Home > Sport > MARIANNA GUERRIERO ARZANO, FESTA E RINGRAZIAMENTI CON VENA POLEMICA

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B1 FEMMINILE

MARIANNA GUERRIERO ARZANO, FESTA E RINGRAZIAMENTI CON VENA POLEMICA

Entusiasti il Presidente Piscopo ed il Presidente onorario Spasiano, i quali, pur ringraziando tutti i presenti, hanno bacchettato le Autorità per la mancata concessione del Palazzetto dello sport di Arzano!

sabato 14 gennaio 2012, di Mauro Romano


Nella straordinaria cornice del Bar Bellagio cafè inizia il nuovo anno della Marianna Guerriero Arzano. Presenti al brindisi buon augurante tutte le massime cariche del Comune di Arzano, il Sindaco, il Dott. Fuschino, l’Assessore allo Sport, l’Avv. Giancone ed il Vice Sindaco, il Dott. Annibale.

Una magnifica serata impreziosita dalla presenza di tutte le giocatrici della Marianna Guerriero Arzano che disputano il campionato di Serie B1 e che hanno colto l’occasione per premiare tutti gli sponsor di questa fantastica annata con diversi regali ed in particolare pregiando l’Assessore Giancone di una bellissima maglia da gioco.

In questa occasione l’Assessore Giancone ha voluto augurare a tutta la società arzanese un altro anno brillante e ricco di successi, raccogliendo così l’applauso di tutti gli addetti ai lavori.

Entusiasti il Presidente Piscopo ed il Presidente onorario Spasiano che nel ringraziare tutti gli sponsor, Guerriero Marianna, Bellagio cafè, Givova, Pas.ca. sas, Radiologia Blasi, Conad, Ortopedia Ruggiero, Dinacci Gioielli, la maison della tenda e 999 parrucchiere, e le autorità intervenute non hanno potuto esimersi dal bacchettare le stesse autorità a causa del mancato accordo per l’utilizzo del Palazzetto dello Sport di Arzano, sottolineando che una realtà come quella della società arzanese merita ben altri palcoscenici.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.