Home > Cronaca > Poggiomarino. Donne e lavoro: a discuterne sono le manager in (...)

Poggiomarino. Donne e lavoro: a discuterne sono le manager in gonnella

sabato 17 marzo 2012, di Giovanna Salvati


Poggiomarino. Uomo e donna? Come ragione e pazzia, uno non può esistere senza l’altro. E’ questo il connubio sintesi del convegno “Donna e Lavoro” andato in scena ieri pomeriggio nel plesso scolastico di via Roma. A tagliare in nastro dell’evento il primo cittadino Leo Annunziata che ha sottolineato l’importanza del ruolo della donna in ogni settore. Ad accompagnare le donne nel dibattito Eugenia D’Ambrosio, consigliera comunale nonché Presidente Commissione Pari Opportunità “l’idea di coinvolgere le forze femminili, rappresentati di più realtà poggiomarinese nasce dall’esempio e dall’impegno quotidiano che centinaia, migliaia di donne mettono ogni giorno in campo iniziando dal ruolo di mamma, moglie, donna, imprenditrice, insegnante, e donna politica. Non si tratta solo di pari opportunità ma di dare merito a donne che ogni giorno sono in trincea in paese come in ogni altra parte del mondo”. Un’ampia panoramica sul ruolo delle donne e soprattutto sul significato delle donne nella società di oggi è stata fatta invece dall’assessore alle politiche sociali dell’ente poggiomarinese Angela Iovino che ha spiegato “la donna non va festeggiata solo l’8 marzo, ma ogni giorno con rispetto, e il giorno 8 dovrebbe essere una commemorazione per la morte di tante donne , che attraverso quel crudo episodio, permettono oggi a noi di essere una realtà che va rispettata ed esalta in ogni sua forma e in ogni suo settore”. “Le donne devono riappropriarsi di ciò che è loro, - tuona l’onorevole del partito democratico Maria Fortuna incostante - nella vita politica soprattutto si parla di quota rosa ma il numero delle donne in politica è sempre più esiguo, le percentuali sono basse eppure dalle donne si generano le migliori idee che potrebbero davvero ridonare uno slancio al nostro paese, lode a quei sindaci come il vostro che in giunta ha due donne”. Presenta al tavolo dei relatori anche la Psicologa Maria Fantasia, ex assessore della giunta Vastola che ha sottolineato “la donna ha un duplice ruolo nella società di oggi ed è colei che guardando sondaggi nazionali in Italia dimostra di più che in ogni parte del mondo di avere una professionalità. Dall’Italia si muovono centinaia di laureate, superano le statistiche mondiali eppure nelle dirigenze imprenditoriali la donna che potrebbe avere il ruolo di collante anche tra più realtà non è ancora riconosciuta ed inserita”.Emozionata invece l’assessore al bilancio Mariangela Nappo “il mio ruolo in questa amministrazione è per il settore bilancio spesso ricoperto da uomini, questo grazie al sindaco ma il mio impegno deve rappresentare un impegno per tutte le donne che hanno tanti talenti, non necessariamente laureati o professioniste ma che spesso hanno un ruolo da emarginate”. A riscuotere successo infine la testimonianza di una giovane imprenditrice MariaLuisa Squitieri “sono laureata in storia ma ho aperto un’attività agricola, il riscatto siamo noi, la nostra volontà e soprattutto la nostra grinta, certo non sono mancati i momenti di sconforto, ma è in quelli che bisogna trovare la spinta maggiore”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.