Home > Attualità > Comunicati Stampa > Somma Vesuviana, la giunta approva il piano urbanistico attuativo

Somma Vesuviana, la giunta approva il piano urbanistico attuativo

venerdì 3 febbraio 2012, di Comunicato Stampa


Oggi si è svolta alle ore 14:40 la giunta.
Tra gli argomenti c’erano atti tesi a rendere fruibile il Castello D’Alagno nel più breve tempo possibile con la fornitura e posa in opera delle attrezzature necessarie. Successivamente è stato approvato il P.U.A. (piano urbanistico attuativo) attraverso il quale si è riuscito ad evadere una richiesta ultratrentennale di una delle più vecchie famiglie sommesi (fratelli D’Avino) adusi alla lavorazione dello stoccafisso. Il nostro atto servirà a delocalizzare le attività dell’azienda dei fratelli D’Avino, consentendo al paese, specificatamente agli abitanti di Via Stillo, una maggiore vivibilità e la possibilità di lavoro dalla nascente nuova struttura.

Il Sindaco

Dott. Raffaele Allocca

Messaggi

  • Il piano urbanistico attuativo è uno strumento per definire gli interventi urbanistici in determinate località del territorio. Somma vive una situazione urbanistica anomala dove, un obsoleto piano regolatore ha rallentato definitivamente e in modo irreversibile lo sviluppo economico e sociale della città. Tante sono le località con problematiche serie e remote e la risoluzione non può essere una semoplice pratica attuativa, soprattutto se quest’ultima serve a risolvere il problema, seppur trentennale, della "sola famiglia D’AVINO" e non della località Via Stillo-Via Tirone-Via Carmine, così come dovrebbe essere per legge. Non vorremmo che questa sia l’anticipo di una cambiale elettorale in vista delle prossime elezioni. Onore alla giunta e sollecitazione all’organo di vigilanza e controllo. Taluno vi saluta

  • Il piano urbanistico attuativo è uno strumento per definire gli interventi urbanistici in determinate località del territorio. Somma vive una situazione urbanistica anomala dove, un obsoleto piano regolatore ha rallentato definitivamente e in modo irreversibile lo sviluppo economico e sociale della città. Tante sono le località con problematiche serie e remote e la risoluzione non può essere una semoplice pratica attuativa, soprattutto se quest’ultima serve a risolvere il problema, seppur trentennale, della "sola famiglia D’AVINO" e non della località Via Stillo-Via Tirone-Via Carmine, così come dovrebbe essere per legge. Non vorremmo che questa sia l’anticipo di una cambiale elettorale in vista delle prossime elezioni. Onore alla giunta e sollecitazione all’organo di vigilanza e controllo. Taluno vi saluta

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.