera ritenuta particolarmente meritevole.

Il sipario calerà definitivamente il 24 aprile 2012 con la fibrillante serata finale di premiazione, nel corso della quale, con ingresso gratuito, alla presenza di ospiti d’eccezione e personalità del mondo dello spettacolo, dell’arte, della cultura e della politica, sarà allestito da patron Palladoro, uno spettacolo sicuramente gradito a tutti. I premi, come già negli scorsi anni, sono offerti dalla famiglia Buglione.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.