Home > Cronaca > Striano. Esplode una stufa a gas: 40enne intossicato

Striano. Esplode una stufa a gas: 40enne intossicato

martedì 21 febbraio 2012, di Giovanna Salvati


Striano. Fuga di gas: tragedia sfiorata. Una notte da incubo quella vissuta in via Furchi dove la scorsa notte è esplosa una stufa a gas. Attimi di paura per i residenti della zona e gli stessi proprietari dell’appartamento che fortunatamente sono usciti illesi dallo scoppio. L’ esplosione è avvenuta dopo le 23,00 quando a pochi metri dall’abitazione sfilavano i carri allegorici e centinaia di persone popolavano la strada adiacente all’edificio teatro del fragore. In casa, al primo piano, una coppia di coniugi era appena rientrata dalla festa cittadina: qualche minuto per riscaldarsi vicino alla stufa prima di andare a dormire. Ma improvvisamente un forte boato fa tremare l’intera palazzina. Scatta subito l’allarme e si pensa al peggio: i residenti degli altri due appartamenti iniziano a gridare, sono attimi di paura. Ad arrivare sul posto per primi i carabinieri della locale stazione, guidati dal maresciallo Antonio Botta, con loro i vigili del fuoco che iniziano le operazioni per domare le fiamme. L’incendio coinvolge la cucina dove la stufa era stata accesa ed il balcone. Tutto sembra l’inferno: le fiamme, il fumo e poi le grida. Si cerac di capire quanti siano i dimoranti, il tutto cercando in una corsa contro il tempo. Nel frattempo gli uomini del maresciallo Botta e i vigili del fuoco irrompono nell’abitazione per cercare di portare in salvo i proprietari. Ne usciranno illesi, solo un uomo 40enne riporterà lievi intossicazioni da monossido di carbonio, e tutt’ora ricoverato presso l’Ospedale di Sarno ma le sua condizioni sono rientrate nella normalità, eccetto lo stato di schock per il forte spavento. Alla base della forte esplosione, secondo i carabinieri, cause del tutto accidentali, ma nonostante i danni riportati dall’edificio che ha visto completamente sventrato il balcone che nello scoppio si è completamente staccato dall’immobile cadendo compatto al suolo, e l’intera cucina completamente rasa al suolo dalle fiamme, i rilievi effettuati dai tecnici non hanno riscontrato nessuna compromissione nella staticità del palazzo di due piani. L’appartamento è stato sottoposto, secondo le normali procedure, al sequestro. Una vicenda senza dubbio assurda che pone l’attenzione, e nel contempo sensibilizza al corretto uso di stufe o bracieri: non è infatti la prima volta che esplodono stufe a gas, o ci siano intossicazioni da monossido di carbonio per chi ha ancora la primitiva abitudine di riscaldarsi con i carboni. Insomma un incidente domestico che ha evitato una tragedia non solo per i residenti nella palazzina ma ancora di più per i tanti accorsi a pochi metri dal luogo dell’esplosione per partecipare alla festività carnevalesca.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.