Home > Politica > Striano. Petizione contro la vendita dei terreni. Braccio di ferro tra i (...)

Striano. Petizione contro la vendita dei terreni. Braccio di ferro tra i cittadini e l’amministrazione

giovedì 12 gennaio 2012, di Giovanna Salvati


Striano. Una petizione per impedire la vendita dei terreni della ex 219/81 ma soprattutto per ricordare al sindaco che “non può vendere quei terreni senza discuterne con un tavolo di confronto tra amministratori, cittadini ed associazioni”. Questo il leitmotiv che ha visto ieri il civico 34 avviare una raccolta firme in piazza IV Novembre per chiedere la revoca della delibera 54/2001 con la quale il Comune mette in vendita i terreni della ex 219. Si appellano – all’interno della petizione - all’articolo 84 dello statuto comunale del comune di Striano, i cittadini che hanno la facoltà di “rivolgere all’Amministrazione Comunale istanze, petizioni e proposte dirette a promuovere una migliore tutela degli interessi collettivi”. E ancora all’articolo 88 – comma 6 dello stesso statuto dove il Sindaco, nel caso in cui la proposta/istanza/petizione 84 “comporti un pronunciamento concreto in indirizzo di carattere politico-amministrativo, iscriverà l’oggetto all’ordine del giorno del consiglio comunale. “Perché non incontrare tutti rappresentanti cittadini, privati e associazioni e trovare un’altra soluzione? – fanno sapere alcuni rappresentanti locali – si potrebbe pensare ad una destinazione d’uso, perché un bene della collettività non va venduto e basta. Aspettiamo che il sindaco Del Giudice non snobbi ancora una volta la nostra mobilitazione e che si ricordi che il bene patrimoniale è pubblico e deve essere messo a servizio dei cittadini senza azioni di diktat”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.