Home > Politica > Rifiuti, Paolo Russo (Fi): "No ad altri veleni nel nolano"

Rifiuti, Paolo Russo (Fi): "No ad altri veleni nel nolano"

mercoledì 9 gennaio 2008


MARIGLIANO - “Altri veleni in arrivo nell’area nolana. A Palazzo Chigi, con la complicità di Bassolino e Di Palma, si ragiona su Tufino e Marigliano. Ma quel territorio non ha bisogno di discariche perché pratica con successo la raccolta differenziata, raggiungendo risultati che superano il 50%. La verità è che ci troviamo di fronte all’ennesima violenza ambientale già perpetrata in passato”: lo dichiara il parlamentare di Forza Italia, Paolo Russo che si scaglia contro l’ipotesi della realizzazione di uno sversatoio a Marigliano e la riapertura della discarica di Paenzano 2 a Tufino.
“E’ una scelta sbagliata dal punto di vista tecnico, scellerata dal punto di vista dell’ordine pubblico, incivile – prosegue il parlamentare – da quello delle relazioni sociali e della credibilità istituzionale. Se accadesse quanto temiamo lo Stato, questo Stato, agirebbe come la camorra che utilizza l’area nolana per sversare illegalmente i rifiuti, rendendola il triangolo della morte”.
“In ogni caso – conclude Russo – se Governo, Regione e Provincia hanno deciso di farlo lo facciano pure. Troveranno le istituzioni locali a rispondere compatte a questa ennesima violenza. Tutti insieme, cittadini e rappresentanti del territorio, reagiranno alla violenza con violenza”.

Messaggi

  • La crisi che sta attanagliando la nostra regione per i rifiuti,è sotto gli occhi di tutti.
    Tutti pronti ha sparare contro Bassolino,tutti pronti nel cercare il caprio espiatoio tutti contro il centrosinistra.
    On.Russo visto che tutto questo parte da lontano non da adesso,in cinque anni del governo berlusconi,come mai il prefetto catenacci inviato dal suo governo,non riusci ha risolvere il problema?
    Eppure aveva poteri superiori al presidente della regione.

    • SEMPLICE:
      La politica è l’arte di evitare che la gente si occupi delle cose che la interessano.
      Paul Valéry

      Quindi la POLITICA DEL RIMBALLO è quella più di moda per il SUD ITALIA.

      RIFIUTI di DESTRA e RIFIUTI DI SINISTRA si AUTODIFENDONO DA SOLI.

      MA QUELLI CHE CI VIVONO CON ESSI NON HANNO ALCUN DIRITTO DI RISPEDIRLA AL MITTENTE.

      QUESTA E’ LA POLITICA ED I POLITICI.

      www.reatommaso.it

    • Per la verità questa autentica tragedia non c’è stata durante il governo berlusconi , ma solo adesso e dire che bertolaso lo aveva avvertito Prodi , solo che il Pecoraro scanio lo ha mandato a casa bertolaso messo dal berlusca e in ogni caso la responsabilità sia ben chiaro è degli amministratori regionali che sono governati da 12 anni dal centrosinistra .Altro che chiacchiere.

    • FACCIO UNA PROPOSTA MOLTO SERIA.
      ANTONELLO PISCITELLI, PROFESSIONISTA DI SOMMA VESUVIANA, E’ASSESSORE ALLE FINANZE E PATRIMONIO AL COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO (RM) DOVE C’E’ UNA GRANDE DISCARICA.
      PERCHE’ NON CHIEDIAMO AIUTO A LUI VISTO CHE E’ SOMMESE, ALMENO PER I RIFIUTI DI SOMMA?
      Gennaro D’Avino
      Somma Vesuviana

    • Oggi è facile scaricare le responsabilità su tutti ma in giro, ha parte, la proposta del governo PRODI sento solo voci di dimissioni ma proposte dove sono per risolvere il problema sento sentire solo no qua no la ma responsaliziamoci tutti? grazie

    • Ma quale proposta del governo Prodi, il sig. prodi è responsabile nella misura in cui ha affidato il ministero dell’ambiente ad un signore, tale Pecoraro scanio che per anni spalleggiato dai governanti regionali (Bassolino) e da quelli provinciali (Sodano)si è opposto in maniera colpevole alla costruzione dei CDR che guarda caso sono presenti in tutto il mondo civile per non parlare delle regioni del nord Italia (anche quelle di sinistra ) che se ne sono fregate dell’opposizione di quel signore oggi diventato ministro dell’ambiente.
      Voi vi chiederete come mai anche le regioni del nord di sinistra si sono costruiti i loro termovalorizzatori non tenendo conto del Pecoraro!, la risposta sta semplicemente che il Sig pecoraro scanio è eletto nel colleggio campano e quindi proditoriamente pur di racimolare voti per se (se no doveva veramente andare a lavorare come tutti i cristiani)ha dato corda a tutte le proteste buone e cattive e adesso noi ci ritroviamo in questo casino per le responsabilità proprio di gente che ha ostacolato decisioni importanti per l’intera comunità.
      Ecco perchè il sig. ministro dell’ambiente se ne deve andare a casa.

      E poi scusate fino a ieri era contrario a tutto e adesso voilà le discariche si possono aprire nei parchi , in deroga a tutto e a tutti. Addirittura adesso gli va bene anche il CDR!!?? MA PECORARO SCANIO IO ME LO RICORDO ANCORA COME SE FOSSE OGGI QUANDO ARRINGAVA LA GENTE AD ACERRA...contro tutte le ipotesi di costruzione dei CDR ( cosa si fa per i voti e andare in parlamento e guadagnare 30.000 euro al mese come ministro).
      Perciò questi autentici pulcinella se ne devono andare a casa tutti a casa oppure che se prenda na zappa e vada a spalare la monezza ...la sua monezza poichè questo disastro è anche è sopratutto conseguenza delle sue scellerate azioni politiche,,altro che Prodi...ve la ricordate la frase:

      "LA SERIETA’ AL GOVERNO"

      Io me la ricordo molto bene, autentici pagliacci della politica

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.