Home > Attualità > Pista ciclabile sulla tratta ferroviaria dismessa Torre Annunziata/Cancello

MOVIMENTO "ACERRA LIBERA"

Pista ciclabile sulla tratta ferroviaria dismessa Torre Annunziata/Cancello

“Puntiamo sul parco a tema Pulcinellandia, sul parco archeologico di Suessola e su agricoltura e Green Economy". Enormi benefici in termini occupazionali.

giovedì 12 gennaio 2012, di Mauro Romano


Acerra - Martedì scorso, ad Acerra, il Movimento Naturalista Italiano, rappresentato dal suo Presidente Nazionale, Dr. Gabriele Nappi, ha sottoscritto il documento programmatico del Movimento Acerra Libera, integrando lo stesso con un importante progetto di pista ciclabile sulla tratta ferroviaria dismessa, che partendo da Torre Annunziata, attraverso alcuni paesi vesuviani e passando per Acerra, arriva a Cancello.

Un progetto su cui il Movimento Naturalista italiano sta da tempo lavorando con diversi comuni dell’area vesuviana e con l’ente parco Vesuvio al fine di dare concretezza a questo nuovo corridoio verde e ciclabile.

La sottoscrizione da parte di questo nuovo movimento ambientalista nazionale del Progetto di Città di Acerra Libera, quest’ultimo, peraltro, sta raccogliendo numerose adesioni in città, rappresenta un importante segnale, visto che Acerra, rappresenta una realtà assai significativa sul fronte ambientale e a breve andrà al voto.

Il Movimento Naturalista Italiano, infatti, ha manifestato l’intenzione di presentare una propria lista a sostegno del progetto di Città che il Movimento di Acerra Libera sta portando avanti e dunque sarà a fianco a quei partiti e liste civiche che condividono tale progetto.

Il rappresentante locale del Movimento Naturalista Italiano è stato indicato nella persona del geometra Gaetano Messina, che ha dichiarato soddisfazione nel lavorare con le tante persone del Movimento Acerra Libera, che al di là delle loro appartenenze politiche hanno deciso di riconoscersi su un progetto alto di città e di lavorare affinchè la Città di Acerra ribalti in positivo la sua immagine, puntando sulla valorizzazione del suo patrimonio agricolo, storico-archeologico, sulla green economy e sul progetto della nuova porta della Città nell’area della Marchesa, ex PIP, un Parco a Tema ispirato alla maschera di Pulcinella, capace di riconvertire e riconnotare l’intero comprensorio a Nord di Napoli come area eco-turistico-ludico-ricreativa.

Un progetto quest’ultimo, che a detta del Dott. Luigi Montano (Presidente dell’associazione èidos, anima insieme al Dott. Gennaro Esposito, AssoCampaniaFelix e Dr. Enrico Pirolo del movimento di programma Acerra Libera) da anni impegnato per riconvertire quell’area strategica per uno sviluppo alternativo e sostenibile di Acerra, rappresenta la spina di accensione attraverso cui avviare l’attenzione necessaria sulla Città di Acerra e creare a cascata progetti di riqualificazione e valorizzazione delle risorse territoriali, con enormi benefici in termini occupazionali.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.