Home > Sport > 15^ coppa carnevale Città di Saviano di ciclismo

DOMENICA 4 MARZO 2012

15^ coppa carnevale Città di Saviano di ciclismo

La classica di primavera apre la stagione dei cicloamatori e chiude le manifestazioni del carnevale.

giovedì 1 marzo 2012, di Mauro Romano


SAVIANO – Si svolgerà domenica 4 marzo 2012 la XV edizione della coppa ciclistica “Carnevale - Città di Saviano”, classica di primavera che apre la stagione agonistica cicloamatoriale. Organizzata dal Club Ciclistico “Amici del Pedale” guidati dal presidente Gioacchino Ciccone, la manifestazione è patrocinata dal Comune di Saviano ed è inserita nel vasto programma delle manifestazioni collaterali al carnevale 2012.

Ai nastri di partenza circa 300 ciclisti divisi in due batterie: La prima partenza vedrà impegnati i master40, gli atleti dai 40 ai 65 anni, che percorreranno 7 volte il circuito di 8 Km per un totale di 56 Km.

Per la seconda batteria ai nastri di partenza gli under 40, atleti dai 18 ai 39 anni, che effettueranno un giro in più del circuito. Circuito che presenta una asperità in località Panico.

Partenza da Corso Italia, poi Tappia-Furignano, il ritorno verso Aliperti e provinciale Fressuriello, infine via Sena e di nuovo Tappia-Furignano per otto volte. L’ultimo giro da via Sena il lungo rettilineo che porta di nuovo a Corso Italia dovìè previsto l’arrivo.

Una organizzazione che non lascia nulla al caso con due partenze distinte e separate e una rosa di corridori che abbraccia tutti, dai più forti e blasonati nomi ai semplici amatori che vogliono solo misurarsi.

Anche la premiazione è molto generosa con premi ai primi 20 assoluti di ogni batteria, traguardi volanti a ogni giro e per il 9° anno consecutivo il premio speciale “ Marco Pantani” ché andrà al più combattivo per entrambe le batterie.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.