Home > Cultura > Diciamolo con la Poesia, vince Mauro Milani da Genova

ROCCARAINOLA - CONCORSO NAZIONALE DI POESIE

Diciamolo con la Poesia, vince Mauro Milani da Genova

Alla premiazione avvenuta lo scorso 4 marzo presso la sede della compagnia del presidente Gennaro Meo, a Roccarainola, le cose sono state fatte in grande stile. Innanzitutto per la presenza del sindaco della cittadina ospitante, Raffaele De Simone, che ha portato il proprio saluto agli intervenuti da ogni parte d’Italia.

sabato 10 marzo 2012, di Mauro Romano


E diciamolo che sono bravi! E diciamolo che ad averci a che fare si è sempre in tema di sorprese. Diciamolo ancora, anzi, “Diciamolo con la Poesia”. All’inizio, l’apposito sito lanciato su ‘Facebook’ da Thomas Mugnano, leader della compagnia teatrale “I Matt…Attori”, era da considerarsi una semplice occasione per dare la possibilità a tanti di pubblicare i propri versi o affini senza alcuna pretesa.

Nessuno dei promotori pensava a tanti consensi. Neanche il più ottimista immaginava che tanto entusiasmo portasse, in seguito, ad indire un vero e proprio premio letterario nazionale dall’omonimo titolo. Un concorso che ha riscontrato l’adesione di un centinaio di elaborati tra poesie in lingua ed in vernacolo napoletano, da premiarne tre e da indicarne 15 finaliste, poi classificate per volere della giuria, tutte quarte ex aequo.

Alla premiazione avvenuta lo scorso 4 marzo presso la sede della compagnia del presidente Gennaro Meo, a Roccarainola, le cose sono state fatte in grande stile. Innanzitutto per la presenza del sindaco della cittadina ospitante, Raffaele De Simone, che ha portato il proprio saluto agli intervenuti da ogni parte d’Italia.

Che dire poi della scelta di far condurre l’avvenimento ad un presentatore professionista, Ralph Stringile – nel cui curriculum figurano recenti trascorsi con attori di fama nazionale quali Lando Buzzanca - coadiuvato dalla graziosissima rappresentante del gruppo, Mina Dello Russo, entrambi bravissimi a centellinare ad un pubblico delle grandi occasioni non solo attimi intensi di poesia, ma anche di spettacolo teatrale e musicale.

Quest’ultima componente affidata alla calda voce di Danilo Bens che oltre ai finalizzati ‘sottofondi musicali’ ha trasmesso alla numerosissima platea forse l’attimo più appassionato ed emozionante della serata: il ricordo dell’immenso Lucio Dalla nella splendida performance di ‘Piazza Grande’ versione strappalacrime.

Thomas Mugnano in varie fasi ha messo in mostra la sua bravura di attore/poeta avvalendosi della collaborazione dell’attrice Marianna Riccardi, spalla eccellente nel significativo duetto che ha messo in evidenza la sua ottima dizione, accompagnata ad una ‘siluette’ per niente trascurabile.

Non è mancata una pregevole anticipazione del nuovo spettacolo di prossimo debutto – 16/17/18 marzo teatro Saviano – “Napoli…Tudine” del quale è stata apprezzata l’esibizione corale nel brano che meglio rappresenta l’opera scritta, diretta ed interpretata dal poliedrico Thomas. Sfiziosissima la parodia de ‘A Livella dell’indimenticabile Totò, figurante un litigio tra il presidente del Napoli calcio scudettato, Corrado Ferlaino e quello della Juventus, Giampiero Boniperti, ad opera di Antonio Alfano.

