Home > Attualità > "Compagnia del Sorriso", ovvero, lo Spettacolo che entra nel (...)

Al CENTRO SOCIALE di SARNO - SALERNO

"Compagnia del Sorriso", ovvero, lo Spettacolo che entra nel Sociale

“La bella riuscita dello spettacolo”, ci racconta il regista Pasquale Giugliano “è decisamente frutto di un’eccezionale prova corale del cast e dello staff tecnico". "Vieni e Vedrai!’. Ci sono andato e da quel giorno la mia vita è cambiata” sono le parole di Francesco De Maria - responsabile della Direzione Generale della Compagnia.

martedì 31 gennaio 2012, di Mauro Romano


Tutto esaurito e grande successo di pubblico al Centro Sociale di Sarno (SA) per la prima di “MY FAIR MAN – il Pigmalione Napoletano”, commedia musicale in due atti di Mauro Palumbo con la regia di Pasquale Giugliano, che sabato 28 gennaio ha inaugurata la stagione teatrale della “Compagnia del Sorriso” espressione artistica della fraternità di Emmaus.

Ambientata nella Napoli dei giorni nostri, narra di Rosa (Carmela Boccia) pescivendola di Torre Annunziata che si reca dal professore Ignazio De Simone (Raimondo Giangrande), esperto dialettologo per imparare l’italiano. L’uomo, scapolone convinto, accetta l’incarico motivato da una scommessa.

La ragazza diventa trait d’union tra le due facce di Napoli. I personaggi nobili dei salotti altolocati e quelli umili del Porto (particolarmente gradito dal pubblico Giuseppe Giardina nel ruolo di Procolo) si mescolano in un susseguirsi di esilaranti momenti scenici. Un itinerario giocoso che finirà per sconvolgere il mondo, le convinzioni e soprattutto il cuore del professore.

La trama si sviluppa leggera anche grazie alle belle musiche composte ed arrangiate da un componente della Compagnia (Gennaro Esposito), accompagnate dal corpo di ballo (coreografie di Olga Bonagura).
Il ritmo rimane alto e il pubblico, tra momenti brillanti e commoventi, non ha il tempo di annoiarsi e rimane attento per tutta la durata dello spettacolo.

Tant’è che sul finire dello stesso trainato dalla verve del personaggio Ottavio (Luigi Scannapieco), in una indovinata ambientazione surreale che vede il Porto di Napoli trasformarsi in una sorta di discoteca a cielo aperto, non esita a saltare in piedi per ballare sulle note di “Ciondolo” (Appuntamento al molo).

Il tutto incorniciato in una splendida scenografia mobile - anch’essa progettata e realizzata dal Laboratorio della Compagnia - che ha permesso di effettuare i numerosi cambi di scena anche a sipario aperto lasciando il pubblico sbalordito.

“La bella riuscita dello spettacolo”, ci racconta il regista Pasquale Giugliano “è decisamente frutto di un’eccezionale prova corale del cast e dello staff tecnico. Dopo un’esperienza ormai trentennale di teatro amatoriale ho trovato nella ‘Compagnia del Sorriso’ un’organizzazione che ha davvero poco da invidiare ai professionisti.

Sono davvero orgoglioso di loro e li ringrazio dal primo all’ultimo per essersi fidati ed affidati a me per la regia. Mi hanno supportato, ma soprattutto sopportato con passione e pazienza. Ho ritrovato, dopo anni, lo spirito che animava il mio compianto “maestro” di vita e di teatro Angelo Melfa. Sono felice di essere da qualche mese uno di loro e soprattutto di aver avuto l’occasione per offrire un piccolo contributo per il grande progetto umanitario che c’è dietro.”

Lo spettacolo, infatti, è stato realizzato per raccogliere fondi per il progetto “Studiare in Africa”. Un’iniziativa promossa dall’Associazione Progetto Famiglia Cooperazione ONLUS che prevede un’articolata serie di opere a favore dei giovani studenti di Koupela in Burkina Faso. Parte dei lavori è già stata realizzata grazie alla raccolta fondi della precedente stagione. Fondi che i responsabili della Compagnia provvedono personalmente a consegnare in Africa. Adesso si punta al completamento dei lavori del refettorio del centro Juan Paul.

“Prima collaboravo col Progetto con spedizioni e assistenze, alle mie ripetute domande di curiosità mi venne risposto: ‘Vieni e Vedrai!’. Ci sono andato e da quel giorno la mia vita è cambiata” sono le parole di Francesco De Maria - responsabile della Direzione Generale della Compagnia - che aggiunge:

“L’Africa ti entra dentro come quella polvere argillosa e rossa e non puoi più fare a meno di pensare a tutto ciò che hai visto, ai tanti volti che hai lasciato lì. L’idea di collegare il Teatro al Progetto ha innescato meccanismi positivi di relazione in grado di liberare l’energia creativa aggregando una serie di giovani e meno giovani attorno ad un obiettivo comune da raggiungere gioiosamente. Il tutto donando, ciascuno in misura delle sue possibilità, un po’ del proprio tempo”

Occhi lucidi in sala prima dell’inizio della commedia alla proiezione di un toccante video - realizzato da Pasquale Pagano - con immagini dei membri della compagnia sia in fase di realizzazione dello spettacolo sia in Africa durante i viaggi fatti per seguire lo sviluppo del Progetto.

Il Vescovo della diocesi Nocera-Sarno, Giuseppe Giudice e il Vescovo Justin Kientega della diocesi di Ouahigouya in Burkina Faso hanno salutato i presenti e dimostrato la gioia di essere presenti, per testimoniare la loro vicinanza ad iniziative che si fanno annuncio gioioso del messaggio cristiano tra i giovani.

Lo spettacolo ha già in calendario le seguenti date: 18 e 19 Febbraio a Massa di Somma, 17 marzo a Nocera Inferiore, 21 aprile a Sarno. Per maggiori info sul Progetto e sulla Compagnia visitate il sito www.lacompagniadelsorriso.com

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.