Home > Cultura > I cento anni di Holly infiammano la fantasia di Margherita Capobianco

LE AVVENTURE DI HOLLY

I cento anni di Holly infiammano la fantasia di Margherita Capobianco

La scrittrice avellinese scrive da sempre racconti per l’infanzia. La pubblicazione edita dalle Edizioni Tabula fati si avvale della collaborazione grafica del fratello Pellegrino, in arte Crinos, che ne ha ideato Copertina e illustrazioni.

martedì 3 gennaio 2012, di Mauro Romano


Un importante avvenimento sta aspettando Holly, un graziosissimo folletto dagli occhi verdi che vive a Tulipandia: sta per spegnere 100 candeline! Ma cento anni non sono un’età ragguardevole per un tulipindo, quale Holly è, ma quella giusta per conoscere il proprio protetto, l’unico umano con cui intessere un’amicizia unica e speciale …

Accompagnata dall’inseparabile Cocci, Holly si ritroverà suo malgrado trascinata in eventi pericolosi e complicati dai quali il suo prezioso ottimismo la farà uscire a testa alta. Vediamo come.

“Un colorato prato di tulipani nasconde allo sguardo umano il paese di Tulipandia, magico luogo popolato da buoni e vispi folletti: i tulipindi. Tra loro la graziosa Holly è la protagonista di un’incredibile avventura che si svolgerà alla vigilia del suo centesimo compleanno, evento che conferisce ai tulipindi straordinari poteri e un importante compito: conoscere e tutelare il proprio protetto.

Ad accompagnarla, nell’incalzante susseguirsi di eventi mozzafiato, ci sarà il suo fidato amico, Cocci, coleottero atipico che la sosterrà in ogni sua decisione, anche la più pericolosa: inseguire la potente Rubinda, strega malvagia che aveva catturato la piccola Sissi, una bambina indifesa incontrata per caso nel bosco.

Nel corso dell’inseguimento, che metteranno in mostra la caparbia, il coraggio del folletto e la sua immediata empatia con la piccola umana, Holly incontrerà altri personaggi che la aiuteranno e sosterranno nella lotta. Essi saranno, infatti, fondamentali per la battaglia finale, quando per essersi mostrata agli occhi umani, perderà i suoi poteri e la sua stessa vita”. ... e il nostro racconto finisce qui per non togliere al lettore il gusto di un finale sorprendente.

Margherita Capobianco, nata ad Avellino, da piccola amava cucinare dolci, leggere storie d’amore e d’avventure, libri gialli e romanzi di fantasia. Da grande, dopo aver incontrato l’amore della sua vita, ha deciso di sposarlo e vivere felicemente in campagna con lui. Considera la scrittura la sua migliore forma d’espressione, scrive da sempre racconti per l’infanzia, che ripone per discrezione nel cassetto dei suoi sogni.
Esordisce come autrice di una favola illustrata dal fratello.

Pellegrino Capobianco è nato ad Avellino. Da piccolo amava il disegno, la mitologia greca e i racconti arturiani. La matita e i pastelli colorati sono stati i suoi giocattoli preferiti, strumenti che gli sono stati poi indispensabili per osservare e conoscere il mondo. Si è laureato in Archeologia presso l’Università “Orientale” di Napoli. Il suo stile personalissimo e innovativo gli ha meritato molti riconoscimenti nel campo della pittura, arte in cui è conosciuto con lo pseudonimo di Crinos.

Sua è l’immagine di copertina di La ragazza dagli occhi viola, di M. L. Guerrasio (ed. Musso, 2009); la cover del libro Montacuto, 8 febbraio 2008, di Elisabetta Papa (ed. Tabula fati, 2011); le illustrazioni e la copertina del romanzo noir A bocca chiusa (ed. Solfanelli, 2011) e la copertina del libro Nena del Guadalquivir, (ed. Accademia Il Convivio, 2010), entrambi di Ornella Fiorentini.

Il suo sito è www.pellegrinocapobianco.it

Margherita Capobianco: “LE AVVENTURE DI HOLLY”
Copertina e illustrazioni di Pellegrino Capobianco
Edizioni Tabula fati - Pagg. 72 - € 7,00

http://www.edizionitabulafati.it/leavventurediholly.htm

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.