Ancorché più significativa l’ardente recita del più giovane della compagnia, quell’Antonio Avilio che, a dispetto della sua giovanissima età, sta bruciando le tappe in significative performance sia teatrali che letterarie. Esempio pratico ne è la recita di “Napule Song Je!”che ha tenuto il numerosissimo pubblico col fiato sospeso fino all’ultima sillaba, fino all’ultimo gesto …

La giuria - con la poetessa Tina Piccolo presidente e completata dal poeta/scrittore Mauro Romano, dalla d.ssa Marianna Riccardi ed Ester Mocerino, queste ultime anche coordinatrici dell’evento organizzato dal Matt…attore principe Thomas Mugnano – ha assegnato la vittoria all’unanimità al genovese di origini napoletane Mauro Milani, autore della poesia ‘Senza Sbarre’, un incisivo, crudo tratteggio della condizione dei giovani in un carcere minorile, luogo dal quale si può ‘evadere’ solo attraverso i ‘voli’ che la poesia concede , unica ‘dea’ capace di trapassare le sbarre! Premiata con artistico trofeo, la lirica verrà letta ad ogni spettacolo dei “Matt…Attori” nella loro tournèe.

Il secondo premio – targa + buono da 100 euro - è stato conseguito da Marina Fedele per la poesia ‘Aspetta’, essenziale nel verso asciutto ma condensato da un lirismo di struggente speranza. Il terzo riconoscimento è andato a Rosaria Cerino, autrice dei versi in vernacolo napoletano dal titolo ‘So Napule’, che ha portato a casa una targa e relativa pergamena attestante la sua posizione e tingendo, altresì, il podio della nostra lingua/dialetto. Il premio speciale della giuria è stato attribuito ad Anna Verlezza di Santa Maria a Vico (CE) per essersi classificata nei primi 15 autori con tutte e tre le poesie inviate, delle quali ha recitato ‘Alfa e Omega’.

Riteniamo comunque giusto menzionare i nominativi dei poeti entrati nella ‘rosa dei 15’ con a fianco il titolo dell’opera inviata: Fausto Marseglia: ‘O’ suonno e pullecenella’; Tronci Maura: ‘Sò nata femmena’; Dora Della Corte: ‘O’ Pate’; Maione Rosa: ‘Cuori dell’universo’; Tarantino Luigi: ‘Syrica’; Nino Cesarano: ‘Turmiento’; Antonio D’Alessandro: ‘I figli di nessuno’; Maria Rita Sodano: ‘Libera la mente’; Luigi Giuseppe Siciliano: ‘Il cogliere di un fiore’; Salvatore Di Ruocco: ‘La tua presenza’; Antonio D’Angelo: ‘O’ Turist’; Pascucci Antonio: ‘A zuppa e carnacotta’; Valeriano Foglia: ‘Signore Onnipotente’; Bergamasco Francesco: ‘All’infrangersi di un’onda’.

Nel corso della manifestazione, i tempi scanditi in modo egregio dall’oseremmo dire ‘Matt…Attore aggiunto’ Ralph Stringile, mai tentennante e mai sorpreso dall’incessante evolversi dell’evento, hanno proiettato la vulcanica presidentessa di giuria a tenere banco con interventi correlati ad aneddoti che hanno contraddistinto la sua lunghissima carriera di poetessa e con la recita di poesie autobiografiche.

Di ‘pasta’ diversa, meno evocativa ma con pungenti tratti stilizzati in rapporto ai sui studi letterari, la lirica uscita dalle ‘corde’ di Mauro Romano, propensa ad indicare “Una Strada” a chi spesso, nella ‘teoria dell’illuso che chiami speranza’ intende barcamenarsi con dignità ed orgoglio tra ‘cielo’ e terra, appena dopo aver dichiarato di essersi trovato spesso nelle vesti di concorrente: da vincitore e non!

Sfavillanti emozioni, attimi suggestivi, hanno accompagnato non solo l’intero gruppo dell’associazione organizzatrice, a partire dal presidente Gennaro Meo e la sua vice Laura Alaia, dalla veterana Marialuisa Gremito, Rossella Tarantino, Carmine Cavezza, Felicya Sarno, ma anche i tanti altri di cui abbiamo stampato in mente i volti ma dei quali non ricordiamo il nome e per i quali ‘recupereremo’ in un prossimo evento.

Ad addolcire i palati più esigenti, alla fine, ci ha pensato quel magico sapore di torta – e la cosa non è riferita al solo gusto o olfatto - con inciso la scritta ‘Diciamolo con la Poesia’. Diciamolo senza alcun timore di sbagliarci!

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.